Getty Images

I risultati della notte: Curry superbo, Warriors inarrestabili! I Cavs crollano a Minnesota

I risultati della notte: Curry superbo, Warriors inarrestabili! I Cavs crollano a Minnesota

Il 09/01/2018 alle 08:20Aggiornato Il 09/01/2018 alle 08:21

Dal nostro partner OAsport.it

Una notte NBA vietata ai deboli di cuore. L’equilibrio regna sovrano negli otto match in programma, ma la supremazia dei Golden State Warriors non è in discussione. I detentori del titolo superano 124-114 i Denver Nuggets alla Oracle Arena, infilando la quinta vittoria consecutiva e consolidando il primato nella Western Conference grazie alla consueta prova mostruosa di Steph Curry, autore di 32 punti e 9 assist con 9/17 dal campo e 5/10 da tre, una prestazione che fa il paio con quella di Draymond Green (23 punti e 10 assist) e con la consueta solidità di Klay Thompson (19 punti). L’assenza di Kevin Durant, dunque, continua a non influire sulle sorti dei Warriors, mentre tra le fila dei Nuggets non bastano quattro giocatori sopra i 20 punti, in particolare Nikola Jokic, capace di mettere a referto una strepitosa tripla doppia con 22 punti, 12 rimbalzi e 11 assist.

Alle spalle dei Warriors, intanto, vincono praticamente tutte le principali avversarie per il primato ad Ovest. Gli Houston Rockets espugnano lo United Center di Chicago (107-116), sfruttando al meglio le prove eccellenti di Eric Gordon e Chris Paul, autori di 24 punti a testa, conditi per il play da 8 rimbalzi e 9 assist, e la doppia doppia di Clint Capela (15 punti e 16 rimbalzi), che non fanno sentire la mancanza di James Harden e vanificano la presenza di sei giocatori in doppia cifra tra le fila dei Bulls, annichiliti dalle 20 triple messe a segno dagli ospiti su 54 tentativi. Non si arresta neanche la corsa dei San Antonio Spurs, che soffrono ma vincono 100-107 in rimonta contro i Sacramento Kings, messi alle corde dalle prove mostruose di Davis Bertans e LaMarcus Aldridge, autentici protagonisti della vittoria del team guidato da Gregg Popovich. Due triple di Bertans sul 95-91 consentono agli Spurs di piazzare il sorpasso a meno di 3 minuti dal termine: per lui i punti a referto sono 28 con 6/9 dall’arco dei tre punti. Aldridge, invece, confeziona lo sprint finale, suggellando una prova da 31 punti e 12 rimbalzi e vanificando i 22 punti e 9 rimbalzi di Willie Cauley-Stein.

Ma la vera grande sorpresa consiste nel tonfo dei Cleveland Cavaliers sul campo dei Minnesota Timberwolves, che prevalgono 127-99 chiudendo la pratica di fatto già all’intervallo, quando il tabellone segna un parziale di 69-42. A fare la differenza in casa Wolves è il quartetto di fenomeni composto da Andrew Wiggins (25 punti), Jimmy Butler (21 punti), Karl-Anthony Towns (19 punti e 12 rimbalzi) e Taj Gibson (16 punti e 13 rimbalzi), che annichiliscono la terza forza ad Est, tra le cui fila Lebron James viene schierato col contagocce dopo metà gara, realizzando 10 punti e 8 rimbalzi in 26 minuti. Ad inseguire i Celtics, pertanto, restano i Toronto Raptors, che prevalgono 113-114 sul campo dei Brooklyn Nets dopo un overtime. I ragazzi guidati da Dwane Casey si fanno prima rimontare 5 punti nell’ultimo minuto dei regolamentari dai padroni di casa, trascinati da una tripla di Spencer Dinwiddie (31 punti per lui a referto) e da un layup di Allen Crabbe a 9” dalla sirena, poi riescono a prevalere con un canestro e fallo, seguito dalla trasformazione dalla lunetta, di DeMar De Rozan, mvp del match con 35 punti all’attivo.

Palpitante anche l’epilogo tra gli Atlanta Hawks e i Los Angeles Clippers, che piazzano il sorpasso del 108-107 a 9” dalla sirena con una tripla di CJ Williams dopo un rimbalzo offensivo di Wesley Johnson. Tra le fila dei Clippers spiccano le prove sensazionali di DeAndre Jordan (25 punti e 18 rimbalzi) e di Lou Williams (34 punti con 4/9 da 3), mentre in casa Hawks si registrano i 10 punti di Marco Belinelli, che va spesso in lunetta (7/9), ma spara a salve dal campo (1/10). Anthony Davis (30 punti e 10 rimbalzi) è il grande protagonista del successo dei New Orleans Pelicans, ottavi ad Ovest, contro i Detroit Pistons, sconfitti 112-109 ma ancora settimi a Est e in piena corsa per i playoff, al pari degli Indiana Pacers, che portano a casa una vittoria fondamentale per 109-96 contro i Milwaukee Bucks, sfruttando al meglio sette giocatori in doppia cifra, tra cui spicca un superbo Domantas Sabonis, autore di 17 punti e 10 rimbalzi con 8/12 dal campo.

I risultati della notte:

Indiana Pacers-Milwaukee Bucks 109-96
Brooklyn Nets-Toronto Raptors 113-114 OT
Chcago Bulls-Houston Rockets 107-116
Minnesota Timberwolves-Cleveland Cavaliers 127-99
New Orleans Pelicans-Detroit Pistons 112-109
Sacramento Kings-San Antonio Spurs 100-107
Golden State Warriors-Denver Nuggets 124-114
Los Angeles Clippers-Atlanta Hawks 108-107

mauro.deriso@oasport.it

0
0