Imago

La Conmebol ha deciso: River Plate-Boca Juniors non si giocherà in Argentina

La Conmebol ha deciso: River Plate-Boca Juniors non si giocherà in Argentina

Il 27/11/2018 alle 16:43Aggiornato Il 27/11/2018 alle 17:09

L'organismo Federale del calcio sudamericano ha ufficializzato che il ritorno della finale di Copa Libertadores tra River e Boca non si disputerà né al Monumental, né in altre città dell'Argentina. Resta in piedi la possibilità Asunción in Paraguay, dove ha sede - tra l'altro - la stessa Conmebol. Partita che si disputerà o l'8 o il 9 di dicembre 2018.

Dopo la riunione fiume avvenuta ad Asunción, nella sede della Conmebol, l’organismo Federale del calcio sudamericano ha deciso di rinviare il Superclasico di Copa Libertadores ad una data tra l’8 e il 9 di dicembre. Si deve fare ‘presto’, in quanto la squadra vincitrice è ammessa poi al Mondiale per club che comincerà il 12 dicembre negli Emirati Arabi Uniti. La vincente della Libertadores debutterà martedì 18 dicembre, ad Al-Ain, nella semifinale contro una tra Al-Ain, Team Wellington ed Espérance de Tunis.

Dove si gioca?

La data precisa non è ancora certa, perché prima bisogna individuare la sede che ospiterà il match. La gara prevista al Monumental, casa del River Plate, non si giocherà nemmeno in Argentina, visto i problemi di ordine pubblico. Resta aperta la pista che vedrebbe il Superclasico di ritorno ad Asunción (allo stadio Manuel Ferreira, impianto che ospita le gare del Club Olimpia Asunción), poiché proprio in Paraguay ha sede la Conmebol. Genova si era proposta, ma sarà difficile vedere la finale di Libertadores fuori dal Sudamerica. Qualcuno aveva ipotizzato addirittura una mega trasferta ad Abu Dhabi, considerando che, comunque, una delle due giocherebbe il Mondiale per club.

Pablo Perez Boca

Il Boca chiede comunque la partita a tavolino

Il Boca minaccia comunque di non giocare la gara di ritorno, visti i danni avuti nel trasferimento dall’albergo allo stadio Monumental, viaggio in cui diversi giocatori sono rimasti feriti: compreso il capitano Pablo Pérez. Gli Xeneizes, infatti, vorrebbero lo 0-3 a tavolino visto che la gestione della gara di ritorno e la responsabilità di garantire l’ordine pubblico era di competenza del River Plate. Come andrà a finire?

0
0