Getty Images

Manchester City rullo compressore: 4-0 a Basilea e quarti in tasca

Manchester City rullo compressore: 4-0 a Basilea e quarti in tasca

Il 13/02/2018 alle 22:35Aggiornato Il 13/02/2018 alle 22:41

La squadra di Guardiola chiude i conti già all'andata contro gli svizzeri, già sotto di tre reti all'intervallo. Doppietta di Gündogan e gol di Agüero e Bernardo Silva per gli inglesi, che virtualmente possono già considerarsi qualificati.

Tutto troppo, troppo facile. Il Manchester City rispetta in pieno il pronostico della vigilia e lo fa in grande stile, travolgendo il Basilea a domicilio e mettendosi in tasca una fetta bella grossa di quarti di finale. Troppe le categorie di differenza tra le due squadre, amplificate dalla pausa invernale che inevitabilmente ha reso precaria la condizione fisica degli svizzeri. E così, al St. Jakob Park non c'è proprio partita: il City stravince per 4-0, chiudendo la contesa già al 23' del primo tempo e confermando come, ormai da anni, la vera Champions League inizi dai quarti di finale in poi. La banda Guardiola si dimostra per l'ennesima volta un rullo compressore – basta dare un rapido sguardo alla classifica di Premier League per rendersene conto – e di aver ormai raggiunto una maturità tale da competere anche ai massimi livelli europei. Certo, magari contro avversari più probanti di un Basilea che, mercoledì 7 marzo, si presenterà all'Etihad in gita scolastica.

La cronaca della partita

Gündogan, dopo due minuti, di testa chiama Vaclik al primo intervento del match. Anche Oberlin ha una grande occasione: Riveros lo lancia davanti a Ederson, ma l'attaccante tocca troppo debolmente consentendo a Otamendi di recuperare. Non è che un lampo da parte del Basilea, che dal 14' al 23' cede tre volte: apre Gündogan, che spizza imparabilmente un angolo di de Bruyne, prosegue Bernardo Silva con l'aiuto dell'impreparato Vaclik e chiude Agüero, il cui destro da fuori lascia impietrito il portiere di casa. Il resto del primo tempo è un allenamento per gli uomini di Guardiola, che sfiorano il poker con Sterling e de Bruyne. Gli svizzeri sono già al tappeto, senza possibilità di replica.

Bernardo Silva et Kevin De Bruyne lors de Bâle - City en C1.

Bernardo Silva et Kevin De Bruyne lors de Bâle - City en C1.Getty Images

La ripresa inizia com'è finito il primo tempo. Con il Basilea che si fa vedere timidamente dalle parti di Ederson, bravo a volare su un'insidia portata da Elyounoussi, e il City a segnare ancora: è di nuovo Gündogan a lasciare il segno, con un meraviglioso destro che va a spegnersi sotto l'incrocio di Vaclik. Senza più nulla da perdere, gli svizzeri provano in tutti i modi almeno a segnare il gol della bandiera. Ma senza riuscirci, un po' per l'imprecisione di Oberlin e un po' per la prontezza di Ederson, bravo sia sullo stesso attaccante che su Elyounoussi. Finale a basso ritmo e con pochi lampi: Gündogan sfiora la tripletta, ma stavolta Vaclik gli dice bravamente di no. Il poker basta e avanza.

La statistica chiave

Il dato del possesso palla finale riflette in pieno l'enorme superiorità del Manchester City: 74% a favore degli inglesi, 26% a favore del Basilea.

Il tweet

Il migliore in campo

Gündogan. Segna una doppietta (splendido il secondo gol) e potrebbe pure portarsi a casa il pallone. All'interno del possesso qualitativo del City, poi, anche la sua presenza si sente.

Il peggiore in campo

Vaclik. Colpevole in almeno uno dei gol avversari: grave l'errore sul sinistro vincente di Bernardo Silva, immobile su Agüero. Si rifà troppo tardi su Gündogan.

Il tabellino

Basilea (3-4-3): Vaclik; Lacroix, Xhaka, Sucky; Lang, Frei, Serey Die, Riveros; Elyounoussi (85' Bua), Oberlin, Stocker (71' Ajeti). All. Wicky

Manchester City (4-1-4-1): Ederson; Walker, Kompany, Otamendi, Delph; Fernandinho; Bernardo Silva, Gündogan, de Bruyne (63' Silva), Sterling (57' Sané); Agüero (85' Danilo). All. Guardiola

Arbitro: Jonas Eriksson (Svezia)

Gol: 14' Gündogan, 18' Bernardo Silva, 23' Agüero, 53' Gündogan

Note: ammoniti Xhaka, Fernandinho, Gündogan, Serey Die

Video - Dopo Barcellona e Bayern un'altra striscia da record per Pep Guardiola

01:35
0
0