Getty Images

Le pagelle di Real Madrid-Barcellona 0-3: Suarez spietato, Carvajal appannato

Le pagelle di Real Madrid-Barcellona 0-3: Suarez spietato, Carvajal appannato

Il 27/02/2019 alle 23:59Aggiornato Il 04/03/2019 alle 12:40

Diamo i voti ai protagonisti del match del Bernabeu. Suarez è l'hombre del partido, ma è Ter Stegen a tenere a galla il Barcellona nel momento di massima difficoltà. Messi "normale", Carvajal ha responsabilità sul gol. Vinicius è una forza della natura, ma pecca di cattiveria sotto porta.

===Real Madrid===

Keylor NAVAS 5,5 – Il primo gol è sul suo palo, per quanto fulmineo. Sugli altri ha poche colpe.

Daniel CARVAJAL 5 – Meno ficcante del solito in fase offensiva, distratto dietro. Il primo gol del Barcellona nasce nella sua zona di competenza, qualche dubbio anche sul secondo.

Sergio RAMOS 5 – Bene per un tempo, dove ha pochi problemi a dirigere la difesa. Poi si fa anticipare da Suarez sul gol che sblocca la gara. In una gara che sente come nessun'altra è un po' mancato il suo mordente.

Raphael VARANE 5 – Preciso in chiusura per buona parte del match, ma infila nella sua porta il gol che chiude la gara.

Sergio REGUILON 7 – Uno dei migliori dei suoi. Spinge con continuità e va a un passo da un gol che solo il miracoloso Ter Stegen gli nega. Presente anche nelle letture difensive, anche se Dembele lo passa sul filo del fuorigioco in occasione del 2-0.

Toni KROOS 5,5 – Non incanta il tedescone. In partita finchè i suoi reggono, poi scompare dal match.

CASEMIRO 6,5 – Re del centrocampo nei primi 45 minuti, spezza le sortite avversarie da mastino e verticalizza con tecnica brasiliana. Nella ripresa va in affanno anche lui. (dal 74' Federico VALVERDE SV)

Luka MODRIC 5,5 – Ordinato e preciso nel momento migliore dei suoi, poca roba dopo lo svantaggio. Dal Pallone d'Oro è lecito aspettarsi molto di più, specialmente in queste sfide.

Lucas VAZQUEZ 6 – Indemoniato nel primo tempo, anche se la foga lo porta a strafare e perdere lucidità. Nella ripresa cala anche lui. (dal 67' Gareth BALE 5 - Di lui si ricorda solo un dimenticabile mancino dal limite)

Karim BENZEMA 5,5 – Encomiabile nel lavoro sporco e nel pressing sul giropalla avversario, ma gli si chiede anche di segnare. Ha una grande occasione, ma sbatte contro Ter Stegen.

Junior VINICIUS 6,5 – Una forza della natura. Ma il suo voto non può che essere una media tra il giudizio alto per come spacca le partite e crea pericoli e uno negativo per la scarsa concretezza sottoporta. (dall'80' Marco ASENSIO SV)

All. Santiago SOLARI 5 - Per un tempo la sua squadra mette in grande difficoltà il Barcellona. Poi si spegne la luce e lui non sa come reagire. Valverde in campo per Casemiro non è proprio la mossa che ti aspetteresti da uno che deve recuperare il risultato.

===Barcellona===

Marc-Andre TER STEGEN 8 – Se il Barcellona tiene botta per 50 minuti, buona parte del merito va al portiere tedesco, uno dei migliori interpreti del ruolo in questo momento. Sempre sicuro nell'ordinario, strepitoso per riflessi e posizione su Vinicius, Benzema e Reguilon.

Nelson SEMEDO 5 – Soffre tremendamente la verve dell’asse Reguilon-Vinicius, imperversanti nella sua zona.

Clement LENGLET 6 – Soffre quando i velocisti madridisti inseriscono le marce alte, ma risponde quasi sempre colpo su colpo. E pazienza se l'eleganza è un'altra cosa.

Gerard PIQUE 6 – Un errore nel primo tempo, poi non concede più nulla. Il Clasico è roba sua, sempre presente anche in zona offensiva.

Jordi ALBA 6 – Meno offensivo del solito, anche se avvia l’azione del primo gol. Dietro fa la sua onesta partita.

Sergi ROBERTO 6 – Da centrocampista non incanta, meglio da terzino. Ma la sua duttilità è sempre preziosa.

Sergio BUSQUETS 6,5 - Umorale. Nervoso quando il Real corre, professore quando il Barcellona la mette sui binari voluti. Da lì controlla alla grande il centrocampo. (dall'85' ARTHUR SV)

Ivan RAKITIC 6,5 – Partita in crescendo, anche se fa sentire la sua grinta anche nel momento più difficile dei suoi. Vince la sfida tra croati con Modric.

Lionel MESSI 6 – Partita normale per il fenomeno argentino. Si accende poco, spesso ingabbiato dal centrocampo blanco. Suo il passaggio a Suarez che porta al rigore.

Luis SUAREZ 8 – Impalpabile per un tempo, nel secondo ha due palloni giocabili e sostanzialmente fa tre gol. Rapace sul primo, incombente nel costringere Varane all'autorete sul secondo, irriverente nel cucchiaio da rigore. L'hombre del partido nella sfida più sentita, senza se e senza ma. (dal 78' Arturo VIDAL SV)

Ousmane DEMBELE 6,5 – Nel primo tempo è fumoso, sembra giocare più per sè stesso che per la squadra. Poi estrae dal cilindro due assist, riscattandosi alla grande. (dal 75' Philippe COUTINHO SV)

All. Ernesto VALVERDE 7,5 - Il suo Barcellona incassa come un pugile per un tempo, poi si mangia il Madrid.

Video - Le cose che sono successe dall'ultimo Pallone d'Oro non vinto da Messi o Ronaldo

01:19
0
0