Imago

Piqué, Xavi la Catalogna e un caso politico: al debutto la squadra più boicottata di Spagna

Piqué, Xavi la Catalogna e un caso politico: al debutto la squadra più boicottata di Spagna

Il 25/03/2019 alle 16:15Aggiornato Il 25/03/2019 alle 16:24

Questa sera a Girona torna in campo la Nazionale della Catalogna, che sfida il Venezuela per la prima volta durante una finestra delle nazionali FIFA. Una partita 'vera' per una squadra però boicottata da tanti: parecchi club spagnoli non hanno lasciato partire i propri giocatori (e hanno il permesso di farlo), così come Xavi, il cui attuale club ha negato il benestare. Un caso politico che...

Si parte. O meglio: si riparte. Questa sera, allo stadio Montilivi di Girona, scenderà in campo a 2 anni e 4 mesi dall’ultima volta, la nazionale di calcio della Catalogna. Una selezione che non rappresenta una nazione vera e propria – in quanto chiaramente non riconosciuta dalla comunità internazionale, e quindi nemmeno dalla FIFA – ma che ha tutte le carte in regola, sullo stile di quanto visto qualche settimana dalle nostre parti con la ‘Nazionale sarda’, per potere giocare amichevoli.

Catalogna, la situazione politica

La differenza, e non ce ne vogliano gli amici sardi in lettura, è nella presenza di nomi di un certo spessore; oltre ovviamente a quella di una particolare situazione politica che qualche tempo fa ha fatto il giro dei notiziari di tutto il mondo. Già perché la Catalogna scende in campo dopo due anni di forti tensioni politiche; culminate nell’autoproclamazione d'indipendenza del governo Puigdemont – un atto non riconosciuto dallo stato spagnolo, così come dalla comunità internazionale – e nel successivo scioglimento del parlamento, poi riformatosi con le nuove elezioni (dicembre 2017).

Qui dentro il famoso referendum aveva visto alcuni dei protagonisti che vedremo stasera esporsi in prima linea: c’era stato l’attuale allenatore del Manchester City Pep Guardiola; ma soprattutto c’era stato – e ci sarà stasera – Gerard Piqué, che dopo l’addio ufficiale alle Furie Rosse, torna in campo con un’altra maglietta: quella, appunto, della sua Catalogna.

Il match raccoglie particolare attenzioni anche per un altro fatto curioso: la particolarità del calendario e degli avversari. Se qualche settimana fa, ad esempio, per citare nuovamente il caso nostrano, la ‘Nazionale Sarda’ aveva affrontato una selezione di stranieri presenti sull’isola, la Catalogna affronta un avversario vero: il Venezuela. E lo fa per la prima volta nella storia in una data ufficiale della FIFA riservata appunto alle squadre nazionali.

Una sorta di buco ben sfruttato dagli organizzatori catalani, che non facendo parte CONIFA (Confederation of Indipendent Football Association), cioè di quelle nazionali non affiliate alla FIFA, è libera di poter organizzare partite amichevoli.

La probabile formazione della Catalogna contro il Venezuela, Eurosport

Tanti 'no' da parte dei club: Catalogna boicottata

Certo, la difficoltà normalmente starebbe nel convincere una nazionale vera di un certo spessore – come ad esempio, appunto, il Venezuela – ad accettare una partita del genere. Ma con i nomi di peso presenti in Catalogna, la risposta è stata più semplice. Oltre a Piqué, tra i convocati spiccano Bojan Krkic, Oriol Romeu, l'ex interista Martin Montoya, Marc Bartra e Aleix Vidal. C’era anche Xavi Hernandez, ma l’attuale club dell’ex perno del centrocampo del Barcellona, l’Al Saad, non ha dato l’ok al suo viaggio in Catalogna. E non è stato l’unico. Non essendo appunto una federazione riconosciuta dalla FIFA, i singoli club sono autorizzati a poter negare la partecipazione all’evento dei propri tesserati. Tanti, in Spagna, l’hanno già fatto: dal Valladolid al Rayo Vallecano fino all’Huesca. E così, oltre a Xavi, la Catalogna si è vista negare Alcaraz, Masip, Alberto García, Álex Moreno Enric e Àlex Gallar, in una sorta di guerra interna che al di là della facciata degli interessi dei vari club – coinvolti tra l’altro in Liga nella lotta salvezza – ha tante sembianze di uno legittimo sgarro politico.

La Nazionale della Catalogna si prepara alla sfida contro il Venezuela (foto dal sito ufficiale della nazionale catalana)

La Nazionale della Catalogna si prepara alla sfida contro il Venezuela (foto dal sito ufficiale della nazionale catalana)From Official Website

Un fatto che la federcalcio della Catalogna, contattata dal più prestigioso quotidiano spagnolo – El Pais – non ha voluto commentare, ma che conferma da un certo punto di vista come la situazione della regione indipendentista della Catalogna resti un argomento assai delicato. Gerard Pique del resto, capitano della Catalogna, aveva concluso la sua carriera con la maglia delle Furie Rosse subendo pesanti fischi in tanti stadi del Paese, proprio a seguito delle esplicite posizioni indipendentiste prese nei gironi del referendum.

Questa sera però potrà giocare per la squadra che evidentemente sente più sua. E farlo nei giorni in cui la Spagna si prepara per la trasferta a Malta valida per il Gruppo F di qualificazione a Euro 2020, avrà evidentemente un sapore speciale.

0
0