From Official Website

Italia, che fatica in Ungheria! Gli azzurri però si avvicinano al Mondiale: 69-63 a Debrecen

Italia, che fatica in Ungheria! Gli azzurri però si avvicinano al Mondiale: 69-63 a Debrecen

Il 17/09/2018 alle 19:29Aggiornato Il 18/09/2018 alle 04:31

Punteggio basso a Debrecen con gli azzurri che faticano contro il quintetto di Stojan Ivkovic nell'ottava giornata di qualificazione ai prossimi Mondiali. Arriva comunque il successo per 69-63, con i ragazzi di Sacchetti che si avvicinano a Cina 2019 con la sesta vittoria nel girone. Con 18 punti è Datome il top scorer dell'Italia, ma occhio a David Vojvoda avversario di Cantù in Champions.

Serviva la vittoria e la vittoria è arrivata, ma l'Italia non ha convinto nella sfida contro l'Ungheria. Siamo ancora ad inizio stagione, è vero, ma la squadra di Sacchetti ha rischiato tantissimo contro i magiari, inferiori dal punto di vista tecnico. Gli azzurri hanno concesso la rimonta a metà secondo quarto, da dimenticare il terzo periodo, e anche nel finale c'è stato un brivido. Biligha, l'ingresso di Filloy e soprattutto Datome hanno scacciato via i pericoli, conquistando un altro successo verso i Mondiali di Cina. Meno pimpanti Della Valle e Aradori, solo qualche fiammata di Brooks, mentre Melli si è spento dopo aver speso il quarto fallo. Sorpresa Vojvoda nell'Ungheria, sorpresa non tanto positiva per la Red October Cantù che in settimana affronterà il Szolnoki Olaj nel preliminare di FIBA Champions League. Proprio tra i campioni d'Ungheria figurano Vojvoda (top scorer con 25 punti), Benke decisivo in tutte le rimonte (9 punti) e Kovacs.

Cronaca

Si parte subito con un 2-0 di Melli, mentre l'Ungheria è imprecisa al tiro. Anche l'Italia però non sembra partita benissimo visto gli errori di Melli e Datome qualche secondo più tardi. A provare la prima mini-fuga, è Amedeo Della Valle che parte subito con una tripla che vale il 7-2, dopo i 28 punti messi a segno al PalaDozza qualche giorno fa. Si va anche sul +7 con la schiacciata di Della Valle, con coach Ivković che chiama subito un time out. Perl fa ripartire l'Ungheria, ma arrivano immediatamente le triple di Datome e Abass a tenere a distanza di sicurezza gli avversari. Vojvoda con un gioco da 4 punti (tripla più libero aggiuntivo) cerca la rimonta, con Eilingsfeld che riporta sotto i suoi a -5. Brian Sacchetti allunga, ma risponde ancora Eilingsfeld. Il primo quarto si chiude sul risultato di 20-14 Italia con 1/2 dal pitturato per Michele Vitali.

Il secondo quarto inizia subito con una stoppata di Michele Vitali su Rujak a dimostrare la concentrazione del quintetto di Sacchetti. Non arrivano però i punti: tre errori per l'Ungheria, con le polveri bagnate anche Jeff Brooks. Sono di Vojvoda i primi punti del quarto con una gran giocata tra Luca Vitali e Vojvoda, con libero aggiuntivo che vale il -3. L'Italia riparte sotto il segno di Melli e Brooks, ricacciando l'Ungheria a -7, ma Vojvoda tiene in partita i suoi con 6 punti d'autore: prima una super tripla, poi con un palleggio, arresto e tiro che vale addirittura il -1 sul 24-23. L'Italia sente il fiato sul collo, ma risponde presente Melli con una grande tripla, poi è Aradori a provare una nuova fuga dopo la palla rubata da Michele Vitali. Il neo entrato Biligha, Luca Vitali e Brooks completano il parziale, portando l'Italia sul +10 a un minuto dalla conclusione del primo tempo che si chiude sul 39-28 dopo un 1/2 di Della Valle in lunetta.

In avvio di secondo tempo ci sono subito due punti di Melli servito da Luca Vitali che va a referto con il sesto assist della sua partita. Datome va con il +15, ma Melli spende il terzo fallo. Da lì riparte l'Ungheria con un'incredibile rimonta targata Govens, Vojvoda e Eilingsfeld. Sacchetti chiama il time out, ma l'Italia sbaglia tutto quello che può sbagliare favorendo, addirittura, il sorpasso dell'Ungheria con una penetrazione di Zoltan Perl che vale il 18-2 di parziale per i padroni di casa. Filloy dà una grande svegliata all'Italia, poi Datome fa 2/2 dalla lunetta. L'Ungheria, però, non si ferma e torna in vantaggio con Vojvoda. Aradori si mangia una tripla importantissima per bloccare la furia dei magiari, con Datome che spende il terzo fallo, ma l'Italia chiude comunque a +1 grazie a due liberi di Biligha.

Ultimo quarto e Sacchetti cerca subito una tripla, ma la mira non è quella giusta. Ci pensa comunque Abass ad aprire lo score con il canestro del +3 sul 51-54. Melli spende il quarto fallo, ma arriva la stoppata fantastica di Abass a mantenere a distanza i padroni di casa. Poi è Biligha che schiaccia dopo l'assist di Filloy e l'Italia va a +5, ma Vojvoda ci crede ancora superando quota 20 punti nella sua partita. La stoppata di Datome è fondamentale per mantenere il vantaggio, poi è sempre l'ex Roma a portare il +6 con una super tripla.

Time out Ungheria, ma al rientro ecco la gran giocata di Biligha che riceve da Vitali, piazza il canestro e si prende anche il libero supplementare che vale il +9. Benke, Ellingsfeld e ancora Benke non fanno scappare però l'Italia, con una rimonta che mette in apprensione gli azzurri. Arriva poi il clamoroso canestro di Vojvoda, che costringe Sacchetti al time out a 24'' dalla fine. Liberi per Della Valle e Luca Vitali, ma la mano comincia a tremare, ma l'Ungheria regala comunque il successo con due triple sbagliate nel finale.

Tabellino

Ungheria-Italia 63-69 (14-20; 28-39; 51-52)

Ungheria: Rujak 0, Juhos 0, Vojvoda* 25, Kovacs* 0, Benke* 9, Toth 0, Goloman* 9, Horti ne, Perl 7, Filipovity ne, Ellingsfeld* 8, Govens 5. Ct: Stojan Ivković

Italia: Della Valle* 7, Aradori 2, Biligha 11, L.Vitali* 3, Melli* 11, Filloy 3, Brooks* 4, Cinciarini 0, Abass 5, M.Vitali 1, B.Sacchetti 4, Datome* 18. Ct: Meo Sacchetti

Arbitri: Zurapovic (Bosnia), Maestre (Fracia), Lucis (Lettonia)

Statistiche:

Punti: Vojvoda 25, Datome 18
Rimbalzi: Goloman 7, Brooks 7
Assist: L.Vitali 7, Govens 4
Stoppate: Goloman 2, Datome 1, Della Valle 1, M.Vitali 1

0
0