Imago

Il Banco di Sardegna Sassari cade ad Ankara dopo una sfida dai mille volti

Il Banco di Sardegna Sassari cade ad Ankara dopo una sfida dai mille volti

Il 23/10/2019 alle 20:17Aggiornato Il 23/10/2019 alle 21:42

Partita caratterizzata soprattutto da break e contro-break, oltre che dalle percentuali non proprio esaltanti degli ospiti. Nel 1° tempo Sassari tira 1/16 da 3 di squadra e chiude in ritardo di 12 lunghezze (26-38). Nel 3° quarto il sussulto d'orgoglio dei giocatori di coach Pozzecco: 16-0 di parziale e sfida riaperta. Non basta però il break perché i biancoblu si spengono di nuovo e arriva il k.o

Türk Telekom - Banco di Sardegna Sassari 64 - 56

La trasferta in Turchia, ad Ankara, è amara per il Banco di Sardegna Sassari, che paga soprattutto le percentuali al tiro. I biancoblu dimostrano enorme orgoglio nel parziale di 16-0 con cui rientrano in partita durante il 3° quarto, ma si spengono nuovamente nell’ultima frazione e trovano la prima sconfitta in questa edizione della Basketball Champions League L’inizio della sfida è caratterizzato dai molti errori al tiro di entrambe le formazioni. Sassari lavora però meglio a rimbalzo offensivo e Dyshawn Pierre si conferma uomo-cardine dell’attacco biancoblu. Le bombe di T.J. Campbell e R.J. Hunter permettono ai padroni di casa di trovare un primo, seppur minimo, allungo (15-9), costringendo coach Pozzecco a spendere un timeout per evitare danni peggiori. Moustapha Fall piazza un break personale di 6-0, con 3 grandi movimenti nel pitturato, e permette al Türk Telekom di riallungare sul +8 (21-13) con cui si chiude il 1° quarto, complice anche il pessimo 6/23 al tiro degli ospiti. Le difficoltà offensive del Banco di Sardegna proseguono anche dal 10’ al 15’ di gioco, con soli 6 punti realizzati in quell’intervallo di gara e un incredibile 4/15 su azione che vanifica il costante ottimo lavoro a rimbalzo offensivo (11). I canestri di un incontenibile Hunter spingono la formazione di coach Goren al +15 (36-21), svantaggio che Sassari non può ridurre più di tanto in chiusura di 1° tempo, anche e soprattutto a causa di un inatteso 1/16 di squadra dall’arco dei 6.75.

Video - Dwayne Evans col recupero difensivo e la grande schiacciata in contropiede

01:09

Pierre apre la ripresa con 2 bombe consecutive che, insieme agli errori dei padroni di casa, riportano la Dinamo a -6 (38-32). Il Türk Telekom non segna per i primi 7’ del 2° tempo e subisce contestualmente un parziale di 0-16 che riapre totalmente la sfida e ridà il vantaggio ai biancoblu (38-42). A interrompere l’emorragia offensiva dei padroni di casa ci pensa la provvidenziale tripla di Kyle Wiltjer, seguito a ruota da Campbell per un 5-0 turco in 3 possessi. Il parziale per la formazione di coach Goren si allunga fino al 9-2 e garantisce un minimo vantaggio (47-44) in chiusura di 3° quarto. Dwayne Evans è scatenato nei primi possessi dell’ultima frazione e realizza 5 punti in fila per ribaltare nuovamente il punteggio. Il Türk Telekom risponde però con un break di 11-0, sfruttando soprattutto i nuovi errori avversari dall’arco e le giocate degli esterni, e ritrova un buon margine di vantaggio (60-51) a 3’ dal termine dei regolamentari. Sassari sembra spegnersi nuovamente in fase offensiva e la tripla di Marco Spissu arriva quando è ormai troppo tardi e l’Ankara Arena è già festante. Al Banco di Sardegna non bastano i 18 punti (con 9 rimbalzi e 4 assist) di Evans. Pesano, in negativo, le percentuali al tiro: 31% da 2, 21% da 3.

Il tabellino

  • Türk Telekom: Johnson 2, Hunter 14, Baygul 5, Kaya, Turen 3, Edge 2, Fall 10, Bayrak n.e., Guven 4, Wiltjer 12, Besok, Campbell 12. All. Goren.
  • Banco di Sardegna Sassari: Spissu 3, McLean 9, Bilan 4, Bucarelli n.e., Devecchi n.e., Sorokas, Evans 18, Magro n.e., Pierre 13, Gentile 4, Vitali 3, Jerrells 2. All. Pozzecco.

Video - Highlights: Türk Telekom-Banco di Sardegna Sassari 64-56

02:54
0
0