Getty Images

LeBron James supera Michael Jordan per punti nei playoff: Cleveland in finale con Golden State

LeBron James supera Michael Jordan per punti nei playoff: Cleveland in finale con Golden State

Il 26/05/2017 alle 08:28Aggiornato Il 26/05/2017 alle 08:33

Dal nostro partner OAsport.it

Per il terzo anno di fila la finale che assegnerà l’anello NBA sarà tra i Cleveland Cavaliers e i Golden State Warriors. Tutto come previsto, dunque, nei playoff 2017: le due squadre favorite hanno faticato davvero poco ad aggiudicarsi le proprie Conference. Se Curry e compagni hanno praticamente fatto incetta di vittorie, è servita una gara in più nell’ultimo atto ad Est per i campioni in carica per battere i Boston Celtics. Il successo 135-102 di stanotte chiude la serie per 4-1. Appuntamento al primo giugno per la sfida che tutti attendevano.

Non c’è stata davvero storia in gara-5 al TD Garden di Boston, con i Cavs che hanno guidato dall’inizio alla fine, facendo attenzione a non dovere sprecare inutili fatiche in più in una possibile gara-6. A comandare i lavori, come di consueto, è uno strepitoso LeBron James che, con 35 punti, supera Michael Jordan nella classifica dei migliori marcatori dei playoff (5.995 contro i 5.987). Già nel primo quarto è lui a decidere l’andamento della gara: 5/5 al tiro, 6 assist, 4 rimbalzi e 2 recuperi, che valgono un mostruoso 43-27 iniziale per gli ospiti. Nel secondo quarto Cleveland praticamente archivia la pratica, andando al riposo sul 75-57 parziale: da sottolineare un super Deron Williams, con 14 punti e 5/6 al tiro nei secondi 12′.

Il solo Avery Bradley, strepitoso con 23 punti (10/20 al tiro) non riesce a trascinare i padroni di casa, comunque applauditi dal proprio pubblico. Nella ripresa c’è spazio anche per la festa di Kyrie Irving (24 punti in 31′ per lui). L’assenza della stella Isaiah Thomas pesa sulle spalle di Boston che crolla sul finale chiudendo addirittura a -33 dai Cavs, pagando una scarsa prestazione del quintetto titolare (8 punti per Horfod, 7 per Olynyk e 6 per Smart).

Ora cinque giorni di riposo, poi sarà spettacolo con le attesissime Finals: chi la spunterà tra Cleveland e Golden State?

0
0