Getty Images

Power rankings: dal Team USA all'Italia, le 10 squadre più forti dei Mondiali di Cina

Power rankings: dal Team USA all'Italia, le 10 squadre più forti dei Mondiali di Cina
Di Eurosport

Il 30/08/2019 alle 12:06Aggiornato Il 30/08/2019 alle 12:07

Gli Stati Uniti "rimaneggiati" sono ancora la squadra da battere? Qual è l'avversaria più pericolosa per la medaglia d'oro tra Serbia, Grecia e Spagna? Chi sono invece le outsider più pericolose? E la nostra Italia? Alla vigilia della prima palla a due, ecco i power ranking con le 10 squadre top alla partenza dei Mondiali di Cina.

1. STATI UNITI

2. SERBIA

3. GRECIA

Giannis Antetokounmpo sarà la principale attrazione dei Mondiali dopo gli Stati Uniti ed è totalmente superfluo decantarne le lodi in questa sede, ma la Grecia possiede un repertorio di armi gigantesco da affiancare all'MVP dell'ultima stagione NBA. Partendo da Nick Calathes, probabilmente il cervello cestistico più raffinato del torneo, si passa al corpaccione di Ioannis Bourousis, alla tenacia di Kostas Papanikolaou, all'esperienza infinita di Georgios Printezis, ai guizzi atletici di Thanasis Antetokounmpo. Ah, e altra bruttissima notizia per gli avversari: Kostas Sloukas ha recuperato dall'infortunio e sarà al Mondiale...

4. SPAGNA

Il nucleo storico della squadra inizia a essere non più giovanissimo e la qualità generale dei rincalzi è inferiore a quella dell'epoca d'oro del triplo successo agli Europei (2009, 2011 e 2015), ma se l'esperienza vale qualcosa, la Spagna ne ha da vendere: Fernandez, Ribas, Rubio, Claver, Llull e Marc Gasol più i due fratelli Hernangomez sono un gruppo attrezzatissimo per mettersi al collo quantomeno la medaglia di bronzo.

5. FRANCIA

Con Gobert, De Colo, Batum, Fournier, Poirier e Lessort, sono una squadra pesante, atletica ed esperta, pronta per coprire il ruolo di super-outsider di lusso per la caccia alla zona medaglia. Già, perché il calendario e la struttura del torneo saranno l'ostacolo più duro: la prima fase sarà una passeggiata, ma, a seconda dei risultati del girone successivo, la Francia incrocerà poi verosimilmente Grecia o Stati Uniti ai quarti di finale...

6. AUSTRALIA

7. LITUANIA

Selezione ormai esperta, dove il 23enne Domantas Sabonis, figlio del leggendario Arvydas, è l'elemento più giovane e a cui sono affidate le maggiori speranze. La Lituania ha giocatori di grande fisico ed esperienza, da Valanciunas a Jankunas passando per gli esterni Kuzminskas, Ulanovas e Maciulis, ma è un po' corta sugli esterni dove ci sono i "soliti" Kalnietis e Seibutis, ultratrentenni. Sulla carta non fa paura, soprattutto in un girone con Australia e Canada, ma attenzione perché i giocatori si trasformano quando indossano il verde della "Lietuva".

8. ARGENTINA

Il 39enne Luis Scola è l'ultimo reduce della mitica "Generacion Dorada", quella dei Ginobili, dei Nocioni, degli Oberto, dei Delfino, ed è la guida spirituale di una "Seleccion" fatta esclusivamente di giocatori nati negli anni '90. La stella è Facundo Campazzo, ormai un campione anche a livello di Eurolega col Real Madrid, ma il suo infortunio alla caviglia nell'ultima amichevole mette in pericolo le ambizioni argentine. Non mancano però giocatori interessanti come Laprovittola e Vildoza: occhio!

9. TURCHIA

Poco considerati, forse perché nello stesso girone di Team USA, ma la Turchia può schierare la miglior formazione possibile. Fatta eccezione per Enes Kanter (in aperta guerra col leader del paese Erdogan), ci sono i tre NBA Ilyasova, Osman e Korkmaz (gli ultimi due in ascesa), i veterani Balbay e Mahmutoglu, e Scottie Wilbekin, la stella del Maccabi ed MVP dell'Eurocup nel 2018 che ha tolto il posto da "passaportato" a Bobby Dixon. È una squadra fisica e talentuosa che nelle amichevoli ha perso solo con Grecia e Serbia.

10. ITALIA

A cura di Daniele Fantini e Davide Fumagalli

Il grande basket torna su Eurosport

Video - Datome: "Non vediamo l'ora di andare in Cina. Melli? Sono felice per lui ma mi mancherà a Istanbul"

02:33
0
0