Getty Images

La difesa lancia Team USA, Grecia battuta e quasi fuori. Ai quarti Australia e Francia

La difesa lancia Team USA, Grecia battuta e quasi fuori. Ai quarti Australia e Francia

Il 07/09/2019 alle 18:07Aggiornato Il 07/09/2019 alle 18:08

Gli Stati Uniti superano 69-53 gli ellenici e restano imbattuti: la squadra di Giannis Antetokounmpo avrà bisogno di un miracolo lunedì per passare il turno. Imbattute anche Boomers e Bleus che vanno alla fase finale. Fuori la Lituania, condannata nel match punto a punto coi transalpini.

Sempre lunedì, gli occhi saranno rivolti sulla Grecia: gli ellenici continuano a faticare e avranno bisogno di un successo con almeno 13 punti di scarto contro la Repubblica Ceca e la contemporanea vittoria di Team USA sul Brasile per andare ai qaurti di finale. Uno scenario tutt'altro che semplice viste le difficoltà mostrate dalla formazione di Skourtopoulos e il grande momento di forma dei cechi. Servirà il miglior Giannis Antetokounmpo (15 punti totali ma seduto nel quarto periodo per risparmiare energie), ma in generale la miglior Grecia possibile.

Team USA: bene la difesa, meno l'attacco

La formazione di Gregg Popovich vince nettamente e con merito contro la Grecia, non c'è dubbio che la sfida sia stata preparata bene e la difesa ha risposto presente. Gli ellenici sono stati tenuti a 53 punti, Team USA ha riempito l'area impedendo penetrazioni facili a Giannis, ha tolto quasi del tutto il contropiede agli avversari, ha fatto scattare raddoppi quando l'MVP NBA riceveva in post basso e ha sfidato gli avversari a tirare da tre, soprattutto dei "non specialisti" come Printezis e Papanikolaou (7 su 27 di squadra, 3 su 6 per Sloukas).

Bene in difesa, farneticante in attacco (69 punti sono il minimo per una nazionale americana con giocatori NBA al Mondiale). Ok l'assenza di Tatum, ma Team USA continua a non convincere aldilà della vittoria praticamente mai in discussione. Si è visto qualche segnale di miglioramento nell'affrontare la zona, coinvolgendo il giocatore in lunetta ed effettuando tagli lungo la linea di fondo, ma in generale i giocatori americani prendono spesso tiri forzati e a volte attaccano in palleggio senza saper bene dove andare, visto che le squadre avversarie tendono a riempire l'area per non farli arrivare al ferro. Il migliore Kemba Walker, 15 punti con 6 assist, ancora una volta il faro della squadra, incoraggiante Derrick White, 9 punti, mentre sono spesso fuori giri sia Mitchell, 10 punti ma 4 su 10 al tiro, sia Brown, 8 con 3 su 9. Disastroso Middleton, 4 punti con 1 su 8 dal campo: l'All Star dei Bucks ha messo i due liberi della vittoria sulla Turchia ma finora il suo Mondiale è insufficiente.

L'Australia impressiona ancora, la Francia passa il primo test

Imbattute, a braccetto ai quarti di finale: sono Australia e Francia che hanno sofferto per restare imbattute ma si sono mostrate molto solide e serie candidate al podio. I Boomers hanno avuto ragione di una coriacea Repubblica Dominicana per 82-76 grazie al solito Patty Mills da 19 punti e ad un Goulding da 15: quello che impressiona sono i 30 assist per 30 canestri della squadra Lemanis, una cosa rara ma che conferma l'altissimo livello di QI cestistico dei giocatori in maglia gialloverde, sempre pronti a passarsi la palla e a costruire il tiro migliore per il compagno, sopperendo ai limit di atletismo e all'assenza di talenti esplosivi come Ben Simmons e Dante Exum.

I Bleus di Collett hanno superato il primo vero esame del loro Mondiale, battendo 78-75 la Lituania in un match chiuso in volata e non senza polemiche arbitrali per una probabile interferenza di Gobert su tiro libero di Valanciunas, quello del possibile 76-76. Il risultato ha decretato l'eliminazione dei baltici e il passaggio del turno della Francia, guidata dalle sue stelle, Fournier, 24 punti, e De Colo, 21, compreso il canestro del definitivo 78-75. Il ct Collett sembra aver trovato la chimica giusta, individuando rotazioni definite con Batum, Gobert e l'ex virtussino M'Baye, autentica sorpresa visto che pareva un candidato al taglio durante la preparazione. Per la Lituania un epilogo che fa male vista la grande rimonta: pesa tantissimo il 5 su 19 da tre, dato che condanna i baltici come si era ipotizzato al termine della prima fase.

Il grande basket torna su Eurosport

Video - Euforia Clippers con George e Leonard. "Possiamo fare grandi cose e io Paul", dice Kawhi

00:54
0
0