Eurosport

Prove d'autorità per Fenerbahce e Real Madrid, vittorie interne per Panathinaikos e Zalgiris

Prove d'autorità per Fenerbahce e Real Madrid, vittorie interne per Panathinaikos e Zalgiris

Il 22/02/2019 alle 22:44Aggiornato Il 22/02/2019 alle 23:36

La capolista domina sul campo del Darussafaka nel più classico dei "testacoda", il Madrid ha vita facile col Bayern Monaco mentre Pana e Zalgiris vincono in casa rispettivamente contro Khimki e Buducnost e tengono vive le speranze di accedere ai playoff.

Eurosport Player: Segui l’evento LIVE

Guarda Eurosport

Darussafaka Tekfen-Fenerbahce Beko 75-97

Vittoria netta, la seconda di fila, per il Fenerbahce capolista nel derby di Istanbul sul campo del Darussafaka fanalino di coda. Coach Obradovic ritrova Jan Vesely dopo l'operazione al ginocchio e il ceco risponde con 4 punti in 18 minuti. La partita dura meno di un quarto, Datome e compagni producono un break di 11-0 e chiudono il primo periodo avanti 26-12. Da lì il vantaggio non scende mai sotto la doppia cifra, il Fener arriva anche a +17 (25-42) e all'intervallo è 46-35 per gli ospiti. Nella ripresa è uno show di Kalinic con schiacciata e tripla, poi Melli aggiunge la bomba del nuovo +17 e poi la squadra di Obradovic arriva al +25 del 30' (48-73). L'ultimo periodo è pura accademia e Obradovic manda in campo anche i giovani Biberovic e Arna. Alla fine sono 7 i punti di Datome, 5 quelli di Melli mentre i migliori sono Guduric e Muhammed con 16. Nel Darussafaka il miglior marcatore è Eric, 14 punti.

Video - Nikola Kalinic decolla e schiaccia a due mani! Il Fenerbahce vola

00:38

Video - Highlights: Darussafaka Tekfen-Fenerbahce Beko 75-97

02:03

Zalgiris Kaunas-Buducnost VOLI 84-76

Dopo tre sconfitte di fila lo Zalgiris Kaunas batte il Buducnost e tiene accese le residue speranze di qualificarsi per uno dei primo otto posti che valgono i playoff. Per i montenegrini, sempre sconfitti in trasferta, 0-11, è il terzo ko di fila. Il match è equilibrato, la squadra di Jasikevicius conduce 20-18 alla prima pausa, poi nel secondo periodo lo Zalgiris arriva fino a +9 con Davies e White ma il Buducnost rimonta e all'intervallo è 39-36 grazie alla tripla di Gordic. Nella ripresa la musica non cambia, i lituani fanno corsa di testa e provano più volte l'allungo, e gli ospiti restano aggrappati al match coi denti: addirittura Clark firma il sorpasso, poi 5 punti consecutivi di Cole valgono il 62-60 al 30'. Il quarto periodo è punto a punto e la sfida si decide nel finale: Ulanovas e Walkup fanno +8 (80-72) a 1'49" dalla sirena, il Buducnost non risponde e cosìla chiude Grigonis con 4 punti consecutivi. Per lo Zalgiris spicca Davies con 21 punti mentre Grigonis ne aggiunge 15. Nel Buducnost c'è poco a parte i 26 punti di Norris Cole; da segnalare l'esordio di Fedor Zugic, classe 2003, a 15 anni, 5 mesi e 4 giorni diventa il più giovane debuttante nella storia dell'Eurolega.

Video - Esordio da record per Fedor Zugic: il classe 2003 è il più giovane debuttante di sempre

00:46

Video - Highlights: Zalgiris Kaunas-Buducnost VOLI 84-76

02:14

Panathinaikos OPAP-Khimki Mosca 94-85

Il "fortino" OAKA resta inviolato da quando c'è Rick Pitino, il Panathinaikos batte il Khimki sempre senza Shved e resta in scia al treno che insegue un posto nei playoff. Per i russi di Kurtinaitis un ko pesante che forse mette la parola fine sulle speranze di accedere alla fase successiva. La gara vede i verdi partire forte, subito +10 (14-4) e poi +13 (29-16), e i padroni di casa toccano anche il +17 nel secondo periodo (42-25); sembra già finita e invece il Khimki risale fino al -6, uno sforzo che però costa caro ai russi, di nuovo a -15 (65-50) quando è il momento di tornare negli spogliatoi per l'intervallo. La ripresa si apre con un break di 11-0 del Khimki per il -4 ma il Panathinaikos risponde e al 30' è a +11. La sfida prosegue ad elastico ma i verdi non perdono la bussola ed è Kilpatrick a mettere la bomba dell'89-79 che fa partire i titoli di coda. Sono cinque i giocatori in doppia cifra del Pana, brilla Thomas con 25 punti mentre Kilpatrick ne aggiunge 17. Al Khimki non basta la doppia doppia di Thomas, 18 punti e 11 rimbalzi.

Video - Highlights: Panathinaikos OPAP-Khimki Mosca 94-85

02:06

Real Madrid-Bayern Monaco 91-78

Dopo la delusione della finale di Coppa del Re persa col Barcellona, il Real Madrid si riscatta parzialmente battendo il Bayern Monaco e conservando il secondo posto appaiato al CSKA Mosca. Per i bavaresi un ko che fa male ma che non cambia nulla nella rincorsa ai playoff. La partita è quilibrata in avvio, il primo periodo si chiude col Real a +5 per una bomba sulla sirena di Deck, poi il parziale prosegue e Lull mette la tripla del +14 (31-17). Il Bayern non crolla, resta in corsa con le triple di Lo e Barthel, poi addirittura Hobbs mette il canestro del -1 e si va al riposo lungo coi padroni di casa avanti 42-39. E' nel terzo periodo che il Madrid scappa definitivamente, altro 10-0 e poi vantaggio che si dilata grazie a Randolph fino al 71-52 con cui si va all'ultimo riposo. Nel quarto periodo il Bayern ha la forza per rimontare fino a -10 ma Ayon e Llull lo ricacciano indietro e chiudono il discorso. Il Real ha cinque uomini in doppia cifra con Llull sugli scudi a 15 punti. Per il Bayern il top scorer è Barthel, 14 punti.

Video - Highlights: Real Madrid-Bayern Monaco 91-78

02:18

Video - Run'n'Gun: Final Eight di Coppa Italia 2019 "Rewind", una quattro giorni da ricordare

15:00
0
0