Getty Images

Sconvolto l'austista che ha investito Hayden: "Andavo al lavoro, è spuntato all'improvviso"

Sconvolto l'austista che ha investito Hayden: "Andavo al lavoro, è spuntato all'improvviso"

Il 19/05/2017 alle 14:26Aggiornato Il 19/05/2017 alle 14:33

Poche parole, insieme a dei ripetuti "mi dispiace", da parte del 30enne di Morciano che mercoledì ha investito il pilota. Non è indagato, alcoltest negativo. L'americano è ricoverato in condizioni gravissime all'Ospedale di Cesena.

Eurosport Player : Segui l’evento LIVE

Guarda Eurosport

Nuovo capitolo sull’incidente che ha coinvolto Nicky Hayden mercoledì scorso sulla strada che da Riccione porta a Tavoleto. Ha parlato il ragazzo che, alla guida della sua auto, ha investito il pilota Superbike, ora ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale Bufalini di Cesena. “Stavo andando al lavoro, poi lui è venuto fuori all’improvviso dallo ‘Stop’”, ha detto il 30enne di Morciano ancora sotto choc. Poche, uniche parole, insieme a una serie di sentiti “mi dispiace”, che dicono di un uomo sconvolto dal dolore per il tragico incidente che sta mettendo a repentaglio la vita di Hayden.

Il padre del ragazzo ha chiesto di poter incontrare i familiari di “Kentucky Kid”, sbarcati ieri a Bologna per raggiungere l’ospedale cesenate e stare vicini all’ex campione MotoGp. La famiglia del 30enne morcianese ha espresso più volte massima solidarietà nei confronti di pilota e parenti.

A far luce sulla dinamica ci penserà la Polizia intercomunale di Riccione, Misano, Coriano e Cattolica, intervenuta sul posto. Negativo all’alcoltest, il 30enne romagnolo non è al momento indagato e ci vorranno giorni e indagini per chiarire quale sia stata la dinamica e quali siano le responsabilità dei due protagonisti dell’incidente. Ciò che purtroppo è da rilevare sono le condizioni molto preoccupanti di Hayden, che ha subito un grave danno cerebrale.

Video - Chaz Davies fa 2/2 a Imola; Melandri chiude al 5° posto

00:56
0
0