Getty Images

Gabigol eroe della Copa Libertadores! Con 2 gol in 3' ribalta il River. Flamengo in festa

Gabigol eroe della Copa Libertadores! Con 2 gol in 3' ribalta il River. Flamengo in festa

Il 23/11/2019 alle 22:57Aggiornato Il 24/11/2019 alle 00:55

Incredibile epilogo nella finale di Copa Libertadores, il River Plate avanti per 89' fa harakiri e in tre minuti subisce due gol dal Flamengo di uno scatenato Gabigol che raggiunge quota 40 reti stagionali ed è l'eroe del trionfo della formazione brasiliana. Nel finale l'ex interista viene anche espulso.

Da meteora all’Inter a eroe del Flamengo che dopo 38 anni torna ad alzare al cielo la Copa Libertadores. Il romanzesco 2019 di Gabriel Barbosa, più comunemente conosciuto come Gabigol, si aggiunge di un’ulteriore capitolo di gloria autentica a Lima dove è il trascinatore dell’incredibile rimonta della compagine brasiliana contro il River Plate di Marcelo Gallardo. I Millionarios fino all’88’ pregustano il secondo trionfo consecutivo ma non fanno i conti con l’uragano Gabigol che in 180 secondi ribalta il risultato con due gol da autentico rapace dell’area di rigore che mandano in delirio il popolo del club Mais querido do Brasil (più amato del Brasile).

40 gol e un trionfo che regala il Mondiale per Club

Il 23enne attaccante in prestito dall’Inter mette così il punto esclamativo ad un’annata semplicemente fantasmagorica. 40 gol in 54 partite ufficiali, capocannoniere della Copa Libertadores con 9 sigilli, come Zico - nella gloriosa finale del 1981 – Gabigol marchia a fuoco il proprio nome nella storia del club carioca, che tra un mese avrà l'occasione di dare l'assalto al Mondiale per Club contro il Liverpool, per uno strano scherzo del destino lo stesso avversario di 38 anni fa.

E pensare che per un’ora abbondante Gabigol, come tutto il Flamengo, aveva fatto solo il solletico alla difesa del River Plate, capace di sbloccare il risultato al quarto d’ora del primo tempo con la girata di Borré da posizione centrale, abile a sfruttare il centro di Fernandez e il velo di Suarez. Galvanizzato dal vantaggio immediato, i Millionarios sfiorano a più riprese il 2-0 ma nella ripresa sbandano paurosamente. Prima proprio Gabigol si divora una clamorosa palla gol poi l’ex interista sottomisura fa 1-1 con una deviazione a porta vuota su assist perfetto di De Arrascaeta da sinistra.

Passano appena tre minuti e al 92’ ancora il centravanti del Flamengo approfitta di una dormita della difesa del River e con un chirurgico sinistro da centro area fulmina il portiere Armani. Finale burrascoso, con le espulsioni di Palacios del River per un fallaccio su Bruno Henrique e dello stesso Gabigol per doppia ammonizione (secondo giallo rimediato per condotta antisportiva). Una piccola macchia che non rovina una serata di gloria autentica. E anche l’Inter ora si frega le mani pregustando una corposa plusvalenza... O sarebbe meglio dargli una seconda chance e riportarlo in nerazzurro?

Video - Conte: "Orgoglioso per questa Inter. E possiamo guardare negli occhi Barça e Borussia"

02:00
0
0