AFP

Podolski saluta col gol: la sua firma stende l'Inghilterra, 1-0 Germania

Podolski saluta col gol: la sua firma stende l'Inghilterra, 1-0 Germania

Il 22/03/2017 alle 22:42Aggiornato Il 22/03/2017 alle 23:08

L'ex giocatore di Arsenal e Inter chiude nel migliore dei modi la propria avventura con la nazionale tedesca: nella serata dell'addio, è una sua rete a decidere l'amichevole contro gli inglesi. Ter Stegen salvato nel primo tempo da un palo di Lallana, prima del gioiello del mancino.

Dopo 130 presenze e un titolo di campione del Mondo, Lukas Podolski saluta la Germania. Lo aveva già annunciato lo scorso anno, organizzando per stasera la sua partita d'addio. Ed è un evento che si rivela memorabile: proprio l'attaccante del Galatasaray, che a giugno andrà a vestire la maglia dei giapponesi del Vissel Kobe, decide con uno strepitoso sinistro all'incrocio l'amichevole di lusso contro l'Inghilterra, remake del 3-2 britannico di un anno fa. L'1-0 è troppo pesante per la selezione di Southgate, che a lungo conduce il gioco colpendo anche un palo con Lallana, ma è il copione perfetto di una serata emozionante: prima del match di Dortmund, con l'omaggio di tutto il Signal-Iduna Park per un giocatore a suo modo storico, e poi durante, quando Podolski tenta in tutte le maniere di arrivare al gol, ottenendolo infine nel modo più bello. L'ex attaccante di Bayern Monaco, Arsenal e Inter ringrazia e toglie il disturbo dopo 13 anni, e ora la Germania dovrà imparare a cavarsela senza di lui già da domenica: Kroos e compagni vanno in Azerbaijan, per le qualificazioni mondiali. Così come tornerà in campo tra 4 giorni l'Inghilterra, ancora una volta più che apprezzabile ma perdente: con la Lituania non c'è il prestigio in ballo, ma 3 punti pesanti sì.

Lukas Podolski, Leroy Sané (Germany vs. England)

Lukas Podolski, Leroy Sané (Germany vs. England)Eurosport

La cronaca della partita

Si comprende subito come sia l'Inghilterra ad avere più voglia di imporre il proprio gioco. Forse emozionata dal "Podolski day", la Germania non trova le misure e praticamente si consegna all'avversario. E solo una clamorosa svista di Skomina, che al 7' non vede come ter Stegen travolga in area Vardy, salva i tedeschi dalla concessione di un rigore a sfavore. Le occasioni vere del tempo, comunque, la nazionale di Southgate le crea dalla mezz'ora in poi sfruttando errori difensivi in serie degli avversari: Lallana fugge verso la porta ma col sinistro centra la base del palo, mentre ter Stegen è fondamentale nel coprire la porta col corpo, respingendo il tentativo del solissimo Alli.

Germany's defender Mats Hummels (L) and England´s Jamie Vardy vie for the ball during a friendly football match between Germany and England on March 22, 2017 in Dortmund, western Germany. It is Lukas Podolski's last match with the German team.

Germany's defender Mats Hummels (L) and England´s Jamie Vardy vie for the ball during a friendly football match between Germany and England on March 22, 2017 in Dortmund, western Germany. It is Lukas Podolski's last match with the German team.AFP

Solo dopo l'intervallo la Germania crea la prima opportunità: uscita così così di Hart, ma Brandt dal limite non trova la porta per pochissimo. Ma è solo un fuoco di paglia, perché l'Inghilterra continua ad attaccare maggiormente e viene murata solo da ter Stegen, decisivo per impedire a Vardy una facile deviazione sul centro di Dier. Al 69', però, ecco il momento che la Germania intera sognava: Podolski prende palla al limite e la scarica imparabilmente sotto l'incrocio di Hart, portando avanti i tedeschi e chiudendo al meglio un'era. Lo svantaggio demoralizza gli inglesi, che tra un cambio e l'altro perdono identità e gioco rischiando di prendere il raddoppio da Sané (bravo Hart in tuffo). C'è spazio anche per la giusta ovazione a Podolski, che al minuto 84' saluta tutti lasciando spazio a Rudy. Chiude Schürrle, con un sinistro deviato da Stones. Ma di gol non se ne vedono più: finisce 1-0, a decidere è “Poldi” ed è giusto così.

La statistica chiave

Gara equilibratissima a Dortmund: 51% a 49% di possesso palla per l'Inghilterra, 14 tiri a 11 (3 a 2 nello specchio) per la Germania. A decidere, insomma, è stato un guizzo da parte del singolo più atteso.

Il tweet

"Il calcio è una cosa semplice: 22 giocatori rincorrono un pallone e alla fine vince sempre la Germania". Nel 1990 come nel 2017, il pensiero di Gary Lineker è sempre lo stesso.

Il migliore in campo

Podolski. Una serata così, nemmeno nei sogni più belli. E che gol, poi. Il modo ideale per dire addio a una nazionale che ha servito e riverito per 13 anni e 130 partite.

Podolski prima di Germania-Inghilterra

Podolski prima di Germania-InghilterraAFP

Il peggiore in campo

Kimmich. Se non altro si riprende nella ripresa, ma il primo tempo è un vero e proprio incubo: solo il palo e ter Stegen rimediano ai suoi errori.

Il tabellino

Germania (4-2-3-1): Ter Stegen; Kimmich, Rüdiger, Hummels, Hector; Kroos, Weigl (66' Emre Çan); Brandt (59' Schürrle), Podolski (84' Rudy), Sané; Werner (77' Müller). Ct. Löw

Inghilterra (3-4-2-1): Hart; Keane, Cahill, Smalling (84' Stones); Walker, Livermore (82' Ward-Prowse), Dier, Bertrand (83' Shaw); Alli (71' Lingard), Lallana (65' Redmond); Vardy (71' Rashford). Ct. Southgate

Arbitro: Damir Skomina (Slovenia)

Gol: 69' Podolski

Note: -

Video - Schweinsteiger lascia l'Europa e va in MLS: giocherà nei Chicago Fire

00:29
0
0