Getty Images

Fenerbahçe-Efes, CSKA-Real Madrid: la guida alle Final Four di Eurolega di Vitoria

Fenerbahçe-Efes, CSKA-Real Madrid: la guida alle Final Four di Eurolega di Vitoria

Il 16/05/2019 alle 12:35Aggiornato Il 18/05/2019 alle 10:34

Tra venerdì 17 e domenica 19 maggio, la città basca di Vitoria-Gasteiz ospita le Final Four di Eurolega: Fenerbahçe e Anadolu Efes si sfidano in un sentitissimo derby turco, mentre la parte opposta del tabellone presenta la grande classica tra CSKA Mosca e Real Madrid. Tutte le partite saranno trasmesse LIVE su Eurosport Player.

Eurosport Player: Segui l’evento LIVE

Guarda Eurosport

(1) Fenerbahçe BEKO Istanbul vs. (4) Anadolu Efes Istanbul

Stessa città, diverse storie, un habitué delle Final Four e un grande ritorno. Il Fenerbahçe gioca la quinta Final Four consecutiva, record per una squadra turca, mentre l'Efes si riaffaccia sul grande palcoscenico per la prima volta negli ultimi 19 anni: già, perché l'ultima partecipazione risale ormai al 2000, sempre con Ergin Ataman in panchina, oggi artefice di una stagione spettacolare (l'Efes si piazzò ultimo nella scorsa stagione) che spera di coronare con il primo, storico titolo. Dall'altra parte, invece, il Maestro delle Final Four: Zeljko Obradovic è alla sua 18esima in carriera, un record impreziosito da 9 titoli che lo rendono il coach più vincente della storia a livello europeo.

E, se parliamo di esperienza, la differenza è abissale: il Fener ha ancora a roster nove giocatori che vinsero il titolo nel 2017, mentre l'Efes ha soltanto Vasilije Micic e Bryant Dunston come unici elementi che hanno già disputato una Final Four in carriera. Attenzione, però, perché il Fenerbahçe si presenta a Vitoria forte sì di una stagione spettacolare (25-5 in campionato e primato sempre mantenuto) ma anche con l'infermeria piena: sono out Gigi Datome e Joffrey Lauvergne, in dubbio Nikola Kalinic e Jan Vesely (tradotto, 3/5 del quintetto titolare).

Bryant Dunston in azione contro Niccolò Melli, Anadolu Efes-Fenerbahçe

Bryant Dunston in azione contro Niccolò Melli, Anadolu Efes-FenerbahçeAA

In stagione, in tutte le competizioni, gli scontri diretti tra Fenerbahçe ed Efes sono in perfetta parità (3-3), ed è lecito aspettarsi un'altra sfida molto equilibrata tra due squadre estremamente performanti con due filosofie di gioco opposte. L'Efes è una macchina offensiva con pochi eguali nella pallacanestro moderna europea, forte di un sistema brillante basato essenzialmente sulla pericolosità degli esterni, che uniscono grandi capacità in penetra-e-scarica a ottime mani dall'arco (Vasilije Micic, Shane Larkin, Rodrigue Beaubois, Kruno Simon): la squadra di Ataman è seconda per numero di triple realizzate in media in stagione (10.29), seconda per percentuale da due (58.7%) e da tre (40.6%).

Di fronte si troverà la miglior difesa, anzi, il miglior sistema difensivo dell'Eurolega: il Fener, che ama giocare a un ritmo molto più basso, è primo per punti subiti, con soli 74.6 concessi di media a partita. Abbiamo detto del secondo posto in graduatoria offensiva dell'Efes, ma chi è in testa? Risposta: il Fenerbahçe. Già, perché i grandi attacchi, o meglio, gli attacchi efficaci, fioriscono quando sono sorretti da un forte impianto difensivo: il Fener, profondissimo quando è al completo, è la squadra più efficiente dell'intera Eurolega, prima per percentuale da due (58.9%) e da tre (43.4%).

Video - Shane Larkin è pazzesco! 30 punti in gara 3 contro il Barcellona e l'Efes vola

01:56

(2) CSKA Mosca vs. (3) Real Madrid

Se abbiamo definito il Fenerbahçe un habitué delle Final Four, il concetto va rafforzato ancor di più per CSKA e Real Madrid, alla terza sfida consecutiva in F4 negli ultimi tre anni. Il bilancio è in parità: il CSKA vinse la finalina due anni fa, mentre il Real si impose nella semifinale dello scorso anno, aprendosi poi la strada per la conquista della décima. Già, perché l'argenteria in campo è davvero abbondante: con 10 trionfi, il Real è la squadra più vincente della storia dell'Eurolega (anche se negli ultimi 35 anni ne sono arrivati soltanto tre - 1995, 2015 e 2018) mentre il CSKA ha in bacheca 7 titoli, tre dei quali aggiunti negli anni 2000 (2006, 2008 e 2016).

Rimpianti? Molti. Perché quella del CSKA è la 16a Final Four raggiunta nelle ultime 17 stagioni (18 nella storia, un record) e l'ottava consecutiva (pareggiato il primato all-time detenuto dallo stesso CSKA tra il 2003 e il 2010). Di contro, il Real va a caccia di una doppietta che manca ormai dal lontano 1967-68, mentre il coach, Pablo Laso, cerca il terzo titolo in carriera (soltanto 7 allenatori ci sono riusciti).

Rudy Fernandez in azione contro Cory Higgins, Real Madrid-CSKA Mosca.

Rudy Fernandez in azione contro Cory Higgins, Real Madrid-CSKA Mosca.Getty Images

La regular-season, quest'anno, ha premiato il CSKA, con un 2-0 maturato però con margini ridotti (vittoria 93-88 in trasferta e 82-78 in casa). Sarà, anche questa, una sfida tesissima ed equilibrata, tra due degli attacchi più prolifici del torneo: il Real Madrid è primo per triple realizzate a partita (10.36), primo per valutazione (103.1), primo per assist (20) e terzo per punti realizzati (85.5); il CSKA è secondo per punti segnati (86.5), secondo per canestri da due realizzati (21.6) e quarto per valutazione (96.91).

Considerando anche l'infortunio che ha costretto Sergio Llull ai box nella serie di playoff contro il Panathinaikos (è rientrato in campionato apparendo, però, poco brillante), il CSKA dovrebbe avere un vantaggio sugli esterni, dove può schierare Cory Higgins, Will Clyburn (13.2 punti e 6.9 rimbalzi di media, unico giocatore nella Top10 in entrambe le categorie statistiche) e, soprattutto, un Nando De Colo on-fire, reduce da due gare da 27 e 28 punti nei playoff contro il Baskonia (sullo stesso campo dove si terranno le Final Four). Il Real Madrid, che dipenderà comunque molto dall'estro di Facundo Campazzo, dovrebbe avere un vantaggio vicino a canestro, forte di una batteria di lunghi di enorme peso ed esperienza con Walter Tavares, Anthony Randolph, Gustavo Ayon e l'immortale Felipe Reyes: i blancos sono primi per rimbalzi difensivi (27) e per rimbalzi totali (37).

Il calendario delle Final Four di Vitoria-Gasteiz

Video - Facundo Campazzo MVP del mese di aprile in Eurolega: trascina il Real Madrid alla Final Four

00:52

Video - Run'n'Gun: speciale Eurolega, con coach Casalini e i ricordi di quando l'Italia dominava in Europa

15:00