Getty Images

Le pagelle di Barcellona-Chelsea 3-0: Messi stellare, Umtiti roccioso, male Giroud e Azpilicueta

Le pagelle di Barcellona-Chelsea 3-0: Messi stellare, Umtiti roccioso, male Giroud e Azpilicueta

Il 14/03/2018 alle 22:49Aggiornato Il 14/03/2018 alle 23:03

L'argentino trascina i suoi ai quarti: tre spanne sopra a tutti. Nel Barcellona bene Umtiti, Iniesta e Suarez. Blues guidati da Willian e Alonso, ma traditi dai tre difensori

===Le pagelle del BARCELLONA===

Marc-Andrè TER STEGEN 6 – Sicuro sia in uscita che sulle conclusioni da fuori del Chelsea. Poco impegnato.

Sergi ROBERTO 6 – Subito ammonito, non ne risente molto. Riesce ad imbrigliare Hazard, se la cava con mestiere.

Samuel UMTITI 6,5 – Una roccia. Impeccabile sia in marcatura su Giroud che sui cross di Willian o Hazard.

Gerard PIQUE 6 – Baluardo che raramente sbaglia questo tipo di partite. Rischia grosso per un contatto in area su Alonso, ma Skomina lo grazia.

Jordi ALBA 6 – Meno vibrante rispetto al solito. Punta al contenimento. Non commette errori, anche se Willian lo infastidisce.

Ivan RAKITIC 6,5 – Sostanza e quantità, più che qualità. In mezzo, si sacrifica e gioca di prima.

Sergio BUSQUETS 6,5 – Al solito. Pochi fronzoli, tanti palloni giocati, posizionamento intelligente. Scherma e riparte, senza soluzione di continuità. Esce per un infortunio. (Dal 61’ GOMES 6 – Una mezz’ora di allenamento. Non si inserisce, fa sentire la sua fisicità)

Andres INIESTA 6,5 – A tratti si traveste da Don Andres, a tratti più umano. Nel complesso sempre un bel vedere. Esce perché non al meglio della condizione. (Dal 56’ PAULINHO 6,5 – Entra e va vicino al gol due volte. Volenteroso.)

Ousmane DEMBELÈ 7 – Gol molto bello col destro. Conferma il ritrovato stato di forma. Veloce, concreto e utile, anche nelle coperture. (Dal 64’ VIDAL 6 – Si sistema largo e contiene le avanzate di Alonso)

Luis SUAREZ 6,5 – Non segna, ma regala assist e sponde da grande attaccante quale è. Più per la squadra che per sé stesso, come in tutta la stagione.

Lionel MESSI 9 – 100 gol in Champions League. E basterebbe questo a giustificarne il voto alto. Due gol dei suoi e un assist magistrale. Come al solito strabiliante. Un campione che non finisce mai di stupire e che vince partite ad eliminazione diretta praticamente da solo.

ALL. Ernesto VALVERDE 7 – Barcellona che concede un po’ troppo, ma che colpisce nei momenti ideali. Si gode Messi e mette in condizioni la squadra di giocare per il suo asso. Qualificazione ottenuta contro un club forte.

Marcos Alonso

Marcos AlonsoGetty Images

===Le pagelle del CHELSEA===

Thibaut COURTOIS 5 – Colpevole sul primo gol del Barcellona: Messi lo infila sul suo palo. Sul secondo può poco, sul terzo esce tardi.

Cesar AZPILICUETA 4,5 – Distratto, poco reattivo, limitato. Perde anche il pallone da cui nasce il 3-0 catalano.

Andreas CHRISTENSEN 5 – Inadeguato a questi livelli. Lo aveva già dimostrato all’andata. Lento, disattento, colpito.

Antonio RUDIGER 5 – Non ci siamo. Soffre Messi, soffre Suarez, soffre anche Dembelè, a seconda da chi si presenti dal suo lato.

Victor MOSES 5 – Qualche volata in avanti, tanta confusione. Non incide. (Dal 65’ ZAPPACOSTA 6 – Entra, va al tiro due volte, mostra corsa e volontà.)

Cesc FABREGAS 4 – Annientato. Patisce il ritorno al suo caro Camp Nou, viene intontito dal giro palla blaugrana, si fa rubare palla da Messi in occasione del 2-0 catalano. Disastroso, colpevole.

N’Golo KANTE 6 – Vicino al gol con un’incursione centrale nel primo tempo, ma nel complesso meno arrembante del solito. Si vede che non è al top.

Marcos ALONSO 6,5 – Uno dei migliori del Chelsea. Spinge a sinistra, si propone, centra un palo su punizione. Si procurerebbe anche un rigore, che Skomina non gli concede.

WILLIAN 6,5 – In forma, fisicamente strabordante. Guizzi e dribbling, spesso non sfruttati dai compagni. Una luce in un Chelsea discontinuo.

Olivier GIROUD 4,5 – Non la vede mai. Spesso anticipato, spesso troppo lento. A questi livelli un pesce fuor d’acqua. (Dal 65’ MORATA 5,5 – Poco appariscente. Entra sapendo di non essere una prima scelta, con l’atteggiamento di chi non si sente prima scelta. Malino.)

Eden HAZARD 5,5 – Uno dei pochi del Chelsea a palesare condizione fisica brillante. Peccato giochi da solo e non con gli altri. Non pare uomo squadra o perlomeno non ancora. (Dall’82’ PEDRO SV)

ALL. Antonio CONTE 5,5 – Difficile valutarlo. Il Chelsea gioca, crea, attacca, mette in difficoltà il Barcellona. Però nel concreto paga tra andata e ritorno errori individuali di giocatori che lui ha scelto come titolari.

Video - Mourinho-Conte, attacco e contrattacco: ecco come è nata la diatriba

01:25
0
0