Getty Images

Biathlon, le chiavi della staffetta mista con Wierer e Windisch: l'Italia punta alla medaglia

Biathlon, le chiavi della staffetta mista: l'Italia punta alla medaglia con Wierer e Windisch

Il 19/02/2018 alle 18:00Aggiornato Il 19/02/2018 alle 19:34

Dal nostro partner OAsport.it

Una gara molto particolare, divisa in due ma in cui è fondamentale trovare la giusta amalgama all’interno della squadra. Domani alle ore 12.15 andrà in scena la staffetta mista di biathlon e il format è quello che negli anni abbiamo imparato a conoscere: le prime due frazioni, da 6 chilometri ciascuna, saranno percorse da due donne mentre le ultime due, di 7,5 chilometri a testa, vedranno protagonisti gli uomini. Oggi l’Italia ha comunicato l’ordine degli staffettisti: Lisa Vittozzi, Dorothea Wierer, Lukas Hofer e Dominik Windisch a chiudere, per sfruttare eventualmente anche le sue doti nell’ultimo giro e in volata.

Quale potrebbe essere lo sviluppo tattico della gara, con un occhio di riguardo per gli azzurri? Partiamo dal presupposto che saranno quattro o cinque le formazioni che ambiranno alla medaglia con determinate certezze. Dietro Norvegia, Germania e Francia, troviamo proprio la Nazionale italiana con la Svezia che, per quanto fatto vedere in queste Olimpiadi, può essere un'outsider molto pericolosa.

Le due frazioni femminili saranno essenziali per sgranare il gruppo e passare il testimone agli uomini più avanti possibile. Nonostante la presenza delle ricariche, sarà fondamentale non sbagliare al poligono per mantenersi in quota e nel primo gruppo: sia Vittozzi che Wierer hanno nelle loro possibilità lo zero rapido in entrambe le sessioni di tiro, dalle quali si potrebbero già trarre i primi bilanci.

Nelle frazioni al maschile, specialmente per quanto riguarda l’Italia, potrebbero entrare in gioco componenti diversi. Dopo 12 chilometri e ben quattro poligoni alle spalle, le posizioni potrebbero già essere definite. Tra le squadre favorite, per esempio, la Norvegia potrebbe provare a scappare già con le donne o patire un ritardo anche pesante: Olsbu e Eckhoff non sempre sono perfette al tiro e in questa gara potrebbero pagare, dando il cambio in ritardo ai compagni Svendsen e Johannes Boe.

Sulla carta, sia la Francia che la Germania hanno tiratori buoni in tutte le frazioni: condizione essenziale per questa competizione. La necessità di inseguire o difendere il vantaggio, dunque, potrebbe portare gli uomini a forzare leggermente sia sugli sci che al tiro: a volte una condotta di gara aggressiva può essere la chiave per arrivare all’oro o comunque a una medaglia, ma potrebbe anche essere motivo di una fragorosa caduta nelle zone basse della classifica in caso di troppi errori al poligono. Sulla carta, sia Windisch che Hofer possono essere adatti a questo tipo di gara, anche se potrebbero incorrere in qualche penalità di troppo al tiro. Ancora più che per le compagne, sarà essenziale sparare precisi e coprire tutti i bersagli.

0
0
Ultimi video