LaPresse

Torino inguaia Pistoia, Venezia fatica con Cantù. O.k. Cremona e Trieste, Brown lancia Brindisi

Torino inguaia Pistoia, Venezia fatica con Cantù. O.k. Cremona e Trieste, Brown lancia Brindisi

Il 14/04/2019 alle 23:35Aggiornato Il 14/04/2019 alle 23:44

Venezia ringrazia i liberi e la coppia Daye-Tonut per avere la meglio di Cantù al supplementare. Torino vince lo scontro salvezza con Pistoia, grazie a Jaiteh e Moore. Trieste ha vita facile su Reggio Emilia, mentre una Vanoli a due facce espugna Brescia nonostante la prova di Abass. Marble lancia Trento sempre più verso i Playoffs, mentre Brown e Chappell danno spettacolo e fanno volare Brindisi.

Eurosport Player: Segui l’evento LIVE

Guarda Eurosport

Segafredo Virtus Bologna - Happy Casa Brindisi 61 - 77

Le sontuose versioni di Brown e Chappell permettono all’Happy Casa Brindisi di espugnare il PalaDozza, sconfiggere la Virtus (priva di Punter) e volare a quota 32 punti in classifica al 4° posto solitario. Nel 1° quarto Bologna si affida alla presenza di QVale, ex capitano, e ai rimbalzi offensivi, per chiudere avanti (18-17) e avere la meglio di una Happy Casa molto precisa al tiro ma capace di commettere ben 7 turnovers nei primi 10’ di gioco. Il 2° periodo è invece caratterizzato dallo show offensivo di Chappell (10) e dai numerosi errori in fase di costruzione dei possessi da parte della squadra di coach Djordjevic, che scivola così a -8 (30-38) in chiusura di 1° tempo.

Nel 3° quarto la Virtus sembra rimettersi in carreggiata a livello offensivo e, nonostante l’insolita assenza di Aradori tra i marcatori, con le giocate di Kravic e le 2 bombe di M’Baye riesce a ricucire un minimo le distanze (51-56), vanificando così i 9 di Brown. Il centro di Brindisi è però dominante nell’ultima frazione: con 10 punti e 5 rimbalzi, e coadiuvato da Chappell in entrambe le fasi del gioco, permette alla squadra di coach Vitucci di piazzare un break complessivo di 10-21 (complice anche lo 0/6 da 3 di Bologna) e di conquistare il successo. La Segafredo paga le 15 perse e il 17.6% da 3 di squadra, mentre Brindisi si gode la coppia Brown-Chappell, capace di andare in doppia-doppia: per il centro 29 e 10 rimbalzi, per l’ala 25 e 10 rimbalzi.

Video - Highlights: Segafredo Virtus Bologna-Happy Casa Brindisi 61-77

03:33

Dolomiti Energia Trentino - VL Pesaro 81 - 76

Non si ferma la corsa del treno Dolomiti Energia verso quella stazione chiamata Playoffs. La squadra di coach Buscaglia regola infatti anche Pesaro, inanella il 3° successo consecutivo e vola a quota 30 punti in classifica; Pesaro non paga eccessivamente dazio in termini generali, complice la quasi contemporanea sconfitta di Pistoia. Nel 1° quarto la VL dà però l’impressione di poter rendere molto difficile la vita ai padroni di casa: nonostante il 3/10 di squadra e le 5 perse, la formazione allenata da Boniciolli vende cara la pelle e, trascinata dai punti di Blackmon e Zanotti (5 a testa), chiude avanti sul 14-20. Nel 2° periodo Marble è assoluto protagonista (11 e 3 recuperi nella frazione), ma Lyons, con 14 e 3 bombe, gli replica colpo su colpo, mantenendo così invariato il vantaggio dei biancorossi (35-41).

In apertura di ripresa la VL allunga ulteriormente, grazie alla connection tra Blackmon (7) e Mockevicius (8), concretizzando anche i molti errori della Dolomiti Energia, sia al tiro (4/11 da 2), sia a cronometro fermo (2/6) nel 3° quarto (54-64 al 30’). L’ultima frazione è però territorio di caccia di Craft: il playmaker bianconero piazza quasi la metà dei punti realizzati complessivamente dai padroni di casa (13 su 27), mentre Pesaro paga moltissimo il 4/15 complessivo al tiro (1/5 di Blackmon da oltre l’arco dei 6.75) e perde incredibilmente una partita che aveva condotto con merito per grande parte. Zanotti (13 e 9 rimbalzi) e Lyons (21) sono i migliori tra le file degli ospiti, mentre Craft (19) e Forray (16) fanno da supporting cast a Marble, miglior realizzatore del match con 22 punti (ma 2/8 da 3).

Video - Highlights: Dolomiti Energia Trentino-VL Pesaro 81-76

03:23

Germani Basket Brescia - Vanoli Cremona 86 - 89

2° successo consecutivo per la Vanoli di coach Sacchetti, che espugna il parquet di Brescia costringendo la formazione allenata da Diana al 14° k.o. in campionato, il 2° consecutivo dopo 3 successi di fila, e riducendone le speranze Playoffs. Abass (7) e Moss (8) sono assoluti protagonisti nel corso del 1° quarto, ma Cremona risponde con le triple degli esterni (5/6 da 3 per gli ospiti nei primi 10’ di gioco) e chiude avanti di 5 lunghezze (25-30). Nel 2° periodo sale in cattedra Ruzzier (8), il quale non solo si cala nel ruolo di realizzatore primario degli ospiti, ma serve anche vari assist (3) ai compagni. I padroni di casa soffrono al tiro, trovano 5 turnovers e scivolano così a -17 (39-56) a fine 1° tempo.


Nella ripresa Vitali sale di colpi in fase di regia, mentre Abass (7 nel 3° quarto) si conferma caldissimo terminale offensivo per la Germani. La squadra di coach Sacchetti perde smalto da oltre l’arco dei 6.75 (2/7) e vede così ridursi il proprio vantaggio (60-72) al 30’ di gara. Nell’ultima frazione ancora Abass (10) e Sacchetti (9) cercano di completare la rimonta, ma Crawford è di diverso avviso e regala agli ospiti un successo più complicato del previsto, considerato la grande prima metà di partita disputata dalla Vanoli. Abass disputa una delle migliori partite in stagione, chiudendo con 26 (8/15 da 2) e 9 rimbalzi; Vitali va in doppia cifra per assist smazzati (10). Per Cremona doppia-doppia di Mathiang (12 e 10 rimbalzi), 20 di Crawford e 50% preciso da 3 punti di squadra.

Video - Highlights: Germani Basket Brescia-Vanoli Basket Cremona 86-89

04:13

Alma Trieste - Grissin Bon Reggio Emilia 104 - 88

Senza storia il match tra l’Alma e la Grissin Bon, con la squadra di coach Dalmasson che si prende la vittoria sostanzialmente già nel 1° tempo. Dragic (11) e Knox (8) guidano la formazione padrona di casa nel 1° quarto, mentre Reggio Emilia trova un 1/5 da 3 di squadra e 5 perse, chiudendo così in ritardo in doppia cifra dopo soli 10’ di gioco (26-16). È nel 2° periodo però che l’Alma scava il solco decisivo, realizzando ben 34 punti (9 di Peric, 8 di Cavaliero e 7 di Dragic) e trovando nel solo Johnson-Odom (10 nel 2° quarto) il giocatore capace di evitare la definitiva disfatta degli ospiti, i quali però sprofondano a -22 a metà match (60-38).

Nella ripresa Wright (9 nel 3° quarto) sale in cattedra e punisce ogni disattenzione difensiva degli avversari, trovando in Da Ros e Knox fedeli scudieri. La squadra di coach Pillastrini tirerebbe anche bene dal campo, ma le perse e l’incapacità di contenere le sfuriate del playmaker avversario le costano il -28 (86-58) al 30’ di gara. L’ultimo quarto vede Fernandez (8) migliorare il proprio tabellino personale, mentre Reggio Emilia realizza 30 punti, complice anche una difesa avversaria che ha ormai allentato le maglie. Per Trieste 20 di Dragic, 17 di Peric e 6 assist a testa per Cavaliero e Wright. Alla Grissin Bon non bastano i 26 (con 4/7 da 3) di Johnson-Odom.

Video - Highlights: Alma Trieste-Grissin Bon Reggio Emilia 104-88

04:25

Oriora Pistoia - Fiat Torino 78 - 81

È Torino ad aggiudicarsi lo scontro salvezza del PalaCarrara di Pistoia, contro un’Oriora sempre più relegata all’ultimo posto in classifica. La Fiat parte a razzo coi canestri di Jaiteh (6) e McAdoo (5), mentre i padroni di casa beneficiano solamente della produzione offensiva di Mitchell (8); in chiusura di 1° quarto Torino cala d’intensità in attacco e così la formazione di coach Moretti chiude sotto di sole 4 lunghezze (14-18). Il 2° periodo si apre con un break di 0-6, firmato completamente da Jaiteh, in favore degli ospiti, ma ancora Mitchell, supportato stavolta da Peak e Auda, ribaltano la sfida, prima che i liberi di Moore fissino il punteggio sul 37-38 a metà gara. Nel 1° tempo le 2 formazioni non brillano certamente per qualità e precisione da oltre l’arco dei 6.75 (2/11 per l’Oriora, 2/13 per la squadra di coach Galbiati).

Il 2° tempo si apre all’insegna del duello tra Mitchell (8) e Moore (14), con la guardia della Fiat che domina a livello offensivo e permette agli ospiti di rimanere avanti anche al 30’ di gioco (57-58). Nell’ultimo periodo i canestri di Peak (8) e Auda (6) vengono vanificati da quelli di Poeta (7) e dalle perse dei padroni di casa, che costano così il mancato successo e permettono a Torino di compiere un bel balzo in avanti in classifica, relegando Pistoia all’ultimo posto provvisorio, a quota 12 punti. All’Oriora non bastano i 23 di Mitchell (ma 8 perse per l’ala statunitense), i 20 di Peak e la doppia-doppia di Krubally (11 e 13 rimbalzi). Per la Fiat 23 di Moore e sontuosa doppia-doppia di Jaiteh (17 e 19 rimbalzi, di cui 9 offensivi).

Video - Highlights: Oriora Pistoia-Fiat Torino 78-81

03:22

Umana Reyer Venezia - Acqua S. Bernardo Cantù 94 - 90 d.1t.s.

Successo sofferto per Venezia, che però, superando Cantù, torna alla vittoria dopo 2 k.o. consecutivi e consolida il 2° posto in classifica salendo a 36 punti. Nel 1° periodo le 2 formazioni tirano abbastanza male (6/17 Venezia, 4/14 Cantù), ma gli oro-granata padroni di casa beneficiano delle triple degli esterni e, limitando al minimo le palle perse, riescono a chiudere avanti (18-14), nonostante gli 8 di Jefferson. Nel 2° quarto la formazione allenata da coach De Raffaele prova a scappare con le triple (7/13 a metà match) e con la presenza di Watt nel pitturato avversario, ma gli ospiti rimangono a contatto grazie a un finale di frazione caratterizzato dalle giocate del duo Blakes-Jefferson, quest’ultimo autore di altri 8 punti nei secondi 10’ di gioco. A metà gara il vantaggio dell’Umana Reyer è così cristallizzato sul +4 (41-37), nonostante il pessimo 27% da 2 di squadra.

In apertura di ripresa Carr trova il 1° canestro di Cantù da oltre l’arco dei 6.75 (dopo 8 errori consecutivi degli ospiti), ma Venezia vola sul +10 (50-40) con Daye. L’Acqua S. Bernardo rosicchia però punti su punti, pur essendo troppo imprecisa a cronometro fermo, grazie alle triple e a Blakes (6 nel 3° quarto) e così al 30’ di gioco è sotto di sole 4 lunghezze (58-54). Nell’ultima frazione, dopo la tripla di Daye, l’Umana Reyer s’inceppa clamorosamente a livello offensivo e rimane a galla solamente grazie ai numerosi viaggi in lunetta (11/15); Cantù non ne approfitta appieno, nonostante i canestri di Gaines, e incredibilmente non spende un fallo sull’ultima azione offensiva dei padroni di casa, consentendo a Daye di piazzare la bomba che forza il supplementare. Nell’overtime Tonut (6) e Watt (6) regalano il successo ai padroni di casa, mentre a Cantù non bastano i canestri del solito Jefferson. Per la Reyer 6 giocatori in doppia cifra (top scorer Watt con 18), doppia-doppia per Bramos (11 e 10 rimbalzi) e grande prova di De Nicolao (14 e 8 assist). Alla squadra di coach Brienza non bastano le doppie-doppie di Jefferson (26 e 12 rimbalzi) e di Davis (10 e 12 rimbalzi).

Video - Highlights: Umana Reyer Venezia-Acqua S.Bernardo Cantù 94-90 d1ts

03:53

Banco di Sardegna Sassari - Sidigas Avellino 105 - 84

Prosegue il momento d’oro di Pozzecco e del Banco di Sardegna Sassari. Al PalaSerradimigni i biancoblu dilagano nel 2° tempo e raggiungo il 5° successo consecutivo in campionato, avvicinando sempre più la zona Playoffs. Per Avellino 4° k.o. di fila ed esordio non felice per coach Maffezzoli. Nel 1° quarto la Sidigas domina a livello offensivo, con percentuali sontuose (9/11 da 2 e 3/5 da 3) e con Nichols (7) e Sykes (10) a prendersi la scena quasi completamente. La formazione di coach Pozzecco si aggrappa alla solita presenza di Cooley sotto le plance e ai canestri di Thomas, ma le 5 perse di squadra nei primi 10’ sono causa principale del -7 (23-30). Nel 2° periodo è invece Avellino a commettere troppi turnovers (ben 6) e l’inerzia della gara sembra svoltare a favore dei biancoblu, nonostante le triple degli esterni ospiti. Pierre e Thomas guidano la rimonta del Banco di Sardegna, che a metà partita è così sotto di 1 sola lunghezza (47-48).

Trascinata soprattutto da McGee e Smith, Sassari apre la ripresa con un break di 14-2, che le permette di prendere il comando delle operazioni (61-50 al 24’ di gioco). Coach Maffezzoli spende 2 dei 3 timeout a disposizione nel 2° tempo già a metà 3° quarto, ma la sua squadra non riesce a contenere le sfuriate dei padroni di casa, particolarmente di Pierre (10 nel 3° periodo), e sprofondano così a -14 (79-65) al 30’ di match. Nell’ultima frazione le bombe di Spissu (3), il lavoro di Cooley nei pitturati (10 punti negli ultimi 10’ e standing-ovation alla sostituzione) e le giocate di Thomas completano la festa del Banco di Sardegna, condannando Avellino a un’altra sconfitta, la quarta consecutiva in campionato. Per Sassari 23 di Cooley, 22 di Thomas e un ottimo 12/25 di squadra da oltre l’arco dei 6.75. Ad Avellino non bastano i 21 di Sykes, le ottime percentuali (59% da 2, 46% da 3) e i 24 assist di squadra.

Video - Highlights: Banco di Sardegna Sassari-Sidigas Avellino 105-84

04:08

Il programma della Settimana su Eurosport Player

  • ALBA Berlino - Vanelcia Basket (lunedì 15 aprile ore 20:30)
  • CSKA Mosca - KIROLBET Baskonia Vitoria (martedì 16 aprile ore 19:00)
  • Fenerbahce Beko Istanbul - Zalgiris Kaunas (martedì 16 aprile ore 19:45)
  • Anadolu Efes Istanbul - FC Barcellona Lassa (mercoledì 17 aprile ore 19:00)
  • Real Madrid - Panathinaikos OPAP Atene (mercoledì 17 aprile ore 21:15)
  • CSKA Mosca - KIROLBET Baskonia Vitoria (giovedì 18 aprile ore 19:00)
  • Fenerbahce Beko Istanbul - Zalgiris Kaunas (giovedì 18 aprile ore 19:45)
  • Anadolu Efes Istanbul - FC Barcellona Lassa (giovedì 18 aprile ore 19:15)
  • Real Madrid - Panathinaikos OPAP Atene (venerdì 19 aprile ore 21:15)
  • Dolomiti Energia Trentino - Oriora Pistoia (sabato 20 aprile ore 17:00)
  • Acqua S. Bernardo Cantù - Openjobmetis Varese (sabato 20 aprile ore 19:05)
  • Vanoli Cremona - Happy Casa Brindisi (sabato 20 aprile ore 19:30)
  • Sidigas Avellino - Fiat Torino (sabato 20 aprile ore 20:00)
  • Alma Trieste - Umana Reyer Venezia (sabato 20 aprile ore 20:15)
  • Germani Basket Brescia - AX Armani Exchange Milano (sabato 20 aprile ore 20:30)
  • Grissin Bon Reggio Emilia - Segafredo Virtus Bologna (sabato 20 aprile ore 20:30)
  • VL Pesaro - Banco di Sardegna Sassari (sabato 20 aprile ore 20:45)

Gioca a Dunkest il Fantabasket della LBA

Sida i tuoi amici, e non solo, nel Fantabasket ufficiale della LBA in partnership con Eurosport. Con Dunkest puoi creare la tua fanta squadra scegliendo tra le stelle LBA e sfidare gli utenti in base alle reali prestazioni dei giocatori!

0
0