Getty Images

La Reyer Venezia sgambetta la Virtus Bologna: vittoria in overtime 82-81 e semifinale con Milano

La Reyer Venezia sgambetta la Virtus Bologna: vittoria in overtime 82-81 e semifinale con Milano

Il 13/02/2020 alle 23:06Aggiornato Il 13/02/2020 alle 23:56

L'Umana Reyer Venezia spezza la maledizione del primo turno e si qualifica alle semifinali di Coppa Italia per la prima volta nella storia: decide un canestrone di Austin Daye al termine dei tempi supplementari per la vittoria sulla Virtus Bologna per 82-81. I campioni d'Italia affronteranno ora l'Olimpia Milano, che ha piegato la Vanoli Cremona nel primo quarto di finale.

Segafredo Virtus Bologna-Umana Reyer Venezia 81-82

VITRIFRIGO ARENA, PESARO - Quando i secondi ticchettano verso lo zero, non c'è tiro che Austin Daye non possa prendere. Con una prodezza a 3" dalla sirena, Daye risolve con quel mix di personalità e tecnica sopraffina una partita che la sua Reyer Venezia stava per gettare al vento dopo aver trascinato Bologna in overtime con un sanguinoso 0/4 dalla lunetta nelle battute decisive del quarto periodo. Quel canestro da campione, scagliato dal mezzo angolo, con due uomini addosso e a gioco ormai rotto, riscrive la storia della Reyer, qualificatasi per la prima volta nella storia alle semifinali di Coppa Italia dopo una lunga serie di eliminazioni e upset al primo turno della competizione.

Video - Prodezza assoluta di Austin Daye! Canestro clamoroso e Venezia in semifinale

01:00

Sia chiaro, è un successo meritato per la squadra di coach De Raffaele, capace di fare a lungo la partita contro un'avversaria favorita, grazie a un avvio di fuoco (0-11) e una coesione/compattezza difensiva che le permette di resistere per tutto il secondo tempo ai continui tentativi di rimonta delle Vu nere, capaci di mettere la testa avanti in un paio di occasioni ma mai di prendere realmente il pallino del gioco in mano.

Se il canestro decisivo porta la firma di Daye (15 punti), il premio di MVP andrebbe però suddiviso tra l'intero organico, perché si tratta di una vittoria di squadra a tutti gli effetti: spiccano i 16 punti di Stefano Tonut (top-scorer orogranata), partito fortissimo e a lungo prima punta offensiva dell'attacco di De Raffaele, così come i 14 di Jeremy Chappell e gli 11 di Andrea De Nicolao, determinanti con Julyan Stone nella lunghissima staffetta difensiva che incrina la tenuta mentale di Milos Teodosic, costringendo la superstar bianconera a una delle sue peggiori serate della stagione per impatto generale sulla partita. Rimarchevole anche il lavoro oscuro dei lunghi, con Mitchell Watt e Gasper Vidmar alla lunga vittoriosi sulla front-line bianconera anche e soprattutto nella lotta a rimbalzo (53-45 il conto finale).

Video - Arriva Vince Hunter e devasta il ferro della Reyer con il tap in

00:38

La Virtus, dal canto suo, paga le pessime percentuali dal campo, frutto sì della difesa solida orogranata ma anche di mani fredde che mandano sul ferro tiri comodi nei momenti cruciali della partita: al 18/39 da due si unisce un modesto 9/34 dall'arco che non permette alla squadra di coach Sasha Djordjevic di capitalizzare sulle 22 palle perse avversarie, vero problema della Reyer per lunghi tratti della serata. Come detto, Milos Teodosic non ingrana, soffrendo fisicamente e psicologicamente la staffetta in marcatura: molto nervoso, il serbo chiuderà con 15 punti raccolti quasi interamente in lunetta (10/14) e sporcati da un pessimo 2/15 dal campo. Bologna si aggrappa a lungo a Stefan Markovic (18 punti, 5/10 dall'arco), eroico nonostante un occhio semi-chiuso per un colpo durissimo sofferto nel secondo periodo, e a qualche sprazzo di Kyle Weems (15 punti, 7 rimbalzi, rovente a inizio ripresa) e Pippo Ricci (12, scaldatosi soltanto nel finale), ma non mostra quella continuità e fluidità di gioco che l'ha spesso caratterizzata in questa stagione. Il front-court stenta, così come l'efficacia di Devyn Marble, quasi deleterio dalla panchina con 1 solo punto e 0/6 al tiro.

Il tabellino

  • Segafredo Virtus Bologna: Teodosic 15, Weems 15, Ricci 12, Markovic 18, Gamble 10; Hunter 6, Cournooh, Marble 1, Baldi Rossi 2, Pajola 2. N.e.: Deri, Nikolic. All.: Djordjevic.
  • Umana Reyer Venezia: Chappell 14, De Nicolao 11, Watt 4, Mazzola 3, Tonut 16; Daye 15, Bramos 9, Cerella, Vidmar 7, Stone 3, Filloy. N.e.: Casarin. All.: De Raffaele.

Video - Final Eight, highlights: Segafredo Virtus Bologna-Umana Reyer Venezia 81-82

08:13