Getty Images

Usain Bolt chiede troppi soldi ai Mariners: sfuma il sogno di diventare un calciatore

Usain Bolt chiede troppi soldi ai Mariners: sfuma il sogno di diventare un calciatore

Il 02/11/2018 alle 09:28Aggiornato Il 02/11/2018 alle 09:52

La squadra australiana dei Central Coast Mariners ha rifiutato la richiesta da 2.1 milioni di dollari di Usain Bolt, giudicandolo tecnicamente inadeguato per giocare a calcio a livello professionistico: la trattativa con l’ex-campione olimpico giamaicano è naufragata nonostante il sostegno di una serie di sponsor esterni.

"Come già dichiarato, il club e Ricky Simms (rappresentante di Bolt) sono stati in trattativa con partner esterni per trovare una soluzione commerciale adatta a tutte le parti - si legge in una nota dei Mariners - Nonostante diversi potenziali partner promettenti, sia Bolt che i Central Coast Mariners hanno concluso amichevolmente che non si riuscirà a trovare un accordo adeguato in modo tempestivo".

Usain Bolt, Central Coast Mariners, Getty Images

Usain Bolt, Central Coast Mariners, Getty ImagesGetty Images

Bolt, ufficialmente ritiratosi dall'atletica lo scorso anno e che si era già allenato con diversi club in Germania, Sud Africa e Norvegia, ha ringraziato i Mariners per l'opportunità. "Vorrei ringraziare i proprietari dei Central Coast Mariners, la dirigenza, il personale, i giocatori e i tifosi per avermi fatto sentire il benvenuto durante il mio periodo qui", ha detto il giamaicano, che presto tornerà in Europa per una serie di impegni commerciali. "Auguro i migliori successi al club per la prossima stagione", ha concluso Bolt.

Video - Offerto a Bolt un contratto in Europa

00:25

0
0