From Official Website

Italbasket femminile travolgente! Macedonia umiliata 92-33 e l'Europeo ora è più vicino

Italbasket femminile travolgente! Macedonia umiliata 92-33 e l'Europeo ora è più vicino

Il 14/02/2018 alle 20:12Aggiornato Il 14/02/2018 alle 21:05

Dal nostro partner OAsport.it

Prosegue a vele spiegate il cammino dell’Italbasket femminile nelle Qualificazioni agli Europei 2019. La Nazionale di Marco Crespi ha letteralmente schiantato la Macedonia per 92-33, confermando le ottime impressioni lasciate dalla vittoriosa trasferta di sabato con la Svezia. Certo le balcaniche erano un’avversaria assai meno pericolosa, ma le azzurre hanno affrontato l’impegno con la stessa grinta, facendo il vuoto subito e mettendosi in controllo. Nelle vesti di mattatrici le solite Cecilia Zandalasini (21 punti) e Giorgia Sottana (20 punti), ma è stato utile il contributo di tutte. Spazzate via, dunque, le preoccupazioni di soli cinque giorni fa: l’Italia di Crespi c’è ed ha trovato la chiave per andare avanti.

Le azzurre ci hanno messo pochi minuti ad archiviare la pratica. Ha cominciato Zandalasini con 8 punti, ha proseguito André, hanno chiuso Sottana e Dotto: un parziale di 21-0 che ha messo in ginocchio la già debole Macedonia, reduce dal -61 di sabato contro la Croazia. Solo nel finale di primo quarto le ospiti sono riuscite a trovare il primo canestro, con Lazareska, con le azzurre che hanno invece proseguito la mattanza, esibendo un gioco corale ben consolidato dopo la vittoria di sabato. Il pallone circolava con un buon ritmo, trovando sempre la giocatrice più libera, dietro l’arco o sotto canestro.

Poco più di un allenamento agonistico, dunque, in cui tutte hanno fatto la loro parte, strizzando l’occhio anche allo spettacolo. L’ha fatta ovviamente Zandalasini, con 16 punti già all’intervallo, ma soprattutto Olbis André (12 e 11 rimbalzi), che sciolta l’emozione del debutto in azzurro delle prime due partite, ha mostrato un ulteriore passo avanti in termini di fiducia, stravincendo il confronto con la ben più navigata Ashley Paris (dal passato importante in WNBA). Dal 25-4 del primo quarto si è così volati 56-19 dei primi venti minuti, fino al 71-30 del terzo quarto.

Crespi ha potuto così ruotare tutte le sue giocatrici, pur insistendo su determinati concetti con timeout puntuali quando le azzurre hanno mostrato il minimo calo di concentrazione. C’è stato spazio per Elisa Ercoli, così come per Raffaella Masciadri (10 punti), provando anche soluzioni interessanti come l’utilizzo di Zandalasini da quattro. Una vera festa al PalaRavizza, terminata 92-33. Un’altra prestazione solida e di squadra, quello di cui l’Italia aveva bisogno per rilanciarsi in maniera definitiva verso l’Europeo. La seconda finestra va in archivio con sensazioni del tutto diverse rispetto alla prima. A novembre i decisivi appuntamenti con Croazia e Svezia.

Il tabellino

ITALIA – MACEDONIA 92-33 (25-4, 31-15, 15-11, 22-3)

Italia: André 12, Cinili 5 Consolini, Crippa, F. Dotto 12, C. Dotto 7, Ercoli, Filippi 4, Masciadri 10, Nicolodi 2, Sottana 20, Zandalasini 21

Macedonia: Kmetovska 4, Kozhobashiovska 2, Lazareska 4, Mitrasinovik 9, Musa 1, Mikolikj 2, Paris 4, Petrushevska, Shekjeroska n.e., Stojanovska, Tanturovska 4, Trajchevska 3

alessandro.tarallo@oasport.it

Video - Basketball Heroes: Gigi Datome, dalla Serie A all'Eurolega con un salto in NBA

02:12
0
0