Eurosport

Sognando Rui Costa: Joao Felix, il gioiello del Benfica che piace alla Juventus

Sognando Rui Costa: Joao Felix, il gioiello del Benfica che piace alla Juventus

Il 11/04/2019 alle 23:06

Un giovane talento sulle orme di Manuel Rui Costa, proviamo a conoscere un po’ meglio un ragazzo che dell’ex fantasista di Fiorentina e Milan sta raccogliendo il testimone. Un classe 1999 che sta già facendo sognare i tifosi del Portogallo e del Benfica.

Il 2 novembre 1999 la Fiorentina giocava una delle partite più memorabili della propria storia: il 3-3 contro il Barcellona permise infatti ai Viola - guidati da Giovanni Trapattoni in panchina e Manuel Rui Costa sul campo – di conquistare il pass per la seconda fase della Champions League. E il primo gol firmato da Bressan in rovesciata entrava di diritto nell’ideale classifica dei gol più belli mai segnati nella competizione.

Esattamente 8 giorni dopo nasceva a Viseu, città nel centro del Portogallo, quel João Félix Sequeira che oggi – oltre 19 anni dopo – sta facendo impazzire di gioia i tifosi del Benfica con i suoi gol ma soprattutto con le sue giocate. 12 gol e 6 assist in 32 partite stagionali, con tanto di esordio in Champions League lo scorso 12 dicembre contro l’Aek Atene: difficile trovare uno score così ricco per un ragazzo della sua età in giro per l’Europa. Numeri che hanno fatto alzare ben più di un sopracciglio.

Joao Felix

Joao FelixGetty Images

Joao Felix: chi è e dove gioca?

Chi lo ha visto giocare non può non essersi innamorato di lui: piedi educatissimi, visione di gioco, accarezza la palla come pochi, seconda punta con una spiccata facilità di fare gol. Lui si definisce così:

"Sono un giocatore che ragiona e che vuole sempre stare a contatto con la palla. Come a tutti i calciatori, mi piace fare gol, mi piacciono le responsabilità, non ne ho paura. Fuori dal campo sono un ragazzo timido e tranquillo"

Joao Felix, nato calcisticamente nel Porto ma sbocciato poi nel Benfica, non ha mai visto giocare Rui Costa dal vivo, ma se gli chiedete a chi si ispira i nomi che riceverete come risposta sono due: “Kakà e Rui Costa: non li ho visti giocare dal vivo, ma sono loro i miei riferimenti”.

I movimenti sono quelli, dopotutto. L’andatura dinoccolata, le braccia che partono in maniera fin troppo evidente sull’esterno, quella palla sempre dannatamente attaccata al piede, quasi vi fosse incollata. E quelle traiettorie che solo pochi architetti del calcio sanno disegnare.

Rui Costa: "La verità è che Felix è solo Felix"

Rui Costa oggi non è più calciatore ma già da tanti anni è il direttore sportivo del Benfica e quindi quando si parla di Joao Felix, da fantasista si trasforma in difensore: “Cercheremo di tenerlo qui il più a lungo possibile, la politica del club con i giovani talenti è questa”. D’altronde chi meglio di lui sa intuirne talento e potenzialità.

" Possiede un senso del gioco straordinario e ha un capacità rara: sa indovinare in anticipo quello che accadrà davanti alla porta. E’ un numero 10 moderno, una seconda punta con un notevole senso del gol, ha segnato 10 gol in campionato. (Rui Costa su Joao Felix, Tuttosport)"
""

Tutti lo vogliono: costa 120 milioni di euro

La questione più spinosa su Joao Felix riguarda certamente il costo: il ragazzo ha una clausola di rescissione di 120 milioni di euro, una valutazione da vero e proprio crack. Tra le squadre interessate la Juventus occupa una posizione di riguardo: Fabio Paratici ha già fatto seguire più volte il giovane all'opera al Da Luz, e avrebbe anche già parlato con Luis Felipe Vieira, presidente del club portoghese, in una riunione che si sarebbe svolta settimana scorsa a Torino con Jorge Mendes, procuratore di Felix e Ronaldo. Anche perché oltre a Joao Felix la Juve segue da vicino anche un altro prodotto della squadra di Lisbona, il difensore 21enne Ruben Dias, valutato 60 milioni di euro. Inutile dire che i big club d'Europa - Atletico, Real Madrid, Barcellona e Manchester United - sono tutti interessati Joao Felix: la decisione è rimandata a fine stagione, è chiaro però che chi è cresciuto con Rui Costa nella testa e nel cuore saprà a chi dare ascolto. E la sensazione è che Manuel possa avere molta voce in capitolo sull'indicare quale sia la retta via verso il successo.

0
0