Getty Images

Pagellone, il meglio e il peggio del calcio estero

Pagellone, il meglio e il peggio del calcio estero: City, PSG e PSV sono già campioni
Di Eurosport

Il 16/04/2018 alle 12:16Aggiornato Il 16/04/2018 alle 13:37

In giro per l'Europa: PSV Eindhoven, Paris-Saint Germain e Manchester City vincono i titoli nazionali grazie ai loro eterni rivali: l'Ajax, il Monaco e lo United. Ugualmente a Lisbona dove si consuma un altro psicodramma: il Benfica perde O Clássico col Porto al novantesimo e si fa passare in classifica dai Dragões. Vidal e Batshuayi si fanno male e rischiano di perdere Champions e Mondiale.

Voto 10... A PSV, PSG e Manchester City, campioni con grande anticipo

...Campioni in anticipo di Olanda, Francia e Inghilterra. Al Parco dei Principi è festa in grande stile, con la rivale diretta schiantata con 7 gol a dimostrazione di una superiorità mai in discussione quest'anno in Ligue1. Festa simile a quella della squadra di Cocu, che come il PSG schianta in casa 3-0 i diretti rivali dell'Ajax e si toglie la soddisfazione di festeggiare il terzo titolo negli ultimi 4 anni davanti agli avversari: non succedeva dal 1963 che ci fosse uno scontro diretto decisivo. Tutto ciò non è riuscito a farlo Guardiola, che si è però "accontentato" di regolare il Tottenham dopo la complicata settimana post eliminazione in Champions League. Il resto l'ha fatto il WBA e il Manchester United (vedi 'Voto 2'), capaci di regalare il via al Blue Moon per le strade di Manchester.

Voto 9... Alle 100 volte del Niño Torres con la maglia dell’Atleti

Il Wanda Metropolitano ha scritto la prima pagina romantica della sua nuova storia quando, al 77’ di Atletico Madrid-Levante, Fernando Torres gira al volo un cross di Correa: è il centesimo gol con la maglia dei Colchoneros per chi dell’Atletico sarà per sempre una bandiera. Proprio in settimana, Torres aveva annunciato il suo addio a Madrid: oggi l’Atletico abbraccia il suo Niño.

Voto 8... Al Barcellona che si rialza dopo la Champions

Dopo la clamorosa caduta con la Roma non era semplice rialzarsi immediatamente, specie con una squadra potenzialmente tosta come il Valencia di questa stagione. E invece il Barcellona si è nuovamente dimostrato grande tra le mura amiche del Camp Nou, respingendo al mittente le critiche della settimana e involandosi nuovamente a +11 sull'Atletico Madrid. In mezza Europa già stanno facendo festa... E a Barcellona manca solo un po' di matematica.

Voto 7... A un Ibrahimovic nuovamente decisivo in "MLZ"

Un occhio di riguardo noi di Eurosport per lui lo teniamo sempre. E a ben donde. Anche a questo giro, infatti, Ibra si conferma giocatore letale e con questo bel colpetto di testa preciso-preciso regala una nuova vittoria ai suoi Galaxy. Definire "positivo" l’impatto con il nuovo campionato pare quasi riduttivo. I dubbi però sul suo conto erano davvero pochi: se motivato e a posto fisicamente, Zlatan è ancora di un’altra categoria per il campionato a Stelle e Strisce.

Video - Zlatan Ibrahimovic segna ancora: gol di testa al 45' contro Chicago Fire

00:58

Voto 6... A un derby della Ruhr che vale 'solo' per il 2° posto

Il Bayern Monaco ha ancora una volta fatto gara a sé stante in Germania, e così il mitico Revierderby è valso "solo" come spareggio per il secondo posto alle spalle dei bavaresi. A fare festa i padroni di casa dello Schalke 04, padroni della Ruhr grazie al gol di Konoplyanka e al missile terra-aria del centrale Naldo, capace di lasciare pietrificato il portiere avversario Burki. Che stagione lo Schalke di Domenico Tedesco, che a 4 giornate dalla fine e grazie a questo successo si garantisce la mezza sicurezza di finire davanti agli storici rivali gialloneri. Peccato che questa partita non valesse una posta in palio ancora maggiore.

Michy Batshuayi

Michy BatshuayiGetty Images

Voto 5... Al Benfica che perde O Clássico al novantesimo e si fa passare dal Porto

Ci risiamo, altro psicodramma al Da Luz. Il Benfica perde al novantesimo contro il Porto per un gol (bellissimo) di Héctor Herrera dal limite dell’area. Ora sono i Dragões in testa alla classifica del campionato portoghese, con un sorpasso che vale il +2 a quattro giornate dal termine della SuperLiga. Che sia l'ennesimo finale 'beffa' del maledetto Benfica?

Voto 4... Al prossimo allenatore del Bayern Monaco Niko Kovac

L’ufficialità della notizia non ha fatto bene alla sua attuale squadra. Nella settimana in cui il tecnico croato è stato ufficialmente designato come prossimo allenatore dei campioni di Germania del Bayern Monaco, il suo Eintracht Francoforte prende le più classiche ‘4 pere’ nello spareggio contro il Bayer Leverkusen che valeva la rincorsa al 4° posto Champions. E’ una tripletta di Volland a condannare la squadra di Francoforte che ora scivola a -5 dalle Aspirine e con solo 4 giornate da giocare dice praticamente addio ai sogni di gloria.

Voto 3... Al Nantes di Ranieri che non sa più vincere

Una vittoria nelle ultime 10 partite. E’ questo il misero bottino del Nantes di Claudio Ranieri, che dopo aver navigato per lunga parte della stagione nelle zone europee del campionato francese, da due mesi a questa parte proprio non riesce a fare più risultato pieno. I gialloverdi pareggiano per 1-1 anche col Digione, facendosi raggiungere per l’ennesima volta. Nantes ora al 9° posto a quota 45 punti, ma non tutto è perduto. Con 5 giornate ancora da giocare il 5° posto che vale i preliminari di Europa League è lì a un nulla. Basta invertire la rotta.

Claudio Ranieri, l'entraîneur de Nantes, a pesté contre l'arbitrage lors du match face à Caen

Claudio Ranieri, l'entraîneur de Nantes, a pesté contre l'arbitrage lors du match face à CaenGetty Images

Voto 2... Al Manchester United che regala il titolo al City

Proprio così, questi poveri diavoli cadono a Old Trafford contro gli ultimi della Premier League, consegnando il titolo ai Citizens che nemmeno nei peggiori copioni. Decide Jay Rodriguez al 73’ per il West Bromwich Albion, lo United crolla e il Manchester City è campione d’Inghilterra: Today is gonna be the day / That they're gonna throw it back to you.

Alexis Sanchez (Manchester United)

Alexis Sanchez (Manchester United)Getty Images

Voto 1... Al karma di Arturo Vidal

Che in settimana prima aveva tifato gli ex compagni di squadra della Juventus, poi ci era rimasto male sul gol di Ronaldo e successivamente, dopo il sorteggio, si era scatenato: “La vendetta è un piatto che va consumato freddo”. Arturo insomma era carico per riaffrontare il Real Madrid da cui era stato derubato lo scorso anno ai quarti di Champions League con un’espulsione totalmente inventata (e la successiva eliminazione del suo Bayern).

Insomma, tutto pronto per il rientro, ma occhio alla beffa nell’allenamento della domenica: un infortunio al ginocchio destro di cui non si conosce ancora l’entità della lesione. Vidal rischia di vedersela di nuovo in poltrona. Il karma non è dalla sua. Forza Arturo.

Voto 0... A questo genio in Serie B romena

Perché di esultanze strane ne avevamo già viste e questa non è certamente una novità, ma ci piace vedere come l’ignoranza – nell’accezione positiva del termine – dilaghi a tutte le latitudini. Qui siamo in seconda divisione romena e dopo il gol del 3-0 tale Blanaru pensa bene di andare tra il pubblico ad applaudirsi da solo. Il ‘voto zero’ è all’indifferenza del pubblico maggiorenne presente sugli spalti, praticamente impassibile alla cosa.

Video - Guardiola risponde a Raiola: "Se sono un cane perchè mi ha offerto Pogba?"

00:48
0
0