AFP

Kobe Bryant: “Mia moglie abortì per colpa mia”

Kobe Bryant: “Mia moglie abortì per colpa mia”
Di Eurosport

Il 04/03/2015 alle 09:59Aggiornato Il 04/03/2015 alle 10:18

Il fenomeno dei Los Angeles Lakers si racconta a 360 gradi in un lungo documentario firmato Gotham Chopra in cui ripercorre anche le fasi più personali e delicate della sua vita privata

Un Kobe Bryant inedito, denudato, ma non di canotta e scarpini. Un Bryant capace di raccontarsi a 360 gradi di fronte alle telecamera di Gotham Chopra, il regista di Muse” documentario in cui verrà raccontata la storia dell’asso dei Lakers che in questi mesi è alle prese con il grave infortunio al tendine d’Achille.

Uno dei passaggi più personali, e toccanti, è quello relativo al rapporto con la moglie Vanessa con cui rischiò il divorzio nel 2004 per colpa dell’accusa di stupro mosso da una cameriera del Colorado. "Stavamo aspettando il nostro secondo figlio durante quel periodo e c'era così tanta tensione e tanto stress che lei ebbe un aborto spontaneo, perse il nostro bambino. E' qualcosa di davvero terribile, è molto difficile ripensare a questa cosa, mi sentivo l'unico responsabile…”

Uno shock, un momento durissimo per la coppia. Ma Kobe sembra essersene preso totalmente la colpa: "La realtà è che tutto ciò è avvenuto a causa mia. E' una cosa cui devo fare i conti ogni giorno, me la porterò dentro per sempre. Lei è stata fantastica, avrebbe potuto lasciarmi e portarmi via metà del mio patrimonio, ma ha deciso di credermi e di restarmi vicino".

* * *

0
0