Imago

Esultanza sbagliata

Quando l'esultanza è sbagliata
Di Eurosport

Il 11/11/2008 alle 12:53Aggiornato

Norris dell'Ipswich Town mima le manette per un amico in carcere, colpevole di aver causato in un incidente stradale la morte di due bambini, mentre guidava in stato di ebbrezza. L'opinione pubblica si è rivoltata e la famiglia delle vittime si è indignat

C'è chi si succhia il pollice, chi suona il violino, chi tira fuori la lingua, chi si blocca il mezzo al campo a testa alta, chi si "arrotola" l'orecchio, chi balla il samba... Ogni giocatore ha il suo modo caratteristico di esultare dopo aver segnato un gol e a volte diventa famoso nel mondo proprio per il suo gesto. Talvolta, però, ci sono delle esultanze decisamente sbagliate.

E' scoppiato infatti un caso nel Regno Unito dopo una partita di Championship, la First Division corrispondente alla nostra Serie B. Il reo in questione è David Norris, centrocampista dell'Ipswich Town, che ha festeggiato la propria rete mimando il gesto delle manette. La dedica sembrava per l'amico e calciatore Luke McCormick, attualmente in carcere dopo aver provocato la morte di due bambini di 10 e 8 anni in un incidente stradale, nel giugno scorso. McCormick era stato il testimone di nozze dello stesso Norris e rientrava ubriaco dai festeggiamenti. Successivamente, l'ex portiere del Plymouth fu condannato a sette anni e 4 mesi di reclusione, che sta appunto scontando.

La madre dei due bambini, sopravvissuta all'incidente, si è indignata dopo questa esultanza: "Siamo disgustati. Quel gesto di solidarietà è un insulto alla memoria dei nostri figli. L'ha fatto di fronte a migliaia di spettatori, tra cui molti minorenni, promuovendo il messaggio che bere, guidare e poi uccidere qualcuno è ok. Spero che il suo club lo squalifichi a lungo".

Immediata la reazione del Town, che ha multato il giocatore e l'ha diffidato dal comportarsi nuovamente in modi contrari alla morale comune. Norris, tuttavia, sostiene di essere stato interpretato male e si scusa: "Mi rendo conto di quanto il mio gesto sia stato travisato e di quanto disagio abbia causato, di conseguenza, alla famiglia Peak (quella delle due vittime ndr). Sono veramente dispiaciuto non sarò mai più così insensibile di fronte a una tragedia di questo tipo".

Il club, in una nota, comunica inoltre che il giocatore ha già scritto una lettera privata di scuse alla famiglia e che, oltre alla multa comminata al giocatore, la società elargirà una donazione a un ente benefico che avrà lo stesso importo della sanzione impostagli. Tradotto: la sanzione pecuniaria di Norris sarà devoluta in beneficenza.

0
0