Getty Images

Mbappé sbarca sulla copertina del Time: fenomeno della Next Gen, campione d'umiltà

Mbappé sbarca sulla copertina del Time: fenomeno della Next Gen, campione d'umiltà

Il 12/10/2018 alle 22:39

Al nuovo fenomeno del calcio mondiale Kylian Mbappé sarà dedicata la prossima copertina del Time magazine, settimanale più famoso al mondo con quartier generale a New York; emerge la figura di un ragazzo umile e costretto a crescere molto più in fretta rispetto ai coetanei.

Una rivoluzione francese ha investito questo 2018, certificando che non viviamo più nell’epoca dell’inossidabile binomio Messi-Ronaldo e del terzo incomodo Neymar. Il fenomeno Mbappé punta con forza al riconoscimento più prestigioso al mondo a livello individuale, il Pallone d’Oro: la sua impetuosa crescita continua a stupire settimana dopo settimana. Se ne sono accorti anche Oltreoceano, tanto che il volto del 19enne campeggerà sulla copertina del settimanale più influente al mondo, il Time, in un numero dedicato ai leader - sportivi e non - della nuova generazione.

Kylian Mbappé, la copertina del Time magazine

Dopo un Mondiale da protagonista assoluto, il classe 1998 ha praticamente ripreso da dove aveva lasciato in Ligue 1 con la maglia del PSG veleggiando a un gol a partita; alla quarta giornata di campionato, tuttavia, il 19enne è forse incappato nel suo primo “peccato di gioventù”: una reazione spropositata dopo un duro fallo subito gli è costata infatti tre giornate di squalifica oltre a qualche malevole titolo di giornale come quel from hero to villain di ESPN. Lungi dal perdersi, Kylian ha ritrovato a stretto giro di posta la strada maestra mettendo a segno un poker di reti contro il Lione in campionato e salvando la Francia di Deschamps da sconfitta certa a Guingamp contro l’Islanda e al contempo diventando l'unico calciatore under 20 della storia ad agguantare la doppia cifra di gol con i Bleus.

Non c’è nulla da fare, il ragazzo ha una marcia in più rispetto agli altri – in tutti i sensi, visto che è capace di mantenere con la palla tra i piedi una velocità media superiore ai 32 km/h - sia dal punto di vista atletico che da quello tecnico. Una sorta di Ronaldo 2.0 (il Fenomeno) capace di abbinare potenza e controllo in maniera portentosa, tanto per parafrasare una celebre pubblicità. Il Time ha tratteggiato un profilo della persona dietro al calciatore.

" Ho imparato che le più grandi star e i più grandi giocatori sono anche quelle più umili, quelle che rispettano maggiormente le persone. Devi sempre mantenere una certa lucidità. Sono tre i criteri cui mi ispiro: rispetto, umiltà e lucidità (Mbappé, Time)"

Dal reportage del Time emerge il quadro di un ragazzo costretto a crescere più in fretta dei suoi coetanei, molto attaccato alla famiglia e soprendentemente umile; un ragazzo poco incline a parlare della sua complicata infanzia nella banlieu di Bondy, che comunque definisce “una città che respira calcio”. Non a caso papà Wilfried (camerunese) allenava la squadra locale, mentre mamma Fayza (algerina) ha giocato a pallamano a livello professionistico. Il contrasto tra la centralissima zona di Parigi in cui Mbappe attualemente vive e la fatiscente Bondy, teatro degli scontri del 2005 e vessata da un altissimo tasso di disoccupazione, è sintomatico delle tappe bruciate dal 19enne. L’attaccante di PSG e Nazionale francese è balzato peraltro agli onori delle cronache per aver devoluto il premio della vittoria mondiale di 430 mila euro all'associazione Premiers de Cordée che aiuta disabili e bambini malati con programmi sportivi gratuiti. “Questa cifra non cambia la mia vita, ma cambia la loro”, ha chiosato Mbappé.

Place de la Nation, Parigi - "Monumento" a Mbappe

Le variabili che condizionano in un senso o nell’altro la carriera di un calciatore sono troppe e al contempo impossibili da prevedere, ma di certo nel panorama mondiale Kylian Mbappé rappresenta una sorta di unicorno, un qualcosa che non si era mai visto prima, o quasi: è lui la nuova star del calcio internazionale e se riuscisse a spuntarla contro Luka Modric e il compagno di Nazionale Antoine Griezmann nella corsa al Pallone d’Oro riscriverebbe la storia: a quel punto potremmo affermare di essere entrati ufficialmente nell’epoca di Kylian Mbappé. Che poi, sarebbe comunque una questione di tempo...

Video - Michael Jordan va a vedere il PSG e incontra Mbappé al Parco dei Principi

01:40
0
0