Eurosport

Australia, l'Arabia Saudita non partecipa al minuto di silenzio per vittime Londra

Australia, l'Arabia Saudita non partecipa al minuto di silenzio per le vittime di Londra

Il 08/06/2017 alle 17:40Aggiornato Il 08/06/2017 alle 18:00

I giocatori dell'Arabia Saudita non hanno rispettato il minuto di silenzio per le vittime dell'attentato terroristico di Londra nell'ambito dell'amichevole con l'Australia.

La nazionale dell'Arabia Saudita è stata fischiata dai tifosi di casa dell'Australia prima del match valido per le qualificazioni ai Mondiali, vinta 3-2 dai Socceeros ad Adelaide. La motivazione è legata al minuto di silenzio chiesto dalla Federazione nazionale per ricordare le vittime del recente attentato a Londra. I giocatori sauditi non sono riusciti ad allinearsi, mentre il team australiano, come da tradizione in questi momenti, si è schierato in linea all'altezza del cerchio del centrocampo, con i giocatori abbracciati tra di loro.

Alcuni giocatori ospiti si sono fermati con le braccia dietro le spalle, altri hanno continuato a riscaldarsi come se il match stesse per iniziare. I media locali hanno evidenziato come anche i componenti della panchina dei sauditi non abbiano rispettato il minuto di raccoglimento. Un atteggiamento che ha scatenato la pioggia di fischi del pubblico. Nel successivo match, grande protagonista nelle file della formazione di casa Juric, autore di una doppietta (7' e 36'). Gli ospiti hanno risposto con Al Dawsari (23') e Al Sahlawi (47'), nella ripresa il gol di Rogic al 64' ha regalato il successo all'Australia.

Video - Mondiali Under 20, Uruguay-Venezuela 4-5 d.c.r.: gli highlights

02:03
0
0