LaPresse

L'Italbasket stecca in Polonia: sconfitta 94-78 e qualificazione rimandata

L'Italbasket stecca in Polonia: sconfitta 94-78 e qualificazione rimandata

Il 02/12/2018 alle 21:55Aggiornato Il 02/12/2018 alle 22:46

L'Italia spreca il primo match-point per centrare l'accesso ai Mondiali di Cina del 2019, candendo nella trasferta di Danzica contro la Polonia 94-78. Gli azzurri torneranno in campo il 22 febbraio contro l'Ungheria alla ricerca del successo decisivo per archiviare la qualificazione.

La cronaca della partita

L'approccio alla partita è letale: l'Italia subisce 31 punti in un primo quarto con dose bassissima di testosterone e tanta confusione in testa, certificata dai 14 punti concessi in contropiede, e da un attacco stroncato da 5 palle perse e 0/5 dall'arco. Il tiro dalla distanza rimane un'arma spuntata per l'intera partita: l'Italia si ferma a un triste 8/27 (29.6%), perdendo gran parte della sua pericolosità (nella gara d'andata, giocata però con altri interpreti, gli azzurri infilarono 18 triple).

La Polonia, che schiera un quintetto di ottimi mestieranti, rinforzato dal playmaker naturalizzato AJ Slaughter (visto anche in Serie A, a Biella) e dal ritorno del veterano Maciej Lampe (22 punti con 11/16 al tiro e 8 rimbalzi, MVP della partita), respinge la scossa data da Awudu Abass nel secondo quarto raccogliendo ottime cose dalla panchina con Koszarek e Sokolowski, e affonda il coltello a inizio ripresa, sorprendendo ancora una volta un'Italia sonnolenta all'uscita degli spogliatoi per il +17 al 24' (64-47). Sembra l'ultimo capitolo prima di una lunga agonia, ma uno squillo di Aradori e la difesa risistemata con l'ingresso di Biligha riportano gli azzurri a contatto nel giro di quattro minuti (65-59).

L'Italia ha ancora una chance di rimonta nel quarto periodo (73-65), ma ricade negli stessi errori al rientro in campo: in attacco arrivano tiri affrettati o forzati, figli di una circolazione di palla poco fluida e della difficoltà di saltare la prima linea difensiva dal palleggio, e la difesa risente della frustrazione nella metacampo opposta riaprendo varchi enormi a centro-area e in contropiede. Gli azzurri si sbloccano soltanto dopo 5'13" di asfissia con un giro in lunetta di Aradori, mentre Lampe e Slaughter (doppia-doppia da 10 punti e 11 assist) scoccano le frecce del colpo di grazia.

Il tabellino

POLONIA-ITALIA 94-78 (31-18, 52-41; 73-65)

Polonia: Slaughter 10, Waczynski 14, Ponitka 18, Cel 1, Lampe 22; Gruszecki 3, Hrycaniuk 2, Kolenda ne, Koszarek 9, Nowakowski ne, Sokolowski 15, Sulima ne. All.: Taylor.

Italia: Vitali 2, Aradori 13, Tonut 6, Polonara 0 , Burns 10; Abass 13, Biligha 4, B. Sacchetti 6, Cinciarini 6, Filloy 9, Gentile 10, Fontecchio ne. All.: R. Sacchetti.

La classifica del Gruppo J

  • Lituania-Croazia 79-62
  • Ungheria-Paesi Bassi 91-86 OT
Squadra Punti Vittorie Sconfitte
Lituania* 18 9 1
Italia 14 7 3
Polonia 12 6 4
Ungheria 10 5 5
Croazia 8 4 6
Paesi Bassi 6 3 7

*Le prime tre classificate si qualificano per i Mondiali di Cina 2019. La Lituania è già matematicamente qualificata.

0
0