Eurosport

Facciamo i conti: Atalanta, Juve e Napoli, quanti milioni con gli ottavi di Champions

Facciamo i conti: Atalanta, Juve e Napoli, quanti milioni con gli ottavi di Champions

Il 12/12/2019 alle 20:35

Le tre italiane qualificate sorridono. Nuove entrate garantite e nuovi incassi da stadio previsti. L’Inter rinuncia a una ventina di milioni.

Tre sì e un no. L’Italia per la prima volta dal 2011/12 porta tre squadre agli ottavi di finale di Champions League. La Juventus in scioltezza, il Napoli con qualche patema di troppo, ma anche con la consapevolezza di essersela giocata alla pari con il Liverpool, l’Atalanta dopo un’impresa epica e dopo aver perso le prime tre gare del girone. L’Inter non ce l’ha fatta proprio all’ultimo scoglio e ha così dovuto rinunciare ad almeno altri 20 milioni di euro (tra premi UEFA per accesso alla fase ad eliminazione diretta, market pool e incasso da stadio) rispetto ai circa 60 accumulati finora in questa stagione europea. Gli altri tre club italiani, invece, sorridono e certificano a bilancio nuove entrate utili.

L'Atalanta esulta dopo un gol - 2019

L'Atalanta esulta dopo un gol - 2019Getty Images

Percassi si gode il trionfo, la Dea si copre d’oro

Come riporta Calcio e Finanza, le entrate dell’Atalanta dalla Champions League 2019/20 sfiorano i 40 milioni di euro. Ancora prima di scendere in campo in questa stagione, infatti, i nerazzurri si erano garantiti 23,6 milioni di euro di ricavi: cinque milioni dalla prima parte del market pool (legata al piazzamento nella scorsa Serie A), 15,25 milioni come bonus partecipazione per la fase a gironi e ulteriori 3,3 milioni derivanti dal ranking decennale/storico. Il percorso della squadra di Gasperini nelle sei partite della fase a gironi ha portato 6,3 milioni di euro come bonus per i risultati: 2,7 milioni di euro per ciascuna delle le vittorie ottenute contro la Dinamo Zagabria e lo Shakhtar Donetsk e 900 mila euro per il pareggio il Manchester City. Cifra alla quale si aggiunge il bonus da 9,5 milioni per l’accesso agli ottavi di finale. Il tutto senza considerare la seconda parte del market pool che in caso di passaggio del turno vale da un minimo di cinque milioni a un massimo di 7,4 milioni. Numeri ai quali si potrà aggiungere un ulteriore incasso dal botteghino, che finora per l’Atalanta è valso oltre tre milioni di euro (961.314 euro contro il Manchester City, 1.181.215 euro contro lo Shakhtar Donetsk e 1.304.093 euro contro la Dinamo Zagabria). La Dea supererà a fine anno i 50 milioni di euro da questa già trionfale campagna europea. Non male.

Il Napoli gongola: già in tasca 70 milioni

I ricavi per il Napoli dalla Champions League 2019/20 hanno invece già superato i 50 milioni di euro. Il percorso della squadra azzurra nelle sei partite della fase a gironi ha portato 10,8 milioni di euro come bonus per i risultati: 2,7 milioni di euro per ciascuna delle tre vittorie ottenute contro Liverpool, Salisburgo e Genk e 900 mila euro per ciascuno dei tre pareggi contro Genk, Liverpool e Salisburgo. Poi la qualificazione agli ottavi (9,5) e una cifra di soli premi UEFA che sfiora in totale i 60 milioni, senza considerare la seconda parte del market pool, che dipende da quante partite in totale giocheranno le italiane nella competizione. Tra stadio e tutto siamo sui 70 milioni già garantiti al club di De Laurentiis.

Squadra Incassi dalla Champions 2019-2020
Juventus 80 milioni di euro
Napoli 70 milioni di euro
Atalanta 40 milioni di euro
Inter 60 milioni di euro

Juventus in linea con il passato: obiettivo 100 milioni

La Juventus, potendo contare su un maggiore introito iniziale (ranking storico molto alto e primo posto nello scorso campionato), ha già ampiamente superato gli 80 milioni di euro di ricavi complessivi da questa Champions. 55 milioni di partenza, più 9,5 di qualificazione più circa 12 come risultati nel girone più gli incassi casalinghi dello Stadium. Cifra che potrà ulteriormente alzarsi con la seconda parte del market pool. Nelle scorse stagioni la Juve ha sempre portato in cassa tra i 90 e i 120 milioni di euro dalle campagne europee e anche in questa annata confermerà la cifra, fondamentale per tenere in ordine il bilancio e alto il fatturato complessivo.

Video - Sarri: "Manchester City favorito per la Champions. Mourinho? È una persona di livello straordinario"

00:58