LaPresse

Venezia su Milano al fotofinish, Cantù al 7° successo di fila. L'OT premia Sassari e Brescia

Venezia su Milano al fotofinish, Cantù al 7° successo di fila. L'OT premia Sassari e Brescia

Il 17/03/2019 alle 22:27Aggiornato Il 18/03/2019 alle 00:12

Venezia vince lo scontro al vertice grazie al tap-in di Bramos a 2 decimi dal termine, dopo aver iniziato malissimo la gara. Successi agevoli per Avellino e Varese, mentre Trento si conferma squadra che cambia marcia nel ritorno e supera anche Trieste. Cantù al 7° successo di fila e sempre più in zona Playoffs, mentre l'OT premia Sassari (su Pistoia) e Brescia (su Brindisi).

Germani Basket Brescia - Happy Casa Brindisi 97 - 80

Brescia ferma la corsa di Brindisi e trova un successo, il decimo stagionale, che avvicina la squadra di Diana alla zona playoff. Serve un supplementare ai padroni di casa per avere la meglio su una combattiva Brindisi, capace in restare in partita per 40 minuti abbondanti. Primo quarto chiuso avanti dalla squadra di Vitucci, che trova un margine di 7 punti e in Moraschini il go-to-guy della squadra. Pronta risposta della Germani, che ribalta l’andamento del match nel secondo parziale chiudendo avanti di 7 all’intervallo, con la bomba di Sacchetti a portare l’inerzia tutta dalla parte dei suoi.

Secondo tempo ancora in totale equilibrio: Brindisi domina nel terzo quarto con un parziale di 27-19 ma Brescia resta a contatto e impatta al 40’. Si decide tutto negli ultimi 5 minuti di extratime. Vitali (14+5 assist) trova 8 dei suoi punti nell’ultimo parzialino; sono lui ed Hamilton, 21 punti e 13 rimbalzi, a trascinare Brescia al successo. 20-3 il punteggio dell’ultimo parziale, determinante ai fini del risultato finale che premia la Leonessa, dove sono ben 6 i giocatori in doppia cifra.

Video - Highlights: Germani Brescia-Happy Casa Brindisi 97-80 dts

03:18

Vota l'Eurosport Player MVP della 22a giornata di basket

Sondaggio
7215 voti
Pietro Aradori (Bologna)
Michael Bramos (Venezia)
Aleksa Avramovic (Varese)
Gerry Blakes (Cantù)
Dustin Hogue (Trento)
Dyshawn Pierre (Sassari)
Keifer Sykes (Avellino)
Jordan Hamilton (Brescia)

Sidigas Avellino - Grissin Bon Reggio Emilia 91 - 59

Ha vita facile la Sidigas Avellino per superare Reggio Emilia, conquistare il 2° successo consecutivo in campionato e agganciare a quota 28 punti in classifica la Vanoli Cremona, sconfitta oggi a Varese. Nel 1° quarto Harper e Green combinano per 17 punti con 4/6 da oltre l'arco, Avellino domina a rimbalzo (complice il 7/22 dal campo degli avversari), e per Reggio Emilia si fa subito complicata (24-17) al 10' di gioco. Sykes comincia il suo show personale nel 2° quarto (8), mentre la Grissin Bon continua a litigare col canestro da oltre l'arco (0/5 nel 2° quarto) vanificando così il gran lavoro a rimbalzo di Cervi e scivolando a -12 (43-31) a metà gara.

In apertura di ripresa Udanoh veste i panni dell'assistman aggiunto, mentre Sykes prosegue nell'inarrestabilità offensiva (10) e la squadra di coach Vucinic manda a referto 29 punti (contro i 15 degli ospiti) nel 3° quarto, chiudendo sostanzialmente così la pratica con 10' di anticipo (72-46 a fine 3° quarto). L'ultima frazione serve solamente a Sykes per migliorare una prova da MVP (29 e 6 assist per una valutazione complessiva di 35) e a Reggio Emilia per continuare a non trovare praticamente mai la via del canestro da oltre l'arco dei 6.75 (0/7, tra cui 0/4 del solo Allen). Doppia-doppia per Green (17 e 10 rimbalzi), prova all-around per Udanoh (9, con 8 rimbalzi e 6 assist). Per Reggio Emilia 18 di Dixon ma anche 3/21 (14%) da 3.

Video - Highlights: Sidigas Avellino-Grissin Bon Reggio Emilia 91-59

03:14

Oriora Pistoia - Banco di Sardegna Sassari 82 - 90

Ritorna al successo il Banco di Sardegna Sassari, mentre prosegue il momento "no" dell'Oriora, che staziona sempre più in fondo alla classifica in compagnia di Reggio Emilia. L'inizio della squadra di coach Ramagli è però molto incoraggiante, con Mesicek e Mitchell (6 nei primi 10'), mentre Sassari si aggrappa al talento di Pierre, alla presenza nei pitturati di Cooley, chiudendo però sotto il 1° quarto (23-21). La buona prova offensiva dei biancorossi prosegue anche nel 2° periodo, con Mesicek (6 e 4 assist) e Krubally (7) a cercare di fare il vuoto; il Banco di Sardegna si affida al solito Cooley (8) e non affonda completamente nonostante un tiro da 3 che non la sorregge granché (46-39) a metà gara.

A inizio ripresa si sblocca finalmente Odum in maglia Oriora, mentre Mesicek continua a essere fondamentale in ambo le fasi del gioco; Pierre si carica sulle spalle tutto l'attacco biancoblu, ma le percentuali della Dinamo continuano a non essere così rosee (59-56 al 30'). Nell'ultima frazione il duo Thomas e Pierre continua a sorreggere l'attacco ospite, mentre Pistoia paga l'1/5 da 3 e le 5 perse di squadra; i liberi sembrano concedere al Banco di Sardegna il successo nei tempi regolamentari, ma è Krubally a forzare l'overtime sul 78 pari. Nel tempo supplementare la differenza la fanno i liberi (7/12 per Sassari) e la diversa intensità in fase difensiva tra le due squadre; Pierre corona una prova da MVP realizzando 6 dei 12 punti complessivi degli ospiti, mentre Pistoia chiude con 1/9 al tiro negli ultimi 5' di gioco. Ai padroni di casa non bastano così i 20 di Mesicek e i 17 di Mitchell; Pierre chiude con 27 (11/16 al tiro) e 12 rimbalzi, ma bene anche Gentile (7 assist), autore di recuperi fondamentali nel finale.

Video - Highlights: Oriora Pistoia-Banco di Sardegna Sassari 82-90 dts

04:04

Dolomiti Energia Trentino - Alma Trieste 82 - 75

Non si ferma più la Dolomiti Energia Trentino di coach Buscaglia, ormai giunta al 5° successo di fila e sempre più in rampa Playoffs (attualmente ultima in griglia per la post-season con 24 punti in classifica). Partenza fulminea del trio Craft-Hogue-Pascolo (6 a testa nel 1° quarto), ma è Knox l'assoluto protagonista del 1° periodo, chiudendo con 11 (5/6 su azione) e 4 rimbalzi e permettendo all'Alma di rimanere a contatto (26-25) dopo i primi 10' di gioco. Nel 2° quarto entrambe le squadre vengono tradite dal tiro pesante (1/8 per i padroni di casa, 2/7 per gli ospiti) e dalle troppe perse (7 e 6), ma la Dolomiti Energia sfrutta il lavoro a rimbalzo offensivo per mantenere invariato il proprio vantaggio a metà gara (40-39).

Nel 3° quarto Gomes (8) e Hogue provano ad ampliare il solco tra le due formazioni, ma i punti di Dragic (7) e il 3/3 da 3 di Sanders permettono alla squadra allenata da coach Dalmasson di ribaltare l'inerzia e il punteggio parziale (61-66) dopo 30' di match. L'ultima frazione è un monologo bianconero, con Trieste che si prende solamente 7 tiri (realizzandone 2), complici anche le 6 perse di squadra, e realizza 9 punti; Trento trova una grande reazione di squadra, oltre a un Hogue go-to-guy e continua a macinare punti, confermando la svolta che le squadre allenate da Buscaglia imprimono al proprio rendimento nel girone di ritorno. Per Hogue 17 e 6 rimbalzi, ma anche 4/9 a cronometro fermo; i padroni di casa trovano anche il solito apporto di Craft (12, oltre a 7 rimbalzi e 4 assist). All'Alma non bastano i 22 (con 6/10 da 3) di Sanders.

Video - Highlights: Dolomiti Energia Trentino-Alma Trieste 82-75

03:08

VL Pesaro - Acqua S. Bernardo Cantù 72 - 80

Prosegue il magic moment dell’Acqua S. Bernardo Cantù, che, con la vittoria su Pesaro, prosegue nella striscia di successi consecutivi (ormai giunti a 7) e si mantiene in zona Playoffs. 1° quarto che sembra però dare un’altra impressione sull’esito finale della gara, con un Mockevicius incontenibile nei pitturati (10 e 6 rimbalzi nei primi 10’ di gioco), che permette alla VL di chiudere sul 22-20. Nel 2° periodo Blackmon e McCree cominciano a scaldarsi e prendono le parti di un Mockevicius che sembra rifiatare, ma Cantù lavora bene vicino a canestro, specie grazie a Stone, e ribalta l’inerzia della sfida chiudendo avanti il 1° tempo (36-40).

Nella ripresa la formazione allenata da coach Boniciolli sembra poter evitare il 6° k.o. consecutivo in campionato, grazie soprattutto alla coppia Blackmon-Mockevicius e a un 3° quarto da 23-15 (59-55 al 30’ di gioco). L’ultima frazione è però sintomatica delle difficoltà dei biancorossi e della voglia dell’Acqua S. Bernardo di superare qualsiasi ostacolo e avversità in questa stagione: Gaines (9) e il dominio a rimbalzo del duo Jefferson-Stone propiziano un contro-break che consente ai biancoblu di ottenere il successo. A Pesaro non basta così la doppia-doppia (21 e 19 rimbalzi) di Mockevicius, così come sono inutili ai fini del risultato finale i 18 di Blackmon (ma 1/6 da 3). Per Cantù gran prova personale di Stone (8 e 13 rimbalzi), ma bene anche i soliti Blakes (18) e Jefferson (13 e 9 rimbalzi).

Video - Highlights: VL Pesaro-Acqua S.Bernardo Cantù 72-80

04:04

Openjobmetis Varese - Vanoli Basket Cremona 83 - 64

Torna al successo l’Openjobmetis Varese, controllando ampiamente la gara contro la Vanoli Cremona e volando a quota 26 punti in classifica. Gara già indirizzata nel 1° quarto, coi padroni di casa a sfruttare la fase offensiva di Archie e del solito Scrubb (7 a testa) e il controllo dei rimbalzi, mentre Cremona chiude 5/17 al tiro e sprofonda sul 23-13 al 10’ di gioco. Archie si conferma anche nel 2° periodo, ma in questa frazione la Vanoli beneficia dei canestri di Ricci e della versatilità, ormai arcinota, di Saunders, provando così a ricucire un minimo le distanze in chiusura di 1° tempo (42-35).

Nella ripresa Avramovic e Mathiang danno vita a un bel duello a distanza, ma Cremona spreca qualche possesso di troppo (4 perse nel 3° quarto) e paga sempre percentuali non eccelse da oltre l’arco (1/5), vedendo così nuovamente aumentare lo svantaggio (60-51) al 30’. L’ultima frazione è copia perfetta della prima nel parziale (23-13), con Avramovic sugli scudi e Cain a fare la voce grossa a rimbalzo, mentre la squadra di coach Sacchetti paga ancora gli eccessivi turnovers. Cain chiude con 14 rimbalzi conquistati (7 offensivi), ma bene anche Avramovic (19) e Archie (17 e 5 rimbalzi). Alla Vanoli non bastano i 18 di Crawford.

Video - Highlights: Openjbmetis Varese-Vanoli Cremona 83-64

02:34

AX Armani Exchange Milano - Umana Reyer Venezia 86 - 87

Milano cade al Forum dopo un’eternità, visto che l’ultima sconfitta casalinga era maturata con Pesaro nel ritorno dello scorso anno; festeggia l’Umana Reyer Venezia, che conquista il 3° successo consecutivo e si porta a -4 in classifica dai campioni d’Italia in carica. Nel 1° quarto Milano sembra già indirizzare la gara, scappando sul 22-5 con le grandi giocate di James; gli ospiti rientrano però grazie a Tonut e De Nicolao e chiudono in ritardo di sole 9 lunghezze (29-20) i primi 10’ di gioco. Nel 2° periodo Fontecchio trova spazio e si fa vedere in attacco e a rimbalzo, ma Venezia, trascinata ancora da Tonut e da Biligha, recupera ulteriormente lo svantaggio, chiudendo sul 47-41 la prima metà di gara.

L’inizio di ripresa è tutto a favore della squadra di coach De Raffaele: Daye, Tonut e Watt realizzano complessivamente 17 punti nel 3° periodo e permettono alla Reyer di mettere la testa avanti nel punteggio (61-64) al 30’ di gioco. L’ultima frazione è lo specchio della Milano di questo 22° turno. Nedovic e Tarczewski, oltre alle triple degli esterni, la tengono avanti, ma a 2’30’’ dal termine il blackout che permette a Venezia di espugnare il Forum grazie al decisivo tap-in di Bramos, che corregge l’errore di Daye, a 2 decimi dalla sirena finale. Per Milano tutti i giocatori sono capaci di andare a referto, tranne il giovanissimo Milesi, il quale però non scende nemmeno sul parquet. Tonut (20 col 50% su azione) e Watt (24 con 3 soli errori al tiro) risultano fondamentali per il successo oro-granata.

Video - Highlights: AX Armani Exchange Milano-Umana Reyer Venezia 86-87

04:42

Fiat Torino - Virtus Segafredo Bologna 64 - 80

Parte bene la Virtus, sfruttando la presenza e l’intensità nel pitturato di Moreira e i troppi errori in fase di costruzione commessi dai padroni di casa, con coach Galbiati che ricorre al timeout dopo nemmeno 3’ (3-11). La Fiat fatica molto al tiro (3/13 complessivo al tiro nel 1° quarto) e beneficia unicamente di tiri liberi a causa dell’eccessiva foga difensiva degli ospiti; Bologna però regala anche spettacolo, specie con Kravic, e chiude avanti di 16 lunghezze il 1° periodo (11-27). La squadra di coach Galbiati continua a faticare in attacco e, nel 2° quarto, trova il canestro solamente dopo oltre 3’ grazie alla tripla di Moore, prima di una grandissima giocata sull’asse Hobson-McAdoo (16-33 al 15’). Dal canto suo, Bologna si blocca improvvisamente per svariati possessi, ritrovando il canestro su azione con la bimane di Martin al 17’ e permette così alla Fiat di accorciare un minimo le distanze alla metà di gara (26-38).

Cotton prima, la coppia Moore-Jaiteh dopo, permettono a Torino di rientrare completamente in gara al metà del 3° quarto (35-40). Taylor si carica allora sulle spalle l'intero attacco bianconero e, con 7 punti consecutivi, riporta la Segafredo a +10 (39-49) a 3' dalla fine della frazione; la Virtus gioca peggio rispetto agli avversari, ma rimane comunque avanti nonostante il 6/17 complessivo al tiro del 3° periodo (45-54). Aradori piazza un break di 0-8 per inaugurare l'ultima frazione e costringe coach Galbiati al timeout (45-62); Hobson prova a riaprire nuovamente la sfida con 5 punti in fila, ma per la Fiat è ormai fin troppo tardi e coach Djordjevic bagna con un successo il suo esordio sulla panchina delle V-Nere, nonché il suo ritorno in Italia. A Torino non bastano la doppia-doppia di Jaiteh (16 e 12 rimbalzi) e 15 assist di squadra. Per Bologna Aradori sugli scudi nell'ultimo quarto (15) e un Taylor da 16, 5 rimbalzi e altrettanti assist.

Video - Highlights: Fiat Torino-Segafredo Virtus Bologna 64-80

02:50

Video - Run'n'Gun: La fatica nel basket, quanto e come si allenano i professionisti della palla a spicchi

15:00

Il programma della Settimana su Eurosport Player

  • Anadolu Efes Istanbul – CSKA Mosca (martedì 19 marzo ore 18:00)
  • Valencia Basket – UNICS Kazan (martedì 19 marzo ore 18:30)
  • Fenerbahce Beko Istanbul – Buducnost VOLI Podgorica (martedì 19 marzo ore 18:45)
  • Olympiacos Pireo – FC Bayern Monaco (martedì 19 marzo ore 20:00)
  • ALBA Berlino – MoraBanc Andorra (martedì 19 marzo ore 20:00)
  • FC Barcellona Lassa – Herbalife Gran Canaria (martedì 19 marzo ore 21:00)
  • Darussafaka Tekfen Istanbul – Khimki Mosca (mercoledì 20 marzo ore 18:15)
  • Panathinaikos OPAP Atene – KIROLBET Baskonia Vitoria (mercoledì 20 marzo ore 20:00)
  • Maccabi FOX Tel Aviv – Zalgiris Kaunas (mercoledì 20 marzo ore 20:05)
  • Real Madrid – AX Armani Exchange Olimpia Milano (mercoledì 20 marzo ore 21:00)
  • CSKA Mosca – Fenerbahce Beko Istanbul (giovedì 21 marzo ore 18:00)
  • Buducnost VOLI Podgorica – Anadolu Efes Istanbul (giovedì 21 marzo ore 20:00)
  • FC Bayern Monaco – FC Barcellona Lassa (giovedì 21 marzo ore 20:00)
  • Herbalife Gran Canaria – Olympiacos Pireo (giovedì 21 marzo ore 21:30)
  • UNICS Kazan – Valencia Basket (venerdì 22 marzo ore 17:00)
  • Khimki Mosca – Maccabi FOX Tel Aviv (venerdì 22 marzo ore 18:00)
  • Zalgiris Kaunas – Darussafaka Tekfen Istanbul (venerdì 22 marzo ore 19:00)
  • MoraBanc Andorra – ALBA Berlino (venerdì 22 marzo ore 20:15)
  • KIROLBET Baskonia Vitoria – Real Madrid (venerdì 22 marzo ore 20:30)
  • AX Armani Exchange Olimpia Milano – Panathinaikos OPAP Atene (venerdì 22 marzo ore 20:45)
  • Segafredo Virtus Bologna – VL Pesaro (sabato 23 marzo ore 20:30)
  • Umana Reyer Venezia – Sidigas Avellino (domenica 24 marzo ore 17:00)
  • Acqua S.Bernardo Cantù – Alma Trieste (domenica 24 marzo ore 17:30)
  • FIAT Torino – Germani Basket Brescia (domenica 24 marzo ore 18:00)
  • Banco di Sardegna Sassari – Dolomiti Energia Trentino (domenica 24 marzo ore 18:15)
  • Happy Casa Brindisi – Openjobmetis Varese (domenica 24 marzo ore 18:30)
  • Vanoli Cremona – AX Armani Exchange Milano (domenica 24 marzo ore 19:05)
  • Oriora Pistoia – Grissin Bon Reggio Emilia (domenica 24 marzo ore 20:45)

Gioca a Dunkest il Fantabasket della LBA

Sida i tuoi amici, e non solo, nel Fantabasket ufficiale della LBA in partnership con Eurosport. Con Dunkest puoi creare la tua fanta squadra scegliendo tra le stelle LBA e sfidare gli utenti in base alle reali prestazioni dei giocatori!

0
0