From Official Website

Gianmarco Pozzecco si presenta: "Sassari è un posto speciale, sono qui per trasmettere passione"

Gianmarco Pozzecco si presenta: "Sassari è un posto speciale, sono qui per trasmettere passione"
Di LaPresse

Il 12/02/2019 alle 15:55Aggiornato Il 12/02/2019 alle 16:09

"Questa è una squadra forte, che può dire la sua". Le prime parole da head-coach della Dinamo di Gianmarco Pozzecco, che debutterà venerdì contro Venezia alle Final Eight di Coppa Italia: "Sarà un motore per fare bene e lavorare in fretta".

Eurosport Player: Segui l’evento LIVE

Guarda Eurosport
" La trattativa non è mai neanche esistita perché chiedendomi dove fossi gli ho risposto immediatamente che ero su un aereo per Sassari..."

Gianmarco Pozzecco si è presentato così nella prima conferenza stampa da tecnico della Dinamo Banco di Sardegna Sassari. "Sono estremamente contento di entrare a far parte di questa famiglia perché è una cosa a cui penso da tempo, ho avuto l’opportunità di dirlo anche recentemente. Io sono sentimentale, forse un po’ troppo, sono molto emotivo e questo traspare in campo e mi porta a esagerare. Mi piace svolgere la mia professione dove penso di poter star bene, e questo è un posto magico e sono felice. In un momento in cui la pallacanestro italiana sta vivendo delle difficoltà, con società in sofferenza, Sassari è una mosca bianca perché è una società sana. Questo credo sia un valore aggiunto e deve essere motivo di orgoglio per i sassaresi".

Video - Basketball Heroes: Gianmarco Pozzecco, la "Mosca Atomica" tra passione e follia

03:29

L'obiettivo: trasmettere passione

"Questa mattina mi sono presentato alla squadra, conoscevo quasi tutti i giocatori anche se non di persona, perché essendo un uomo di pallacanestro anche in questi anni ho sempre continuato, da Formentera, a seguire il basket e portare avanti la mia grande passione. Adesso l’impatto sulla squadra è importante soprattutto dal punto di vista umano, l’ho fatto raccontandogli la mia vita, la mia carriera, provando a trasmettergli la mia passione. Sono focalizzato su quello che sarà il mio futuro: la nostra è una squadra forte, che può dire la sua. Cercherò di far capire a tutti che nello sport di oggi non è facile vincere sempre e proverò a trasmettere l’insegnamento che mi diede una volta Carlo Recalcati dicendomi che bisogna saper perdere. Che non significa accettare la sconfitta, ma farne tesoro".

Il debutto alle Final Eight di Firenze

Primo impegno in agenda venerdì a Firenze, sede delle Final Eight di Coppa Italia: "Non sono preoccupato dal fatto di allenare una squadra che non ho costruito io, il fatto di avere una partita così vicina è un motore per fare bene e lavorare in fretta. Ho un percorso cestistico particolare, sono sempre stato un underdog e non mi spaventa affrontare nessun tipo di competizione".

Video - Run'n'Gun visit... La storia di Varese, da Meneghin a Meneghin, passando per Manuel Raga e Pozzecco

04:49
0
0