Getty Images

I risultati della notte: cadono a sorpresa Lakers e Celtics, Gallinari non basta a OKC

I risultati della notte: cadono a sorpresa Lakers e Celtics, Gallinari non basta a OKC

Il 16/01/2020 alle 07:55Aggiornato Il 16/01/2020 alle 08:47

Dal nostro partner OAsport.it

Nella notte appena trascorsa si sono disputate ben dieci partite valevoli per la stagione regolare NBA 2019-2020. Non sono mancate le sorprese: fanno rumore infatti le sconfitte interne di Los Angeles Lakers, Boston Celtics e Houston Rockets, mentre non sbagliano Miami Heat, Toronto Raptors e Dallas Mavericks. Andiamo a vedere nel dettaglio quanto accaduto oltreoceano.

Grossa sorpresa allo Staples Center dove gli Orlando Magic sorprendono i Los Angeles Lakers e li superano in volata per 118-119. La squadra leader della Western Conference interrompe così la striscia di nove vittorie consecutive: non bastano i 22 punti di Quinn Cook né la corposa doppia doppia (19 punti e 19 rimbalzi) del solito LeBron James, che sulla sirena sbaglia la tripla della possibile parità. Prestazione di grandissimo livello per Markelle Fultz, che nel finale prende per mano i propri compagni e chiude in tripla doppia con 21 punti, 11 rimbalzi e 11 assist; bene anche Aaron Gordon e Nikola Vucevic, presenti a tabellino rispettivamente con 21 e 19 punti.

Perdono in casa anche i Boston Celtics, che cedono ai Detroit Pistons per 103-116. Per i biancoverdi, privi di Jayson Tatum, è la quarta sconfitta nelle ultime sei gare: non sono sufficienti i 25 punti di Gordon Hayward e i 24 di Jaylen Brown. Prestazione di personalità dei Pistons, che ritornano al successo grazie a una percentuale di 60.3% dal campo e quattro giocatori sopra i 20 punti personali: spiccano il record stagionale per Sekou Doumbouya (24 punti) e l’ottima performance di Derrick Rose (22 punti e 6 assist).

Sconfitti entrambi gli italiani in campo nella notte. Danilo Gallinari mette a segno 23 punti, ma non sono sufficienti ai suoi Thunder per sconfiggere i Toronto Raptors, che si impongono in Oklahoma per 121-130. Ottima prova di collettivo dei detentori dell’anello, che mandano ben sette uomini in doppia cifra: tra questi il miglior realizzatore è Norman Powell con 23 punti. I San Antonio Spurs di Marco Belinelli, invece, vengono battuti a Miami per 106-100. Serata da superstar per Kendrick Nunn (33 punti), mentre ai texani non basta il trentello di DeMar DeRozan; soltanto quattro minuti in campo per l’azzurro.

Colpo esterno dei Portland Trai Blazers, che passano a sorpresa al Toyota Center di Houston con il punteggio di 107-117. Decisivo il solito duo composto da Damian Lillard e CJ McCollum, rispettivamente a segno con 25 e 24 punti; notevole anche il contributo di Hassan Whiteside, in doppia doppia con 18 punti e altrettanti rimbalzi. Per i Rockets tripla doppia per Russell Westbrook (31 punti, 11 rimbalzi e 12 assist), mentre James Harden incappa in una serata anonima (solo 13 punti). Tornano alla vittoria i Philadelphia 76ers, che superano i Brooklyn Nets per 117-106. A prendersi la scena è Tobias Harris, autore di 34 punti e 10 rimbalzi; ai Nets non bastano i 26 di Spencer Dinwiddie.

I Dallas Mavericks si impongono sul campo dei Sacramento King per 123-127. Dodicesima tripla doppia in stagione per Luka Doncic, che prende per mano i texani con una performance da 25 punti, 15 rimbalzi e 17 assist; da segnalare anche i 21 punti di Steph Curry. Tra i californiani il top scorer è De’Aaron Fox con 27 punti. Successo interno, invece, per i Denver Nuggets che hanno la meglio sugli Charlotte Hornets con il punteggio di 100-86. Decisivo il ventunenne Michael Porter Jr., a segno con 19 punti, mentre va sottolineato l’ottimo debutto per PJ Dozier che, chiamato a sostituire Jamal Murray uscito per infortunio, realizza 12 punti in 13′. Per gli Hornets i 20 punti e 9 assist di Terry Rozier non sono sufficienti ad evitare la quinta sconfitta di fila.

Gli Indiana Pacers infilano la terza vittoria consecutiva sbancando il Target Center di Minneapolis per 99-104. Il grande protagonista dell’incontro è Domantas Sabonis, che mette a referto una doppia doppia da 29 punti e 13 rimbalzi; il lituano è ben assistito da Malcolm Brogdon (21 punti). Per i Timberwolves, ancora privi della stella Karl-Anthony Towns, cinque giocatori in doppia cifra ma nessuno con grandi numeri realizzativi. Successo prezioso per i Chicago Bulls, che superano a domicilio i Washington Wizards per 115-106. A trascinare la franchigia dell’Illinois ci pensa Zach LaVine, a segno con 30 punti, mentre al team della Capitale non bastano i 23 di Bradley Beal.

I risultati della notte

Boston Celtics-Detroit Pistons 103-116

Philadelphia 76ers-Brooklyn Nets 117-106

Miami Heat-San Antonio Spurs 106-100

Oklahoma City Thunder- Toronto Raptors 121-130

Chicago Bulls-Washington Wizards 115-106

Minnesota Timberwolves-Indiana Pacers 99-104

Houston Rockets-Portland Trail Blazers 17-117

Sacramento Kings-Dallas Mavericks 123-127

Los Angeles Lakers-Orlando Magic 118-119

antonio.lucia@oasport.it

0
0