Getty Images

La Virtus Bologna supera il Maccabi Rishon, Trento corsara a Podgorica! Venezia affonda a Krasnodar

La Virtus Bologna supera il Maccabi Rishon, Trento corsara a Podgorica! Venezia affonda a Krasnodar
Di Eurosport

Il 09/10/2019 alle 22:10Aggiornato Il 10/10/2019 alle 00:56

Nella seconda giornata di EuroCup la Segafredo festeggia l'esordio casalingo piegando gli israeliani per 96-77 cn 21 punti di Gaines mentre la Dolomiti Energia conquista il successo a Podgorica per 77-68 con 19 punti di Blackom e 15 del duo King-Kelly. Prosegue invece il momento nero della Reyer che si arrende 77-63 alla Lokomotiv Kuban di Luca Banchi e incappa nel quarto stop consecutivo.

Lokomotiv Kuban Krasnodar-Umana Reyer Venezia 77-63

A cura di Daniele Fantini. La prima trasferta di Eurocup sul difficile campo del Lokomotiv Kuban Krasnodar di Luca Banchi allunga il momento negativo dell'Umana Reyer Venezia, giunta alla quarta sconfitta consecutiva tra campionato e coppa. La squadra di coach De Raffaele evidenzia ancora grossi limiti offensivi che la tengono a soli 63 punti realizzati complessivi, gli stessi messi a referto la scorsa settimana nel ko interno contro il Partizan Belgrado. Le statistiche raccontano molto, con il 44% da due e, soprattutto, un triste 5/18 dall'arco, dato fatale per una squadra che ha spesso basato le proprie fortune proprio sulla pericolosità dalla lunga distanza, ma, complessivamente, l'attacco della Reyer dà la sinistra impressione di ingolfarsi alla prima difficoltà, pagando carissimo due violenti passaggi a vuoto all'inizio dei due quarti finali, dove il Loko costruisce i parziali poi risultati decisivi.

Nel complesso, Venezia gioca una partita a inseguire proprio come quella della scorsa settimana, dando evidenti segnali di scricchiolio già alla metà del secondo periodo, quando i russi piazzano un mini-allungo per chiudere sul +7 all'intervallo lungo (38-31). La Reyer ha la forza di rispondere a un inizio di ripresa da siccità assoluta aggrappandosi a un momento di grazia di Gasper Vidmar per risalire dal -14 (45-31) al -3 con possibile tiro del pareggio di Bramos sputato dal ferro, ma non i nervi necessari per replicare alla seconda, potente spallata inferta dal Loko a cavallo dei due quarti finali, quando l'attacco si arena nuovamente producendo soltanto 4 punti in otto minuti.

Video - Dalla NBA all'Eurocup: Sam Dekker si diverte con una serie di schiacciate contro Venezia

01:16

In una gara a basso ritmo, Venezia soffre la fisicità interiore di un Loko più attrezzato nel reparto lunghi: Alan Williams fa il vuoto nel verniciato piazzando una doppia-doppia da 12 punti e 13 rimbalzi in uscita dalla panchina, Sam Dekker (vecchio volpone passato per diverse squadre NBA) ne aggiunge altri 15 attingendo al suo intero repertorio offensivo, e la velocità di Will Cummings (14 punti) si trasforma spesso in un rebus per la prima linea difensiva orogranata, non all'altezza della sua fama. Alla Reyer non servono i 14 di un Austin Daye molto nervoso e involuto, specialmente nella prima metà di gara, così come gli 11 di un Mitchell Watt impreciso (4/10) e insolitamente distratto (5 palle perse). Male Michael Bramos (5 punti con 1/6 dal campo), impalpabile Ike Udanoh e ancora incomprensibile l'atteggiamento di Julyan Stone (2 punti con due tiri in 15'), sempre più avulso alla squadra.

  • Lokomotiv: Dekker 15, Cummings 14, Apic 6, Kulagin 14, O'Bryant 5; Fridzon 5, Kalnietis 6, Ivlev, Ilnitskiy, Williams 12. N.e.: Motovilov, Gerasimov. All.: Banchi.
  • Venezia: Bramos 5, Tonut 10, Daye 14, De Nicolao 3, Vidmar 9; Udanoh 2, Stone 2, Filloy 3 Chappell 4, Watt 11, Cerella. N.e.: Pellegrino. All.: De Raffaele.

Video - Highlights: Lokomotiv Kuban Krasnodar-Umana Reyer Venezia 77-63

03:43

Buducnost Voli Podgorica-Dolomiti Energia Trento 68-77

A cura di Davide Fumagalli. Prima vittoria in EuroCup per la Dolomiti Energia Trentino che sbanca Podgorica e conquista la prima vittoria in assoluto contro il Buducnost, formazione contro cui aveva perso le due sfide giocate nel 2017-18. La squadra di Nicola Brienza, reduce dai ko con Galatasaray e Sassari, ritrova l'appuntamento col successo e lascia a zero i montenegrini nel gruppo D. L'Aquila vola sulle ale dei suoi americani: Blackmon è il top scorer con 19 punti (13 nel primo quarto), decisivi nel finale Rashard Kelly e George King, 15 punti ciascuno, mentre Knox ne aggiunge 11. Per il Buducnost 19 di Cobbs, 13 di Danilo Nikolic e 11 dell'ex sassarese Bamforth.

A Podgorica è ottima la partenza della Dolomiti Energia che tocca il 16-8 e poi va alla prima pausa avanti 23-18 con 13 punti di un bollente James Blackmon. Nel secondo periodo il Buducnost si rifà sotto, torna a -2 con una bomba di Nikolic ma poi l'Aquila allunga nuovamente fino al +11 (43-32) con le triple consecutive di Craft e King; all'intervallo è 43-34 per Trento con 15 punti di Blackmon. Nella ripresa il Buducnost parte meglio, i padroni di casa escono alla grande dagli spogliatoi, ricuciono lo strappo a suon di tiri liberi, sorpassano con una tripla di Cobbs (57-56) e si va all'ultimo riposo con i padroni di casa avanti 59-56. La Dolomiti Energia resta però in gara, non perde la bussola e torna davanti: tre canestri in fila di Kelly e Blackmon valgono il +3, poi Mezzanotte e un indemoniato Kelly firmano il 69-61. Lì la squadra di Brienza commette l'errore di staccare la spina e permette al Buducnost di tornare a -1 (68-69) ma nel momento topico Trento si risveglia, King infila la bomba del +4 e poi Kelly ruba e va a schiacciare per il +6 che manda i titoli di coda. La ciliegina è la bomba di King sulla sirena per il definitivo 77-68 che regala anche un margine incoraggiante in chiave doppio confronto.

Video - King più Kelly: Trento vince a Podgorica col "Fattore K"

01:13
  • Buducnost VOLI Podgorica: Cobbs 19, Ivanovic 1, Bamforth 11, Sehovic 3, Martin 10, Ilic ne, Z. Nikolic 2, Bozic 2, Popovic 7, Meiers ne, D. Nikolic 13, Zugic ne. All. Subotic.
  • Dolomiti Energia Trento: Kelly 15, Blackmon 19, Craft 7, Gentile 6, Pascolo, Mian ne, Forray, Knox 11, Mezzanotte 4, King 15, Lechtaler ne. All. Brienza.

Video - Highlights: Buducnost Voli Podgorica-Dolomiti Energia Trento 68-77

03:25

Segafredo Virtus Bologna-Maccabi Rishon Lezion 96-77

A cura di Daniele Fantini. La Segafredo Virtus Bologna bagna il debutto al PalaDozza in Eurocup con un solido successo sugli israeliani del Maccabi Rishon Lezion per 96-77, il secondo consecutivo dopo l'esordio vincente a Ulm, un risultato che la mantiene ancora imbattuta in tutte le competizioni in questo avvio di stagione (5-0 con le tre W in campionato).

Video - Milos Teodosic debutta in Coppa con la Virtus Bologna: 11 punti e 4 assist con tre triple

01:21

Video - Stefan Markovic on-fire: tre triple dalla stessa mattonella stendono il Maccabi Rishon

00:37
  • Bologna: Gaines 21, Markovic 15, Ricci 11, Cournooh 6, Gamble 7; Deri, Pajola 10, Baldi Rossi 9, Delia, Hunter 6, Nikolic, Teodosic 11. All.: Djordjevic.
  • Maccabi: Saddler 3, Swing 17, Chubrevich 2, Hamilton 18, Monroe 14; Ariel 12, Blayzer 2, Williams 5, Baloul, Tishman 2, Dovrat 2. N.e.: Mishan. All.: Goodes.

Video - Highlights: Segafredo Virtus Bologna-Maccabi Rishon Lezion 96-77

02:18

Video - Il grande basket torna su Eurosport: Serie A, Eurolega, Eurocup e Champions League

00:30
0
0