Imago

City escluso dalla Champions per due edizioni a causa del Fair play finanziario. E ora Guardiola?

City escluso dalla Champions per due edizioni a causa del Fair play finanziario. E ora Guardiola?

Il 14/02/2020 alle 20:00Aggiornato Il 14/02/2020 alle 23:25

Mano pesantissima dalla UEFA contro il Manchester City: il club inglese è stato infatto escluso per le prossime due edizioni della Championss League (2020-2021 e 2021-2022) a causa del Fair Play finanziario. In arrivo anche 30 milioni di euro di multa, ma il City farà ovviamente ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna. "Il club non ha collaborato" ha aggiunto la UEFA nel comunicato.

Che batosta per il Manchester City! La UEFA ha deciso di escludere il club inglese dalle competizioni UEFA (quindi sia la Champions League che l’Europa League) per le stagioni 2020-2021 e 2021-2022 a causa della violazione delle leggi per il Fair Play Finanziario. Dal comunicato si evince che il Manchester City ha 'sopravvalutato' le sue entrate derivanti dalla propria sponsorizzazione nel periodo 2012-2016. La UEFA ha aggiunto, inoltre, che il City non ha 'collaborato alle indagini sul caso'.

Il comunicato della UEFA

" A seguito di un'audizione tenutasi il 22 gennaio 2020, la Camera giudicatrice dell'Ente di controllo finanziario del club UEFA (la CFCB), presieduto da José da Cunha Rodrigues, ha notificato oggi al Manchester City Football Club la decisione finale sul caso che è stato deferito dal CFCB Capo investigatore"
" La Camera dei giudici, dopo aver esaminato tutte le prove, ha riscontrato che il Manchester City ha commesso gravi violazioni del regolamento sulle licenze e sul fair play finanziario del club UEFA, sopravvalutando le entrate della sua sponsorizzazione nei suoi conti e nelle informazioni di pareggio presentate alla UEFA tra il 2012 e 2016"
" La Camera dei giudici ha anche riscontrato che, in violazione del regolamento, il Club non ha collaborato alle indagini sul caso da parte del CFCB. La Camera dei giudici ha imposto misure disciplinari al Manchester City stabilendo che sarà escluso dalla partecipazione alle competizioni UEFA per club nelle prossime due stagioni (vale a dire le stagioni 2020/21 e 2021/22) e pagherà una multa di 30 milioni di euro"

Il Manchester City farà ricorso al TAS di Losanna

Non si è fatta attendere la risposta del Manchester City che si è detto deluso, ma non sorpreso dell’annuncio formalizzato dalla Camera dei giudici della UEFA. Il City lamenta un discorso: non può essere la stessa UEFA ad avviare il caso, perseguire il club ed emettere anche la sentenza. Il club inglese, infatti, chiede che il processo venga istituito da un ente imparziale, ecco che verrà presentato ricorso al TAS (Tribunale Arbitrale dello Sport) di Losanna nei prossimi giorni.

Chi va in Champions? Il Tottenham di Mourinho e l’Everton di Ancelotti sognano

Non è ancora ufficiale, ma se dovesse essere confermata la disposizione della UEFA, il calcio inglese manderebbe comunque 4 squadre in Champions. A scapito del Manchester City, ci andrebbe quindi la 5a classificata della Premier League. Al momento, a festeggiare ci sarebbe il sorprendente Sheffield United, ma occhio alle rimonte del Tottenham Hotspur di José Mourinho (6° con 37 punti) e dell’Everton di Carlo Ancelotti (7° con 36 punti).

La classifica della Premier dopo 25 giornate

Squadre Punti
1. Liverpool 73
2. Manchester City 51
3. Leicester City 49
4. Chelsea 41
5. Sheffield United 39*
6. Tottenham Hotspur 37
7. Everton 36*
8. Manchester United 35

*una gara in più

E ora Guardiola?

Bella domanda, perché sarà difficile pensare che il tecnico catalano (che in carriera ha vinto due Champions con il Barcellona) possa rimanere a Manchester senza fare la Champions. Secondo gli addetti ai lavori, Guardiola è ormai a fine ciclo con i citizens e sarà esonerato nel caso in cui non vinca la Champions in questa stagione. A maggior ragione senza poter fare la Champions, con il Manchester City che potrebbe salutare Guardiola - e tutti i calciatori con contratti da big - per abbassare il monte ingaggi. Una spinta ulteriore verso un possibile ritorno al Bayern Monaco o, addirittura, verso la Juventus che da diverse stagioni ormai sogna l’arrivo di Guardiola.

Video - Guardiola: "Non allenerò mai United o Real Madrid. Piuttosto me ne vado alle Maldive..."

00:25