AFP

Elefanti giganti e Costa d'Avorio in finale: 3 a 1 al Congo DR

Elefanti giganti e Costa d'Avorio in finale: 3 a 1 al Congo DR
Di Eurosport

Il 04/02/2015 alle 21:59Aggiornato Il 04/02/2015 alle 23:37

La formazione di Renard, imbottita di fuoriclasse, vince grazie agli acuti di Yaya Touré, Gervinho e Kanon. I leopardi s'illudono con il penalty di Mbokani. Ed ora si attende di sapere quale sarà l'avversario per decretare il titolo, che uscirà dallo scontro di domani sera tra Ghana e Guinea Equatoriale

E’ con un grosso punto esclamativo che la Costa d’Avorio di mister Renard mette fine alla favola della Repubblica Democratica del Congo del commissario tecnico autoctono” Ibengé, comunque grande condottiero di un gruppo mai domo. Un rotondo 3-1 e gli elefanti guadagnano la loro quarta finale di Coppa d’Africa, facendo leva su un team di fuoriclasse, in particolar modo sugli acuti di Yaya Touré, Gervinho e Kanon. Nulla da fare per la nazionale di Kinshasa, illusasi col momentaneo pareggio di Mbokani, giunto al minuto numero 24. Ora, fari puntati sulla sfida di domani sera in cui i padroni di casa della Guinea Equtoriale, dopo le innumerevoli polemiche a seguito della discussa direzione arbitrale nel quarto con la Tunisia, sfideranno l’altra grande favorita del torneo, il Ghana.

LA CRONACA

Match partito subito a buoni ritmi: la Costa d’Avorio affila i coltelli con Bokila, che al 6’ scalda le mani a Gbohouo e con il tiro dalla distanza di poco a lato di Mabuati al 12’. Ma è la Costa d’Avorio a fare male: primi sussulti con la prima serpentina di Gervinho al 18’ e gol, stupendo, di Yaya Tourè al minuto 21: Bony difende bene palla e il centrocampista del City, dal limite, la scaglia di prepotenza sotto la traversa. Neanche il tempo di esultare e i congolesi pervengono al pareggio, giunto al 24’ grazie al rigore trasformato da Mbokani e assegnato per via di un netto mani” in area di Bailly. Mai domi, i ragazzi di Ibengé prendono coraggio e al 40’ sfiorano il raddoppio: percussione mancina di Bolasie e cross al centro ciabattato in porta dal solito Mbokani. Il suo tiro sporco, però, non coglie in fallo Gbohouo, che respinge in corner. Sull’azione successiva, secondo i dettami della più crudele legge del calcio, la Costa d’Avorio raddoppia: Bony taglia come il burro la difesa congolese servendo Gervinho, che a tu per tu con Kidieba non sbaglia. Nella ripresa c’è solo una squadra in campo, la Costa d’Avorio che tra una prodezza di Yaya Touré e una saetta di Gervinho (sempre più reclamato dai tifosi romanisti), triplica al 69’: sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina, Aurier impegna di testa il portiere avversario, il quale però non può nulla sulla respinta di ginocchio del difensore dell’Ado Den Haag Wilfried Kanon, che mette il sigillo su un successo strameritato.

LA STATISTICA CHIAVE

4

Come i gol visti in campo, come la quarta finale della storia per la Costa d’Avorio

IL TWEET DA NON PERDERE

LA DICHIARAZIONE

Mister Florent IBENGE’ (Congo DR): La Costa d’Avorio è un gruppo di leoni feriti per aver perso diverse occasioni nel recente passato, nonostante tutta la loro forza. Verremo sicuramente aggrediti”. Ci aveva visto lungo, alla vigila del match, il tecnico congolese, condottiero però di un eccezionale percorso da parte dei leopardi

IL MIGLIORE

GERVINHO (Costa d’Avorio): insieme all’altra stella del gruppo, Yaya Touré, è il "faro” della squadra. La sua velocità non ha prezzo e mette in costante difficoltà la retroguardia avversaria, trafiggendola al momento giusto. Ne sa qualcosa il popolo dei tifosi romanisti, che da tempo lo reclama nella Capitale.

IL PEGGIORE

Muteba KIDIABA (Congo DR): Per quanto autore di un buon secondo tempo, nei primi 45’ risulta fuori posizione in diverse circostanze (come del resto tutta la retroguardia da lui diretta), oltre ad essere specialista di esultanze naïf, dimostra di essere tale anche nelle uscite "a farfalle”... Su tutte, spicca l’episodio del colpo di testa di Gervinho stampatosi sulla traversa, pochi istanti prima del secondo gol ivoriano

IL TABELLINO

REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO-COSTA D’AVORIO 1-3

Repubblica Democratica del Congo (4-2-3-1): Kidieba; Djos, Mpela, Zakuani, Kasusula; Mbemba, Makiadi (80’ Mubela); Bokila, Mabuati (70’ Kebano), Bolasie; Mbokani (61’ Kabananga). All.: Ibengé

Costa d'Avorio (4-4-2): Gbohouo; Aurier, Bailly, K. Touré, Kanon; Gradel (62’ Kalou), Die, Y. Touré, Tiéné (72’ Viera); Bony (92’ Traore), Gervinho. All.: Renard

Arbitro: Néant Alioum (Camerun)

Gol: 21’ Y. Touré (CA), 24’ rig. Mbokani (RDC), 41’ Gervinho (CA), 69’ Kanon (CA)

Note – Recupero: 2+3. Ammoniti: Kanon, Y. Touré, Kasusula, Die, Kabananga, Aurier

***

0
0