LaPresse

Djokovic rischia grosso, ma la spunta con Simon

Djokovic rischia grosso, ma la spunta con Simon
Di Eurosport

Il 18/04/2017 alle 18:02

Il serbo dà al francese l'occasione di servire per il match, ma questi non la sfrutta e cede proprio sul più bello. Finisce 6-3 3-6 7-5.

Novak Djokovic fatica oltremodo con Gilles Simon, ma alla fine la spunta e accede al terzo turno del Masters 1000 di Montecarlo. Il serbo, in poco più di due ore e mezza di gioco, supera il francese per 6-3 3-6 7-5.

L'incontro

La verità è che, più che vincere Nole, è il transalpino a perdere, per come si era messa la situazione. Nel primo set, con un break e controbreak, alla fine Nole mette la quarta in chiusura di parziale e strappa di nuovo il servizio all'avversario, portandosi sull'1-0.

Nel secondo, però, si vede una netta flessione nella qualità del gioco dell'ex numero 1 del mondo, che si dimostra impreciso, sbaglia tanto e soprattutto non è per nulla solido nei propri turni di battuta. così, con un altro break e controbreak, alla fine è Simon a portarsi sul 4-2 e, riuscendo a mantenere il break di vantaggio, riporta la sfida in equilibrio.

Nel terzo set simon si porta avanti 3-2 e servizio, ma la reazione di Djokovic è immediata per il 3-3. Il nuovo break per Simon sembra quello decisivo, perché si ritrova avanti 5-4 e con in mano il servizio per chiudere il match. Sospinto da un tifo assordante (nonostante Nole sia residente a Montecarlo), il transalpino va alla battuta sotto pressione e con la tremarella. Sbaglia tutto e si lascia aggredire dall'avversario, che è pur sempre Djokovic e che non se lo fa ripetere due volte: controbreak e nuovo equilibrio. Nel 12esimo game del terzo set,, quando Simon è avanti 30-0 e quindi a un passo dal tie-break, di nuovo si ritrova inconcludente e quando arriva il match point per il serbo, chiude "suicidandosi" con un grave errore di dritto.

Le statistiche

I due si incontravano per la 12esima volta e il bilancio è impietoso, che resta a una sola vittoria per il francese. Le percentuali di Nole al servizio non sono ancora abbastanza per garantirsi una certa sicurezza (61% di prime in campo e 63% di punti vinti con la prima di servizio); si potrebbe obiettare che Djokovic è meglio come "defender", ma stavolta non trova la sua consueta aggressività in risposta e spesso il suo colpo preferito, il rovescio, diventa impreciso e fuori misura.

In conclusione, il Djokovic visto al secondo turno di Montecarlo non è fortunatamente lo stesso che perse lo scorso anno contro Vesely, ma non è nemmeno vicino al Nole Pigliatutto di qualche tempo fa. Adesso affronterà il vincente della sfida tra Carreño busta e Khacharov.

***

Bene Tommy Haas, che si impone su Benoit Paire per 6-2 6-3 e andrà a sfidare Tomas Berdych. Jiri Vesely conferma il buon feeling con il torneo e, dopo aver eliminato l'anno scorso al secondo turno l'allora numero 1 del mondo Novak Djokovic, questa volta si impone su Mischa Zverev per 7-6 6-3.

I risultati del primo turno

Lopez-Medvedev 7-6 7-5

Haase-Dzumhur 6-3 6-2

Khachanov-Mahut 6-2 6-4

Struff-Ruud 6-4 6-4

Lorenzi-Granollers 6-2 6-4

Berloq-Herbert 3-6 6-2 6-1

Muller-Robredo 6-2 6-2

Chardy-Coric 7-6 3-6 6-3

I risultati del secondo turno

Mannarino-Tsonga 6-7 6-2 6-3

Video - Djokovic e gli Australian Open: un'altalena di gioie e dolori

00:51
0
0