Getty Images

Edicola: Inter, Spalletti in bilico e se Conte arrivasse subito e non a giugno? La Roma sogna Sarri

Edicola: Inter, Spalletti in bilico e se Conte arrivasse subito e non a giugno? La Roma sogna Sarri

Il 01/02/2019 alle 11:01Aggiornato Il 02/02/2019 alle 09:24

Tutti i quotidiani sportivi dedicano ampio spazio all’eliminazione dell’Inter e alla posizione traballante di Luciano Spalletti sulla panchina nerazzurra. E c'è anche chi pensa che l'arrivo di Antonio Conte (il tecnico prescelto da Suning per giugno) potrebbe essere anticipato di qualche mese. Monchi contrario all'esonero di Di Francesco ma per il 2019 sogna di poter ingaggiare Sarri.

Inter, Spalletti sul banco degli imputati e se Conte arrivasse subito?

Tutti i quotidiani sportivi dedicano ampio spazio all’eliminazione dell’Inter e alla permanenza di Luciano Spalletti. I rumors su Antonio Conte, intercettato ieri sotto la sede dell’Inter, hanno scatenato le congetture più disparate anche quella, rilanciata dal Corriere della Sera, che vorrebbero i dirigenti nerazzurri pronti addirittura ad accelerare l’arrivo dell’ex ct della Nazionale Italiana a stagione in corso, se la situazione con Spalletti dovesse precipitare.

  • La nostra opinione : Se già dopo l’eliminazione dalla Champions League il destino di Spalletti pareva in bilico, dopo aver fallito l’obiettivo Coppa Italia (nell’edizione in cui anche Napoli e Juventus hanno fatto harakiri e le chance di giocarsi una finale che manca da 8 anni, potevano essere molto più alte) le quotazioni dell’allenatore di Certaldo sono letteralmente precipitate. Gli indizi ormai non si contano riguardo all’arrivo di Conte e, se le cose dovessero davvero precipitare, l’arrivo di Conte potrebbe anche essere anticipato di qualche mese i nerazzurri potrebbero pensare di anticipare lo sbarco dell’allenatore leccese. Spalletti per tenersi l’Inter invece, piuttosto che pungolare la dirigenza per come è stata gestita la situazione Perisic, dovrà ritrovare al più presto i risultati, difendere il terzo posto e fare più strada possibile in Europa League. Ma la strada è decisamente in salita...

Video - Spalletti: "Sconfitta che dà fastidio, siamo stati in campo bene"

01:47

Roma, Di Francesco ad oltranza e per il 2019-2020 il sogno si chiama Sarri

Non c’è solo Spalletti sulla graticola. Anche il futuro di Di Francesco è tutto da decifrare anche se stando a Il Tempo, Monchi andrà avanti con Di Francesco anche in caso di flop nella sfida di domenica sera contro il Milan. Il ds giallorosso ha avuto ampio potere di decisione da Pallotta ed è contro ogni tipo di esonero. Se la situazione dovesse precipitare secondo la Gazzetta dello Sport le opzioni sul tavolo sono due: Panucci e Paulo Sousa. Ma per il 2019 secondo il Corriere dello Sport, i giallorossi hanno già il nome buono per la panchina, Maurizio Sarri, la cui posizione non appare solida al Chelsea.

  • La nostra opinione : L’allenatore non ha certamente tutte le colpe di questa situazione e Monchi potrebbe certamente avere un debito di gratitudine nei confronti del tecnico abruzzese che ha accettato tutte le cessioni pesanti, non facendo mai polemiche e assecondando gli acquisti messi a disposizione dal ds. Il problema è che la piazza e in subbuglio e a meno di due settimane dall’impegno contro il Porto, il rischio di fare una brutta figuraccia anche in Champions League c’è. Riguardo ai rumors di Sarri, ci sembrano assolutamente discorsi prematuri. Nonostante il 4-0 contro il Bournemouth, l’ex tecnico del Napoli gode ancora della stima di Abramovich e merita di potersi giocare a pieno la sua esperienza in Premier League.

Il Milan ha deciso, Bakayoko sarà riscattato dal Chelsea

Secondo la Gazzetta dello Sport, il Milan è intenzionato a riscattare Bakayoko dal Chelsea ma serviranno 35 milioni di euro e l'UEFA vigila sui conti rossoneri. A convincere i rossoneri però c’è la giovane età del centrocampista ex Monaco e il contratto lungo, considerati elementi favorevoli anche dal punto di vista finanziario dell'operazione.

  • La nostra opinione : Mossa giusta quella dei rossoneri che hanno finalmente trovato la diga a centrocampo e non posso permettersi di perdere un giocatore, che dopo un periodo di ambientamento nell’ultimo mese è salito alla ribalta, dando equilibrio e fisicità alla mediana rossonera, e diventando anche una pedina imprescindibile per Gattuso.

Video - Marcelo, Özil, Pogba, Modric: le bufale del calciomercato di gennaio

00:43
0
0