Getty Images

Ibrahimovic: "Ci vediamo presto in Italia, torno in un club che deve vincere di nuovo"

Ibrahimovic: "Ci vediamo presto in Italia, torno in un club che deve vincere di nuovo"

Il 04/12/2019 alle 08:04Aggiornato Il 04/12/2019 alle 09:03

In un'intervista al mensile GQ l'attaccante svedede esce allo scoperto e lancia messaggi che lasciano presagire un imminente approdo al Milan, anche se non sono del tutto da escludere le piste che conducono a Napoli e Bologna: "Andrò in una squadra che deve rinnovare la propria storia, solo così riuscirò a trovare gli stimoli necessari per sorprendervi ancora".

Zlatan Ibrahimovic esce allo scoperto. Il 38enne attaccante svedese, chiusa la sua parentesi in MLS con i Los Angeles Galaxy, in un'intervista al mensile GQ dice espressamente di essere vicinissimo al suo ritorno in Italia. E a giudicare dalle sue parole il club maggiormente indiziato sembra il Milan, ovvero lo stesso dal quale si separò nell'estate 2012 per iniziare la sua avventura in Francia al Paris Saint Germain.

" Andrò in una squadra che deve vincere di nuovo, che deve rinnovare la propria storia, che è in cerca di una sfida contro tutti. Solo così riuscirò a trovare gli stimoli necessari per sorprendervi ancora. Come calciatore non si tratta solo di scegliere una squadra, ci sono altri fattori che devono quadrare. Anche negli interessi della mia famiglia. Ci vediamo presto in Italia [@GQ]"
Zlatan Ibrahimovic

Zlatan IbrahimovicGetty Images

"Amo fare la differenza e posso ancora farla"

Ibra di nuovo in Italia, quindi. Respinti gli ingaggi faraonici proposti dalla Cina e accantonata la Premier League, quindi, lo svedese è pronto a infiammare il mercato invernale della nostra Serie A. E a questo punto il Milan società e i suoi tifosi iniziano a sognare concretamente il ritorno di uno degli artefici dell'ultimo scudetto rossonero del 2011. Sul tavolo rimangono comunque anche due piste alternative che conducono al Napoli e al Bologna, due club ricchi di storia e di fascino con i quali Ibrahimovic ha aperto un canale da tempo.

" Ci sono calciatori che giocano a calcio e altri che pensano il calcio. Quando uno pensa inventa un nuovo modo di fare calcio, gli altri seguono e basta. Io amo fare la differenza. Non voglio fare bene solo una o due cose, voglio farle bene tutte. A Los Angeles ho dimostrato che posso ancora fare la differenza [@GQ]"

Video - Malmoe arrabbiata con Zlatan Ibrahimovic: la statua di Zlatan vandalizzata e bruciata

01:02
0
0