Getty Images

Lautaro Martinez: "La numero 10 non mi peserà. Con l'Inter è stato amore a prima vista"

Lautaro Martinez: "La numero 10 non mi peserà. Con l'Inter è stato amore a prima vista"

Il 12/07/2018 alle 13:58Aggiornato Il 12/07/2018 alle 14:41

Dal nostro partner Agenti Anonimi

E’ stata una delle trattativa più lunghe quella che l’Inter ha dovuto fare per aggiudicarsi Lautaro Martinez. Il gioiello argentino alla fine ha firmato per la società nerazzurra ed oggi ha parlato in conferenza stampa.

Il peso di vestire la maglia numero 10

" Non mi peserà: la indossavo anche al Racing. Quando sono arrivato ho chiesto se fosse disponibile quella maglia e la società me l’ha consegnata. Sarà un onore"

Idolo Falcao

" Mi ispiro a Falcao: mi piace molto come gioca ed i movimenti che fa in attacco. La somiglianza con Aguero e Tevez? In realtà non lo saprei dire. Sin dall’inizio, da quando l’Inter è arrivata a Buenos Aires, ho iniziato ad amare l’idea di arrivare qui. So che posso sfruttare al meglio le mie capacità per dare il meglio in questa squadra""

Icardi vero capitano, qui grazie a Milito

" Quanto sono stato vicino ad Atletico e Real? Ci sono stati dei contatti. Quando ho pensato all’Inter non ho avuto dubbi: Milito mi ha parlato di cosa vuol dire essere all’Inter. Diego mi ha spiegato cosa vuol dire essere un giocatore dell’Inter. Ha reso il trasferimento più agevole. Ha vinto un sacco qua ed io voglio fare il massimo per lasciare un segno in questa squadra. Diego ha fatto un lavoro fenomenale: ora tocca a me Sin dall’inizio ho sempre amato questa idea. Ci sono grandi compagni di squadra ed un gruppo a livello umano formidabile. Il mister ha un’idea chiara in mente e sappiamo tutti che linea intraprendere per affrontare al meglio tutte le sfide che ci aspettano. Sono qui per migliorare giorno dopo giorno e lo farò in una squadra importantissima. Con Mauro abbiamo parlato già prima che arrivassi a Milano. Mi ha chiamato una settimana prima ed è stato molto gentile. Voglio lavorare al massimo per dare il meglio e meritarmi questa maglia". "

Febbre da derby

" L’ambiente che si respira dall’esterno è positivo. Dentro lo stadio è ancora più forte. Ho visto diversi derby di Milano: le emozioni saranno le stesse che sentivo in Argentina. Perché ho voluto Lautaro sulla maglia? Ho scelto Lautaro perchè è meno comune rispetto a Martinez, il mio cognome. Il soprannome Toro me l’hanno assegnato quando sono arrivato a Buenos Aires e da lì è rimasto quello". "

Video - Politano: "La chiamata dell'Inter è arrivata mentre dormivo, per lo scudetto ce la giocheremo"

00:50
0
0