Eurosport

Cina, Lippi si dimette dopo il k.o. con la Siria: "Sono pienamente responsabile"

Cina, Lippi si dimette dopo il k.o. con la Siria: "Sono pienamente responsabile"
Di Eurosport

Il 14/11/2019 alle 17:54Aggiornato Il 14/11/2019 alle 19:13

La nazionale allenata dal tecnico Campione del Mondo con l'Italia nel 2006 è stata sconfitta 2-1 sul campo neutro di Dubai: il cammino verso la qualificazione mondiale si complica

Dopo il “divorzio” tra Fabio Cannavaro e la nazionale cinese, un altro Campione del Mondo chiude ufficialmente la sua avventura in Estremo Oriente. Marcello Lippi ha rassegnato le proprie dimissioni dalla panchina della Cina in seguito alla pesante sconfitta subita contro la Siria a Dubai nelle qualificazioni Mondiali.

Queste le dichiarazioni a caldo dell'ex c.t. della Nazionale.

" Non voglio parlare di questa partita, una squadra dovrebbe dare tutto sul campo. Se i giocatori hanno paura di perdere la gara, allora non c'è spirito di combattimento, desiderio e coraggio. So che ho uno stipendio alto, anzi altissimo. E' mia la responsabilità, l'allenatore è responsabile. Da oggi non sono più il c.t. della Cina. Saluto e ringrazio tutti."

Lippi aveva già lasciato l'incarico lo scorso gennaio dopo la sconfitta nei quarti di finale di Coppa d'Asia contro l'Iran, tornando però in panchina a maggio dopo le dimissioni proprio di Cannavaro. Oggi sul campo neutro di Dubai, dopo il vantaggio dei siriani con Omari, è arrivato il momentaneo pareggio di Wu Lei al 30', ma l'autogol di Zhang Linpeng al 76' ha chiuso la partita sul 2-1. Dopo quattro gare giocate la Cina è seconda nel girone A con 7 punti, a -5 proprio dalla Siria e a pari merito con le Filippine. Alla successiva fase delle qualificazioni asiatiche approdano le vincenti degli otto gruppi e le quattro migliori seconde. Il cammino dell'ormai ex squadra dell'allenatore di Viareggio è quanto mai complicato.

Video - Da De Rossi a El Shaarawy, dall'Argentina alla Cina: i 10 calciatori italiani giramondo

02:15
0
0