Getty Images

Le pagelle di PSV-Inter 1-2: Icardi implacabile, Nainggolan trascinatore, la difesa è un muro

Le pagelle di PSV-Inter 1-2: Icardi implacabile, Nainggolan trascinatore, la difesa è un muro

Il 03/10/2018 alle 23:22Aggiornato Il 03/10/2018 alle 23:24

Il migliore in campo è l'argentino, fondamentale per le trame offensive dei nerazzurri. Il Ninja lotta e trova un gran gol, mentre de Vrij e Skriniar mettono la museruola a de Jong. Le uniche note stonate sono Brozovic e Perisic.

===PSV===

Jeroen ZOET 5 - Miracoloso su Icardi, goffo nell'azione dell'1-1, addirittura disastroso in quella dell'1-2. Fa e disfà, cancellando quanto di buono prodotto nei primi 44 minuti.

Denzel DUMFRIES 6,5 - Aiutato dalla serata nebulosa di Perisic, ci mette del suo trasformandosi in un treno ad alta velocità. Sovrapposizioni costanti e pericolose, partecipazione attiva alla manovra. Interessante.

Nick VIERGEVER 5,5 - Se Icardi ha così tante palle gol, una parte di demerito non può non andare ai centrali difensivi. Rivedibile in marcatura, spesso in affanno.

Daniel SCHWAAB 5 - Come il compagno di reparto ha i suoi bei problemi con Icardi. E, in collaborazione con Zoet, sbaglia tutto mandando comicamente in rete l'avversario.

José Angel ANGELIÑO 5,5 - Piede delicato nei lanci, ma in marcatura è una sofferenza continua. Quando Politano prende palla vive momenti di panico puro.

Pablo ROSARIO 6,5 - Tra i migliori nel PSV. Sempre in movimento tra centrocampo e trequarti, sfiora il gol da fuori e poi lo trova inchiodando Handanovic.

Jorrit HENDRIX 6 - I piedi sono tutt'altro che delicati, ma compensa con presenza e costante azione di rottura. Fa ampiamente il suo nonostante le difficoltà della squadra.

Gaston PEREIRO 6 - In ombra nel primo tempo, meglio nella ripresa quando colpisce un palo. Van Bommel lo toglie anzitempo dal campo (dal 75' Donyell MALEN 6,5 - Entra e sfiora il gol della settimana - se non dell'anno - in rovesciata. E poi manda al bar de Vrij. Bel biglietto da visita)

Steven BERGWIJN 6 - Quando si accende, con quelle corse palla al piede, sembra addirittura immarcabile. Non esattamente continuo, ma fa ammonire Handanovic.

Luuk DE JONG 5 - Armadio a due ante che può far male solo di testa. Ma dopo aver liberato Bergwijn al tiro viene stretto in una morsa da de Vrij e Skriniar. Ed è notte fonda.

Hirving LOZANO 6,5 - Come Bergwin non è troppo continuo durante l'arco della gara, ma quando prende palla qualcosa crea sempre. Sia nell'assist sia quando calcia verso la porta.

All. Mark VAN BOMMEL 5,5 - Si illude di poter centrare la prima vittoria del girone, ma è solo un attimo. Non trova le contromisure giuste dopo lo svantaggio.

2018, Marcelo Brozovic, Rosario, PSV-Inter, Getty Images

2018, Marcelo Brozovic, Rosario, PSV-Inter, Getty ImagesGetty Images

===Inter===

Samir HANDANOVIC 7 - Il suo intervento nel finale su Malen vale quanto un gol. Bravo su Rosario, incolpevole sul gol del PSV, ma che rischio con quel mani fuori area.

Danilo D'AMBROSIO 6 - Costretto per gran parte del match a stazionare nella propria zona di competenza, rimedia un giallo ma resiste in maniera valente.

Stefan DE VRIJ 6,5 - Non patisce l'emozione del ritorno in patria. Anzi, in coppia con Skriniar mette la museruola a de Jong, anche se nel finale viene ridicolizzato dal giovanissimo Malen.

Milan SKRINIAR 7 - Prestazione pulita, sicura, senza macchie. Praticamente perfetta. Altra prova convincente di un centrale intoccabile.

Kwadwo ASAMOAH 6 - Perde quasi subito un pallone sanguinoso, poi rimedia fermando il contropiede del PSV. Deve tenere a bada Dumfries e Lozano, ma non molla.

Matias VECINO 6,5 - Uno dei più pericolosi in un primo tempo in cui sfiora più volte il gol. Dinamico, attento. L'unica macchia a inizio ripresa: solo il palo salva l'Inter dopo un suo orrendo liscio.

Marcelo BROZOVIC 5,5 - Tocca tanti palloni, organizza tante manovre, ma spesso in maniera poco utile alla squadra. Compassato e a volte impreciso.

Matteo POLITANO 6,5 - L'Inter gioca spesso a destra, sfruttando una vena particolarmente ispirata da parte sua. Prende palla, punta l'uomo, crea, crossa. Bravo (dal 91' Antonio CANDREVA s.v.)

Radja NAINGGOLAN 7 - La sua grinta e i suoi inserimenti trascinano l'Inter nel momento più delicato. Lotta e calcia più volte, fino a trovare un gol bello e meritato (dall'86' Borja VALERO s.v.)

Ivan PERISIC 5 - L'unica nota davvero stonata in una serata di gloria. Sbaglia tutto o quasi quel che tenta, diventando addirittura dannoso. Non è un caso che da sinistra l'Inter produca poco o nulla.

Mauro ICARDI 7,5 - Di nuovo grande protagonista, come contro il Tottenham. Stavolta segna un gol "normale", ma è uno spauracchio continuo per i centrali avversari. Ottimo nelle sponde, si crea tante palle gol e la più importante la trasforma. Imprescindibile.

All. Luciano SPALLETTI 7 - Calcio organizzato, personalità e capacità di non abbattersi al primo momento di difficoltà. Tutto quel che serve per far strada in Europa.

0
0