LaPresse

Moise Kean da record: è il quinto più giovane di sempre a debuttare in Champions League

Kean da record: è il quinto più giovane di sempre a debuttare in Champions

Il 23/11/2016 alle 10:54Aggiornato Il 23/11/2016 alle 10:57

L'attaccante ha superato Bryan Cristante in quanto a precocità, un altro giocatore che fece il suo esordio grazie a Massimiliano Allegri: adesso potrebbe battere anche il primato di giocatore più giovane ad aver segnato in Europa.

A suo modo, ha scritto la storia. Nel giro di quattro giorni, Moise Kean è divenuto il primo giocatore nato dal 2000 in avanti ad aver debuttato in Serie A e in Champions League. A 16 anni e 265 giorni è arrivato l’esordio in massima divisione contro il Pescara, a 16 e 269 quello nella competizione europea nell’1-3 di Siviglia. Non è un record di precocità, ma c’è davvero mancato poco.

Il quinto più giovane di sempre

Non è un record assoluto, ma si tratta di un sorpasso interessante. Perché Kean è divenuto il quinto giocatore più giovane di sempre a debuttare in Champions League. Inarrivabile Celestine Babayaro con 16 anni e 87 giorni (che manterrà anche il primato dell’espulsione più precoce, arrivata a 37’ dall’esordio in Anderlecht-Steaua Bucarest 1-1), ma sorpassato per dieci giorni esatti Bryan Cristante. Era infatti il dicembre 2011 quando l’attuale centrocampista del Pescara debuttò nel 2-0 del Milan sul Viktoria Plzen. Una curiosità? A fare debuttare sia Cristante che Kean è stato Massimiliano Allegri.

  • I cinque debutti più precoci

Céléstine Babayaro: 16 anni e 87 giorni

Alen Halilović: 16 anni e 128 giorni

Youri Tielemans: 16 anni e 148 giorni

Charis Mavrias: 16 anni e 242 giorni

Moise Kean: 16 anni e 269 giorni

I record che potrebbe ancora scrivere

Non sarà un primato, ma Kean ha la ghiotta possibilità di scrivere comunque la storia della Champions League. Essendo così giovane, infatti, ha ancora tempo per diventare il marcatore più giovane della competizione. Il record attuale è di Peter Ofori-Quaye che mise a segno l’unica rete dell’Olympiacos nel 5-1 del Rosenborg (fase a gironi del 1997/98) a 17 anni e 195 giorni. Ma non solo. Se la stagione filasse liscia per la Juventus, Kean potrebbe divenire il più giovane a vincere la Champions League (il record resiste dal 1962, Antonio Simoes con 18 anni e 139 giorni) e il più giovane a segnare in una finale. Un primato che resiste dal 1995, quando Patrick Kluivert inchiodò il Milan a soli 18 anni e 327 giorni. E a pensarci bene, per battere quel primato potrebbe aspettare anche la finale del 2018...

VIDEO: La storia di Moise Kean

0
0