LaPresse

Fognini: "Volevo giocare di sera, qui a Roma quando chiedi una cosa fanno il contrario"

Fognini: "Volevo giocare di sera, qui a Roma quando chiedi una cosa fanno il contrario"

Il 18/05/2017 alle 15:09Aggiornato Il 18/05/2017 alle 15:42

Il tennista azzurro, dopo il match perso contro Zverev, se la prende con gli organizzatori: "La verità è che le condizioni hanno favorito il tedesco, a quest'ora il campo è più veloce".

" Vogliamo dirla tutta? Avrei preferito giocare di sera, ma tanto qui a Roma quando chiedi una cosa fanno sempre il contrario. La verità è che le condizioni hanno favorito Zverev, a quest'ora il campo è più veloce..."

Il numero 29 del ranking Atp ne ha per tutti e punta il dito anche contro l'esperto arbitro svedese Lahyani, anche se l'occhio di falco gli dà torto:

" Ha fatto una cazzata, ha chiamato buona una palla di Zverev che era fuori. Peccato. Peccato pure perché sul 5-3 per lui ero 40-15. Mi sarebbe piaciuto andare 4-5, avrei giocato col vento a favore... chissà. Anche perché lui, dopo non avermi lasciato niente nel primo set, nel secondo qualcosa mi stava concedendo. C'è amarezza, certo. Ma sono felice perché sto giocando bene e in fondo ho perso contro un avversario che ha tutto per diventare presto il numero 1 al mondo"

L'unico sorriso lasciato in sala stampa è dedicato all'imminente arrivo del suo erede:

" Ora però parto subito, prendo il primo volo e vado da Flavia. Ora vado a vincere il mio torneo più grande"

Video - Nadal: "Giocare al Roland Garros è qualcosa di unico"

04:24
0
0