Getty Images

Un'Inter dai due volti stende il Valencia e vince il trofeo Naranja ai rigori

Un'Inter dai due volti stende il Valencia e vince il trofeo Naranja ai rigori

Il 10/08/2019 alle 23:41Aggiornato Il 10/08/2019 alle 23:53

Dopo un primo tempo dominato dai padroni di casa (passati con Soler), i nerazzurri reagiscono nella ripresa e pareggiano dal dischetto con Politano. Poi, dopo una serie infinita ai calci di rigore, l'errore di Garay e il gol di Bastoni regalano all'Inter il trofeo: 8-7 il punteggio finale (1-1 nei regolamentari).

Un'Inter dai due volti. Macchinosa e un po’ impacciata nel primo tempo; più tonica nel finale. Comunque vogliosa e come sempre telecomandata dalla panchina da Antonio Conte. Da Valencia, nel trofeo Naranja, si vedono gli automatismi che pretende il tecnico leccese: palleggio, costruzione, gioco a sviluppare il movimento degli esterni. Tutto bene, se non che negli ultimi 25 metri si veda palesissima l’assenza di un reparto offensivo degno di nota. Martinez combina poco, Politano da seconda punta non rende. Per un tempo il Valencia gioca meglio e mette sostanzialmente sotto un’Inter troppo sterile. Poi, nella ripresa, dopo il giro di cambi dei padroni di casa, viene fuori l’Inter. Politano trasforma un rigore conquistato da un guizzo di Esposito e i nerazzurri sono protagonisti di un ottimo finale. Il successo per l’Inter arriva dopo l’infinita serie ai rigori; ma al di là del trofeo portato a casa il bilancio complessivo può dirsi soddisfacente. Consapevoli che davanti, con l’ingresso di Lukaku, le cose cambieranno. Certo, non bisognerà limitarsi solo al belga. Un appoggio ulteriore al reparto offensivo, al di là di Lautaro e dei buoni giovani in rosa, bisognerà darlo.

Il tabellino

VALENCIA-INTER 8-7 d.c.r (1-1 nei 90 minuti)

Valencia (4-4-2): Domenech (46’ Cillesen); Wass (46’ Piccini), Gabriel Paulista, Garay, Gaya (65’ Ruiz); Soler (67’ Cheryshev), Parejo, Coquelin (46’ Kondogbia), Guedes (81’ Torres); Gameiro (64’ Gomez), Rodrigo (80’ Lee Kangin).

Inter (3-5-2): Handanovic; D'Ambrosio, De Vrij, Skriniar (70’ Bastoni); Candreva (89’ Longo), Barella (70’ Vecino), Brozovic (88’ Borja Valero), Sensi (70’ Gagliardini), Dalbert (70’ Asamoah); Lautaro Martinez (70’ Esposito), Politano (89’ Dimarco).

Gol: 38’ Soler; 82’ rig. Politano.

RIGORI

Valencia: Kang In GOL. Torres GOL. Cheryshev GOL. Maxi Gomez GOL. Parejo GOL. Kondogbia GOL. Garay ALTO.

Inter: Gagliaridini GOL. Vecino GOL. Di Marco GOL. Esposito GOL. Longo GOL. Asamoah GOL. Bastoni GOL.

Note - Ammoniti: Wass; Skriniar.

La cronca della partita in 10 momenti chiave

3’ - Sbaglia l'Inter in disimpegno, ripartenza Valencia con incursione di Soler il cui tiro da distanza ravvicinata finisce fuori di poco scheggiando il palo.

17' - Azione infinita del Valencia, con l’Inter che soffre dietro. Alla fine arriva un tiro di Coquelin deviato inavvertitamente da Gameiro. Nerazzurri che si salvano.

29' - Incursione di Soler in area, pallone servito da Gameiro ma respinto da Handanovic, ancora una volta presente quanto l’Inter ne ha bisogno.

38’ – GOL VALENCIA. Grande giocata di Guedes a sinistra, palla dentro, Soler – uno dei migliori – arriva con l’inserimento perfetto e di testa fredda Handanovic.

64’ - Dalbert riesce a rimontare su Soler che era scappato via, anticipandolo in area ed evitando guai peggiori. Buona corsa difensiva dell’interista.

70’ – Primo squillo di Lautaro Martinez nell’intera partita, ma Cillesen è attento. Segnali di vita dall’Inter.

81’ – GOL INTER. Strappo di Vecino, buon lavoro di Politano, Esposito entra in area ed è steso da Cheryshev. Rigore netto. Politano dal dischetto trasforma.

88’ – Gran chiusura di D’Ambrosio, che evita un gol praticamente fatto del Valencia con un tackle dal tempismo perfetto in area.

89’ – Clamorosa palla gol di Cheryshev che solo davanti al portiere prova il dribbling, allargandosi: palla calciata verso la porta ad Handanovic saltato, ma sulla linea De Vrij salva tutto. Altro salvataggio clamoroso.

RIGORI – Decisivo l’errore di Garay che spara in curva, mentre Bastoni al penalty decisivo fa gol.

Il migliore

Soler. Nel primo tempo semina il panico in più occasioni, mettendo l’Inter all’angolo. Trova anche il gol con l’inserimento perfetto.

Il peggiore

Lautaro Martinez. Non pervenuto. Davanti l’Inter nel primo tempo non si vede proprio mai e l’argentino non vede biglia.

Il momento social della partita

0
0