Getty Images

I convocati dell'Italia per la Coppa Europa ai raggi X: squadra giovane compatta per la salvezza

I convocati dell'Italia per la Coppa Europa ai raggi X: squadra giovane compatta per la salvezza

Il 07/08/2019 alle 11:39

Dal nostro partner OAsport.it

Obiettivo salvezza, ma la missione sarà tutt’altro che semplice per l'Italia che partieciperà alla Coppa Europa 2019 di atletica leggera in programma a Bydgoszcz (Polonia) nel weekend del 9-11 agosto. La storica competizione per Nazionali, ora ribattezzata Europei a squadre (cambia il nome, non la sostanza), prevede la presenza di 12 formazioni ma ben cinque retrocederanno nella categoria inferiore: gli azzurri saranno chiamati a una prova di assoluto spessore, hanno tutte le carte in regola per ottenere un buon risultato ma si dovranno presentare all’appuntamento convinti delle proprie possibilità e con la convinzione di dover realizzare una prestazione di assoluto spessore tecnico.

Vedremo all’opera ben 54 atleti (27 uomini e altrettante donne) ma mancheranno due stelle di assoluto spessore come Gianmarco Tamberi e Filippo Tortu, assenti a causa dei rispettivi infortuni: sono in fase di recupero e saranno protagonisti ai Mondiali di inizio autunno ma non verranno rischiati per questa trasferta. Ben 17 convocati hanno partecipato agli Europei Under 23 di due anni fa che andarono in scena proprio in questa città, è lampante il ricambio generazionale che sta avvenendo in seno al nostro movimento e che dovrebbe dare i suoi frutti. Tra questi giovani spiccano in particolar modo Yeman Crippa che sarà chiamato a conquistare punti pesanti su 3000 e 5000 metri dopo aver vinto la Coppa Europa dei 10000 metri ma anche Ayomide Folorunso attesissima sui 400 ostacoli, Filippo Randazzo promettente nel salto in lungo, Luminosa Bogliolo che è sempre più vicina al record italiano dei 100 ostacoli, la discobola Daisy Osakue che ormai è una certezza dopo la finale degli Europei dello scorso anno, Leonardo Fabbri che vuole distinguersi nel getto del peso. Il gruppo, la cui età media complessiva è di 25,16 anni, sarà guidato da Stefano Sottile che dopo aver saltato 2.33 agli Assoluti di Bressanone spera ancora di volare in alto e di dire la sua in un contesto davvero probante. Altre punte di diamante sono Marcell Jacobs che in stagione ha corso i 100 metri in 10.03 e Davide Re, fresco primatista nazionale dei 400 metri e pronto a un’altra bella stoccata delle sue.

L’Italia che si presenterà a Bydgoszcz è molto coesa e compatta, ci sono degli annunciati picchi e dei settori ben coperti come il fondo maschile, la velocità maschile (Eseosa Desalu sui 200), alcune prove di salto (oltre a Randazzo e Sottile ricordiamo Alessia Trost nell’alto femminile, l’esperto Fabrizio Schembri nel triplo, Sonia Malavisi e il rientrante Claudio Stecchi nell’asta) ma anche alcune criticità soprattutto nei lanci visto che Marco Lingua (martello), Giovanni Faloci (disco), la veterana pesista Chiara Rosa (52esima maglia azzurra per lei) e Sara Fantini (martello) non offrono grandi garanzie. Maria Benedicta Chigbolu sui 400, Hassane Fofana sui 110 ostacoli, Marta Zenoni sui 1500 e 3000 possono portare a casa dei punti importanti in ottica salvezza. Ci saranno ben 9 esordienti in azzurro: Luca Cassano, Eloisa Coiro, Alice Mangione, Stefano Sottile, Matteo Spanu, Francesca Tommasi, Marta Zenoni e le promettenti 2001 Chiara Gherardi e Dalia Kaddari.

Video - Luminosa Bogliolo domina la finale dei 100 ostacoli! Oro e tempone per l'azzurra

00:51
0
0