LaPresse

Milano rovina la festa a Treviso. Venezia ok in rimonta, colpi esterni di Cantù e Sassari

Milano rovina la festa a Treviso. Venezia ok in rimonta, colpi esterni di Cantù e Sassari
Di Eurosport

Il 26/09/2019 alle 22:58Aggiornato Il 27/09/2019 alle 11:20

Ritorno in Serie A con successo netto per Ettore Messina. Milano espugna infatti Treviso con una grandissima prova di Rodriguez e un ottimo Moraschini. A Masnago sfida che dura sostanzialmente 10', poi Sassari prende il comando con Gentile, Pierre e le triple di Vitali. Cantù piazza il primo colpaccio di stagione, vincendo a Brindisi dopo una sfida combattuta. Venezia ok in rimonta con Bramos.

Umana Reyer Venezia-Pallacanestro Trieste 78-73

A cura di Daniele Fantini. Due prodezze di Mitchell Watt e un controverso fallo antisportivo fischiato contro Akill Mitchell a 35" dalla sirena regalano alla Reyer Venezia un sudatissimo successo in rimonta su una Trieste che sfiora il colpaccio giocando 35' di ottima pallacanestro sul parquet dei campioni d'Italia. Trascinata dalla nuova coppia di esterni, Kodi Justice (21 punti e 4 triple realizzate) e Jon Elmore (13 punti 3 assist), e dai balzi di Mitchell (12 punti, 7 rimbalzi) e Derek Cooke (6 punti, 7 rimbalzi e una schiacciata da top10 di giornata), la squadra di coach Dalmasson pregusta a lungo il colpaccio, tenendo in scacco una Venezia che fatica a trovare armonie offensive e necessita di tre quarti abbondanti per rispolverare la sua classica tigna difensiva.

Video - Venezia rimonta Trieste all'ultimo minuto con Mitchell Watt: schiacciata e stoppata decisiva

00:42

Ma quando Justice ed Elmore si ritrovano con la lingua per terra e la museruola alla bocca, ecco uscire la superiorità tecnica e, soprattutto, di esperienza degli orogranata: un parziale di 8-0 innescato da Daye e chiuso da una tripla splendida di Tonut (14 punti) firma il sorpasso e, nel finale, è il succitato Watt a completare l'opera con un paio di giocate da campioni su entrambi i lati del campo. Top-scorer e anima sui 40' della Reyer è però Michael Bramos: l'esterno greco-statunitense spara 25 punti con 8/10 dal campo e cinque triple, chirurgico ogni volta in cui viene cercato e pescato con i piedi a posto oltre l'arco.

Video - Highlights: Umana Reyer Venezia-Pallacanestro Trieste 78-73

08:44

Il tabellino

  • Venezia: Udanoh 7, Casarin n.e., Stone 2, Bramos 25, Tonut 14, Daye 7, De Nicolao 6, Filloy 3, Chappell 5, Pellegrino, Cerella, Watt 9. All. De Raffaele.
  • Trieste: Coronica, Cooke 6, Peric 2, Fernandez 11, Schina n.e., Janelidze n.e., Cavaliero 6, Da Ros 2, Mitchell 12, Elmore 13, Justice 21. All. Dalmasson.

Vota l'Eurosport Player MVP della 1a giornata di basket

Sondaggio
14131 voti
Ed Daniel (Fortitudo Bologna)
James Blackmon (Trento)
DeAndre Landsdowne (Brescia)
Stefan Markovic (Virtus Bologna)
Mitchell Watt (Venezia)
Sergio Rodriguez (Milano)
Cameron Young (Cantù)
Dyshawn Pierre (Sassari)

Happy Casa Brindisi-Acqua S. Bernardo Cantù 64-69

A cura di Marco Arcari. Partita da cardiopalma al PalaPentassuglia di Brindisi, dove Cantù piazza il primo colpaccio stagionale vincendo praticamente al fotofinish. Per coach Pancotto 10 vittorie in 13 sfide contro Vitucci. Primo tempo sostanzialmente equilibrato, con l'Happy Casa che trova subito in Adrian Banks e John Brown i trascinatori in ambo le fasi di gioco. La formazione canturina si aggrappa al talento di Andrea Pecchia e di Cameron Young, limitando al minimo gli errori in fase di costruzione del gioco e chiudendo in vantaggio la prima metà di gara (31-36).

Sostanziale equlibrio anche nella ripresa, per quanto gli ospiti riescano a trovare un buon margine; Brown è però il totem della formazione padrona di casa e ridà il pareggio a quota 64 con un gioco da 3 punti. Il finale di gara è concitato e vive di errori consecutivi da ambo le parti, ma Young piazza la bomba che spezza gli equilibri a 1' dal termine (64-67) e garantisce all'Acqua S. Bernardo di conquistare un grande successo in trasferta, complici gli errori, prima dalla distanza e poi i 3 consecutivi nel pitturato, commessi dai padroni di casa negli ultimi possessi. All'Happy Casa non bastano Banks e Browns (entrambi autori di 17 punti) e pesano soprattutto gli errori al tiro nelle battute conclusive. MVP della sfida Young (22 punti con 5/8 da 3), ma buone prove anche di Pecchia (10 punti) e Kevarrius Hayes (8 punti e 10 rimbalzi).

Video - Highlights: Happy Casa Brindisi-Acqua S.Bernardo Cantù 64-69

06:41

Il tabellino

  • Brindisi: Banks 17, Brown 17, Martin 10, Radosavljevic 2, Zanelli 1, Iannuzzi, Guido n.e., Gaspardo 10, Campogrande 3, Thompson 1, Cattapan n.e., Ikangi 3. All. Vitucci.
  • Cantù: Young 22, Collins 7, Procida n.e., Clark 8, La Torre 2, Hayes 8, Wilson 3, Burnell 6, Baparapè n.e., Simioni 2, Rodriguez 1, Pecchia 10. All. Pancotto.

Openjobmetis Varese-Banco di Sardegna Sassari 52-74

A cura di Marco Arcari. Ritorno dolcissimo per coach Pozzecco a Varese, luogo in cui la Mosca Atomica ha scritto pagine indelebili nella storia della pallacanestro italiana. Il suo Banco di Sardegna domina infatti in lungo e in largo dal 10' in poi, mentre Varese non riesce a opporre grandi resistenze e cade con uno scarto pesante (-22). Partenza caratterizzata soprattutto dalle grandi fasi difensive delle due formazioni, ma anche da un Matteo Tambone molto produttivo in fase di realizzazione (7 punti per lui nel 1° quarto). Il Banco di Sardegna cerca soprattutto il gioco dei propri lunghi e, complice il 2/10 da 3 dei padroni di casa, rimane comunque agganciato nel punteggio (15-15 dopo 10' di gara). In apertura di 2° quarto gli ospiti piazzano un break di 2-8 e tentano una prima fuga (17-23), ma sono le bombe di Michele Vitali e Curtis Jerrells a creare il primo strappo in favore dei biancoblu (20-31) a metà frazione. Siim-Sander Vene prova quantomeno a tenere a galla la Openjobmetis, realizzando 7 punti nel quarto, ma Stefano Gentile risponde colpo su colpo, piazzandone 9, e buzzer di Marco Spissu chiude la prima metà di gara con un comodo +16 (24-40) per Sassari. Se la fase difensiva della formazione di coach Pozzecco è ottima per larghi tratti di tempo, a penalizzare oltremodo Varese sono percentuali negativamente incredibili (3/15 dal campo nel 2° quarto e 3/21 da 3).

Josh Mayo trova il primo canestro su azione dopo 22' di gara, mentre il Banco di Sardegna continua a martellare alternando gioco interno, con la solidità di Miro Bilan, a gioco esterno, con le triple di Vitali, e trovando il +22 (31-53). Capitan Giancarlo Ferrero e le giocate sull'asse Milenko Tepic - Jeremy Simmons tengono vive le speranze di una possibile rimonta biancorossa (41-57 al 30'). L'ultimo quarto serve unicamente a certificare il meritato successo degli ospiti, che si godono anche le bombe di Dyshawn Pierre e qualche grande giocata di puro atletismo da parte di Dwayne Evans. Prova all-around per Pierre (18 punti, ma anche 8 rimbalzi e 6 assist), bene anche Vitali (3/5 dall'arco) ed Evans. Per Varese un pessimo 18% (7/39) da 3 di squadra e due soli giocatori in doppia cifra per punti realizzati (Ferrero e Vene, con 10 a testa).

Video - Highlights: Openjobmetis Varese-Banco di Sardegna Sassari 52-74

06:09

Il tabellino

  • Varese: Peak 8, Tepic, De Vita n.e., Jakovics, Natali 3, Vene 10, Simmons 4, Seck n.e., Mayo 9, Tambone 8, Gandini, Ferrero 10. All. Caja.
  • Sassari: Spissu 6, McLean 4, Bilan 8, Bucarelli, Devecchi, Evans 10, Magro, Pierre 18, Gentile 11, Vitali 11, Jerrells 6. All. Pozzecco.

De' Longhi Treviso-AX Armani Exchange 53-75

A cura di Davide Fumagalli. Nella serata dei ritorni, quella di Treviso in A dopo 7 anni e quella di Ettore Messina dopo 14, non ci sono sorprese al PalaVerde: l'AX Armani Exchange Milano travolge la neopromossa De' Longhi e parte col piede giusto in questo campionato. L'avvio è tutto dei padroni di casa che, spinti dall'entusiasmo del pubblico, iniziano 8-0 con due triple di Aleksej Nikolic, poi vanno sul 12-3: lì Messina manda in campo Sergio Rodriguez e lo spagnolo, insieme a Riccardo Moraschini e Paul Biligha, cambia il match. L'Olimpia torna sotto e al 10' conduce 23-19. Nel secondo periodo i biancorossi faticano con in campo Shelvin Mack e Micheal Roll ma appena torna il 'Chacho' è di nuovo show: canestro e alley oop per Kaleb Tarczewski, e vantaggio 35-33 Olimpia all'intervallo.

Video - Il primo canestro in Serie A del "Chacho", Sergio Rodriguez

00:22

Nella ripresa non c'è più partita: dopo la tripla di Nikolic del -3, Treviso non segna più e Milano scappa via, grazie anche a Mack e Roll che entrano in gara. Poi torna Rodriguez, segna 9 punti in fila in un break di 15-0, e l'AX Armani Exchange arriva sul 54-36. Al 30' è 56-42 per la squadra di Messina. Nel quarto periodo Roll fa +15, poi Moraschini mette la tripla del +21 e i liberi del +27 (75-48). L'ultimo canestro è di Luca Severini, una bomba che fissa il punteggio sul 75-53 finale. Per l'Olimpia, che vince 44-29 la lotta a rimbalzo e chiude con 10 su 22 da tre, ha 21 punti di un clamoroso Rodriguez e 13 di un positivo Moraschini; Treviso dura un tempo, paga lo scotto con l'esordio in A e affonda (33% da due, 6 su 21 da tre), col solo Lorenzo Uglietti in doppia cifra, 11 punti.

Video - Highlights: De' Longhi Treviso-AX Armani Exchange Milano 53-75

05:04

Il tabellino

  • Treviso: Tessitori 5, Logan 7, Alviti 2, Nikolic 9, Parks 4, Chillo 2, Uglietti 11, Severini 3, Piccin, Bartoli n.e., Fotu 4, Cooke 6. All. Menetti.
  • Milano: Della Valle 3, Mack 7, Micov 9, Biligha 6, Moraschini 13, Roll 5, Rodriguez 21, Tarczewski 6, Cinciarini 3, Burns, White, Brooks 2, All. Messina.

Torna il grande basket LIVE su Eurosport Player: tutta la Serie A, Eurolega, Eurocup e Champions!

Video - Il grande basket torna su Eurosport: Serie A, Eurolega, Eurocup e Champions League

00:30
0
0