AFP

Disastro Ghoulam! E la Tunisia gode nel derby del Maghreb. Senegal ai quarti: già vinto il girone B.

Disastro Ghoulam! E la Tunisia gode nel derby del Maghreb. Senegal ai quarti: già vinto il girone B

Il 19/01/2017 alle 21:55Aggiornato Il 20/01/2017 alle 01:30

Eccolo, il primo verdetto della Coppa d'Africa 2017: i Leoni della Teranga regolano lo Zimbabwe con Mané, Saivet e una prestazione travolgente di Keita Baldé. Già aritmetico il primo posto. Ride il "napoletano" Koulibaly, piange il collega di club Ghoulam, che affonda l'Algeria con un erroraccio difensivo e un rigore causato nella stessa azione. Domani Costa d'Avorio-RD Congo e Marocco-Togo.

2a giornata. Le partite del girone B

ALGERIA-TUNISIA 1-2

Gol: 50' aut. Mandi (T), 66' rig. Sliti (T), 91' Hanni (A).

Franceville - La sorte restituisce alla Tunisia tutto quello che le aveva tolto nello sfortunato match inaugurale contro il Senegal. Nel primo tempo il portiere delle aquile di Cartagine Aymen Matlouthi, chiude più volte la saracinesca di fronte agli attacchi di Brahimi (al 6' su punizione), al 7' su colpo di testa di Slimani da due passi e al 10' su conclusione dalla distanza di Guédioura. Le Aquile di Cartagine reggono bene il colpo e, nonostante gli zero punti in classifica, giocano una gara tranquilla e ordinata, arricchita da qualche spunto di classe dell'estroso Wahbi Khazri, volto di Premier League col suo Sunderland. E' nella ripresa che la gara si sblocca: passano 5' e Sassi alza un delizioso lob sulla mancina, raccolto da Msekni il cui cross viene infaustamente deviato nella propria porta dal difensore algerino Mandi. L'Algeria capitola nuovamente al 66' in situazioni davvero clamorose: è da un calcio di punizione a proprio favore che nasce la seconda rete tunisina. Conclusione respinta e palla spazzata: nella metà campo delle Fennecs rimane solamente Ghoulam, che prima si avventura in un retropassaggio corto di testa, invogliando allo scatto il solito Khazri, steso successivamente in area dallo stesso difensore del Napoli.

Tunisia's players celebrate after scoring a goal during the 2017 Africa Cup of Nations group B football match between Algeria and Tunisia in Franceville on January 19, 2017

Tunisia's players celebrate after scoring a goal during the 2017 Africa Cup of Nations group B football match between Algeria and Tunisia in Franceville on January 19, 2017AFP

Dal dischetto, la trasformazione di Sliti è rasoterra e perfetta ed è 2-0. Nel finale, al 91', bella conclusione sotto la traversa del neoentrato Hanni, ma non basta. L'Algeria, ora rischia di salutare anzitempo il Gabon. Per qualificarsi, in relazione alla vittoria del Senegal contro lo Zimbabwe, dovrà assolutamente vincere nell'ultimo match proprio contro i Leoni della Teranga, già qualificati da primi ma anche in uno stato di grazia senza precedenti: si guarderà bene, inoltre, la formazione di Cissé, dal tenere in gioco una potenziale vincitrice della competizione. DI conseguenza, match con ogni scenario possibile tra Tunisia e Zimbabwe. La classifica "in sintesi" a una giornata dal termine: Senegal punti 6; Tunisia 3; Algeria e Zimbabwe 1.

Adlene Guedioura (Algérie) et Ahmed Akaichi (Tunisie)

Adlene Guedioura (Algérie) et Ahmed Akaichi (Tunisie)AFP

SENEGAL-ZIMBABWE 2-0

Gol: 9' Mané (S), 14' Saivet (S).

Libreville - Veramente poco da dire del confronto tra Senegal e Zimbabwe, totalmente appannaggio dei Leoni della Teranga, che dominano un match in cui non dilagano solo ed esclusivamente per la loro indolenza sottoporta. Il 2-0 vale il passaggio aritmetico dei ragazzi di Cissé, già certi della prima posizione: affronteranno la seconda classificata del girone A. Praticamente impossibile capire chi, visto l'equilibrio stabilire chi tra Camerun, Gabon, Burkina Faso e Guinea Bissau.

Senegal's forward Sadio Mane (R) celebrates with Senegal's forward Keita after scoring a goal during the 2017 Africa Cup of Nations group B football match between Senegal and Zimbabwe in Franceville on January 19, 2017

Senegal's forward Sadio Mane (R) celebrates with Senegal's forward Keita after scoring a goal during the 2017 Africa Cup of Nations group B football match between Senegal and Zimbabwe in Franceville on January 19, 2017AFP

L'incontro viene chiuso nel primo quarto d'ora di gioco: al 9' percussione (una delle tante) del laziale Keita Baldé, che dalla sinistra infila al centro una palla che Sadio Mané deve solamente spingere in fondo al sacco. Al 14', quindi, una delle perle di questa edizione del torneo: il calcio di punizione sotto l'incrocio dei pali di Henri Saivet. Lo Zimbabwe prova a rialzare la testa ma nella ripresa rischia l'imbarcata: si contano almeno dieci nitide occasioni da gol sprecate dai vari Diouf, Keita Baldé e Mané. Nota a margine: monumentale prova difiensiva di Kalidou Koulibaly. Giochi comunque ancora aperti, comunque, per gli "Zims" di Callisto Pasuwa.

Senegal's midfielder Henri Saivet celebrates after scoring a goal during the 2017 Africa Cup of Nations group B football match between Senegal and Zimbabwe in Franceville on January 19, 2017

Senegal's midfielder Henri Saivet celebrates after scoring a goal during the 2017 Africa Cup of Nations group B football match between Senegal and Zimbabwe in Franceville on January 19, 2017AFP

Il consiglio per l'acquisto

Ferjani SASSI (Tunisia): fosforo e piedi buoni a metà campo. Uno di quei metronomi che, come si suol dire, "mettono a posto il reparto". Suo il tocco sotto che ha lanciato Msekni sul fondo della corsia mancina, dal cui cross è nata l'autorete di Mandi. A collocarlo nel calcio italiano, sarebbe perfetto, tanto per fare un nome, per la causa del Palermo. Gioca in patria (all'Esperance di Tunisi), di rientro dopo un'esperienza in Ligue 2 con la maglia del Metz, con cui ha conquistato un terzo posto e la promozione bella massima serie. Il prossimo 18 marzo compirà 25 anni, il suo cartellino (in scadenza nel 2019) si aggira sul milione e mezzo di euro.

Il meglio dai social

Un autogol e un calcio di rigore subiti. E per l'Algeria, ora, le cose si mettono davvero male...

Aymen Mathlouthi, il portiere classe 1984 della Tunisia e dell'Étoile du Sahel (infortnatosi all'87'), in grande spolvero, specie nel primo tempo. Almeno quattro interventi decisivi: se ci sono le mani della Tunisia sul derby del Maghreb è anche (anzi, soprattutto, merito suo).

Vero protagonista di Senegal-Zimbabwe, pur non finendo tra i marcatori, è stato il laziale Keita Baldé: corsa, muscoli e palloni adamantini per Diouf e, soprattutto, Sadio Mané.

Quanto è vero! E quanto manca, l'indimenticabile Bruno Metsu.

I tabellini

ALGERIA-TUNISIA 1-2

Algeria (4-3-3): Assellah; Rabie, Bensebaini, Mandi, Ghoulam; Mahrez, Guédioura (93' Abeid), Bentaleb; Brahimi (74' Hanni), Slimani, Ghezzal (69' Bounedjah). All.: Leekens.

Tunisia (4-3-1-2): Mathlouthi (87' Jeridi); Nagguez, Ben Youssef, Abdennour, Maâloul; Khazri (73' Yakoubi), Sassi, Ben Amor; Sliti; Msekni, Akaïchi (78' Khenissi). All.: Kasperczak.

Arbitro: Bernarde Camille (Seychelles).

Gol: 50' aut. Mandi (T), 66' rig. Sliti (T), 91' Hanni (A).

Note - Recupero: 1+5. Ammoniti: Guédioura, Meftah, Maâloul, Ghoulam.

Tunisia's forward Ahmed Akaichi (R) challenges Algeria's midfielder Adlene Guedioura during the 2017 Africa Cup of Nations group B football match between Algeria and Tunisia in Franceville on January 19, 2017

Tunisia's forward Ahmed Akaichi (R) challenges Algeria's midfielder Adlene Guedioura during the 2017 Africa Cup of Nations group B football match between Algeria and Tunisia in Franceville on January 19, 2017AFP

SENEGAL-ZIMBABWE 2-0

Senegal (4-3-3): Diallo; Gassama, Koulibaly, Mbodji, M'Bengue; Gueye, Saivet, Kouyaté (84' N'Doye); Keita Baldé, Diouf (63' Sow), Mané (91' Sarr). All.: Cissé.

Zimbabwe (4-2-3-1): Mkuruwa; Zvirekwi, Muroiwa, Nhamoinesu, Bhasera; Nakamba, Katsande; Mahaci (46' Ndoro), Billiat, M. Rusike (E. Rusike); Mushekwi (83' Malajila). All.: Pasuwa.

Arbitro: Rédouane Jiyed (Marocco).

Gol: 9' Mané (S), 14' Saivet (S).

Note - Recupero: 1+3. Ammoniti: Kouyaté, Gassama, Malajila.

Baldé Keita (Sénégal) face à Onismor Bhasera (Zimbabwe)

Baldé Keita (Sénégal) face à Onismor Bhasera (Zimbabwe)AFP

0
0