Getty Images

Coronavirus, il sindaco di Bergamo Gori: "Atalanta-Valencia è stata una bomba biologica"

Coronavirus, il sindaco di Bergamo Gori: "Atalanta-Valencia è stata una bomba biologica"

Il 26/03/2020 alle 09:05Aggiornato Il 26/03/2020 alle 22:05

Intervistato da Marca in diretta Facebook Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, non nasconde come il match d'andata giocato a San Siro possa avere avuto un effetto dirompente sulla rapida diffusione del Covid-19 a Bergamo e Valencia: "A quel tempo non sapevamo cosa stesse succedendo".

" Atalanta-Valencia fu una bomba biologica"

La provincia di Bergamo sta pagando un prezzo carissimo per l’emergenza Coronavirus e il suo sindaco Giorgio Gori in un’intervista Facebook concessa a Marca non nasconde come la gara d'andata degli ottavi di finale di Champions League tra Atalanta e Valencia possa avere un effetto dirompente nella rapida diffusione del virus, tanto in Italia quanto in Spagna.

" A quel tempo non sapevamo cosa stesse succedendo. Il primo paziente in Italia era il 23 febbraio. Se il virus era già in circolazione, i quarantamila fan che andarono allo stadio di San Siro erano infetti. "

"La vera scintilla non è stata la partita ma il paziente di Alzano Lombardo"

Gori, pur non nascondendo l’errore di far giocare quella partita non imputa al calcio la colpa del focolaio di contagi e vittime che ha imperversato lungo tutto il territorio bensì al paziente di Alzano Lombardo...

" La partita non è stato l’unico fattore, la vera scintilla è stata nell'ospedale di Alzano Lombardo, con un paziente con polmonite non catalogata come Coronavirus che ha infettato pazienti, medici e infermieri. Quello è il fulcro dell'epidemia. "

Video - Atalanta, saluti a distanza e cori: festa a distanza coi fan a Valencia prima di salire sul pullman

00:47