From Official Website

Del Piero

Del Piero, un assist per il rinnovo
Di Eurosport

Il 13/01/2013 alle 22:58Aggiornato Il 13/01/2013 alle 23:16

Alex non segna nella vittoria contro i Melbourne Hearts ma è decisivo un suo assist: anche per il prolungamento, ancora non firmato?

Durante la settimana scorsa il tema principale a Sydney è stato (e probabilmente lo sarà anche nelle prossime - ammesso che non arrivino novità) la situazione contrattuale di Alessandro Del Piero. Una situazione che sta diventando una telenovela, nonostante le dichiarazioni “d'amore” dello stesso Alex a città e squadra. Ma nel weekend c'è il calcio giocato e in quest'ultimo è arrivata una buona notizia per gli “Sky Blues” di Frank Farina, vincitori 2-1 contro i Melbourne Heart dell'altro ex italiano (e di famiglia originaria del belpaese) John Aloisi. Vittoria doveva essere e vittoria è stata, anche se arrivata in modo drammatico al 92', per il Sydney Fc, che così abbandona l'ultimo posto in classifica nuovamente (sperando di non tornarvi come successo diverse volte quest'anno), dopo il secondo successo casalingo di fila (e prima di sempre contro gli Heart), raggiungendo Brisbane a 17. Peccato davvero che a questo successo abbia assistito un pubblico esiguo, fermo ad appena 13.125 unità, anche se, va detto, la pioggia scesa a Sydney un po' lo giustifica.

    Un successo sotto la pioggia arrivato, oltre che in extremis, in rimonta, dopo una gara in salita. Il primo tempo infatti, chiuso avanti dagli ospiti 1-0 grazie al gol di Garcia, non ha fatto altro che confermare limiti già visti, ma nella ripresa, già prima dei due gol, arrivati comunque dopo il 40', qualcosa si era già visto di migliore da parte del Sydney, grazie ai “senatori” (Del Piero, Emerton e Culina), ma anche alla freschezza dei subentrati Powell (sul finire del primo tempo per un Abbas acciaccato e nervosetto) e McFlynn (al 15' ripresa per un Triantis non all'altezza dei precedenti prestazioni). Nel 4-4-2 iniziale (diventato poi 4-3-3 con Powell) di Farina spazio ancora per il ragazzino Calver, entrato nell'ultimo quarto d'ora al posto di Fabio, al rientro dopo l'infortunio, così come Yau, tornato a far coppia con Del Piero in avanti e autore di un buon match (ha propiziato l'1-1 di Emerton). Dall'altra parte Aloisi schiera il solito 4-3-3, privo ancora dell'ex Parma Vincenzo Grella, ancora ai box e lontano dalla migliore condizione.

    Tornando a Del Piero, Alex in settimana aveva, tra il serio e il faceto, promesso una telefonata ad Aloisi, ed è stato di certo meno “picchiato” rispetto alla precedente gara. Il gol all'ex capitano della Juve manca da due mesi (settima giornata, era il 15 novembre, sconfitta a Brisbane, dove segnò una doppietta), ma contro gli Heart la sua prestazione è stata tonica fino alla fine, dove ci ha messo più che uno zampino nel successo, propiziando, con un cross dei suoi sulla testa di Grant, il 2-1 decisivo a tempo scaduto. Grande prova di carattere per il Sydney, trascinato, più che da Del Piero ed Emerton, stavolta da Jason Culina: l'ex centrocampista dell'Ajax è ormai recuperato appieno.

    Abbandonato l'ultimo posto il Sydney si appresta a ricevere sabato all'Allianz proprio il nuovo “fanalino” di coda Wellington (16 punti), piegato 2-0, ironia della sorte, dal Western Sydney Wanderers (sempre positivo Jacopo La Rocca), ora quarto a 26 dietro la capolista Central Coast (34), Adelaide (32) e Melbourne Victory (27). Chiaro, ora per gli “Sky Blues” occorre fare un passo alla volta e pensare prima a uscire dalla crisi, ma se sabato arriverà un altro successo si potrà rifiatare e programmare l'assalto ai playoff, che ospitano sei squadre, essendo la quinta e sesta della graduatoria lì vicini (19 punti Perth, 20 Newcastle). Playoff obiettivo fondamentale non solo per salvare la stagione ma per evitare che a Del Piero venga davvero un temuto “maldipancia”, come qualcuno spera in Europa. Per la gara decisiva con la “D” maiuscola Farina dovrebbe contare anche sull'attaccante Joel Griffiths, arrivato a Natale e pronto a esordire. Ma soprattutto a un morale alto.

    * * *

    0
    0