Getty Images

Gioca male in Coppa d’Africa: Naby Keita vittima di “stregoneria” per i tifosi

Gioca male in Coppa d’Africa: Naby Keita vittima di “stregoneria” per i tifosi

Il 05/07/2019 alle 12:48Aggiornato Il 05/07/2019 alle 12:55

Un gruppo di giovani tifosi della Guinea ha assaltato la casa di famiglia di Naby Keita accusando uno dei parenti di aver perpetrato una stregoneria nei suoi confronti: il calciatore del Liverpool, colpito da una lunga serie di problemi fisici, ha giocato soltanto 70’ incolori in tre partite.

Le prime tre partite di Coppa d’Africa di Naby Keita si riassumono in soli 70 minuti incolori nella sconfitta della sua Guinea contro la Nigeria per 1-0. Il centrocampista del Liverpool è ancora alle prese con una serie di problemi fisici che lo stanno tormentando da tempo e affossando le sue performance sia a livello di club che di nazionale, ma in patria il suo è diventato più che un caso, trasformandosi in qualcosa legato all'occulto.

Secondo quanto riportato dalla polizia di Conarky, capitale della Guinea, un gruppo di giovani tifosi ha assaltato la casa di famiglia di Naby Keita, accusando i parenti di aver perpetrato una sorta di stregoneria per peggiorare intenzionalmente le prestazioni del calciatore in campo.

“Abbiamo dovuto inviare una squadra per riportare la calma dopo che alcuni giovani hanno assalito l’abitazione di famiglia di Keita”, ha dichiarato alla BBC una fonte interna alla polizia.

Battendo il Burundi per 2-0, la Guinea si è comunque qualificata per gli ottavi di finale: domenica 7 luglio è in programma il match contro l’Algeria. Keita, rientrato per un paio di giorni a Liverpool per un consulto specialistico, è in dubbio per la partita.

Video - Nostalgia Italia: il 5 luglio, il giorno dei miracoli di Paolo Rossi e Roberto Baggio

01:06
0
0